A- A+
Cronache
Erasmo D'Angelis dice che non c'è prevenzione idrogeologica

Gli ultimi tragici eventi legati al vento e ai temporali che hanno flagellato l’Italia ha riproposto l’annoso tema del dissesto idrogeologico del nostro Paese. Sono anni che se ne parla, ma i guai si ripresentano con metodica puntualità ad ogni autunno.

Ieri, Erasmo D’Angelis, a L’Aria che tira, su La 7, ha detto:

“Noi siamo abituati solo a gestire le emergenze, è questa la malattia italiana, non si prendono mai prevenzioni”.

Frase giustissima, peccato che D’Angelis sia stato responsabile per due volte di seguito proprio della struttura di missione sul dissesto idrogeologico presso Palazzo Chigi che Matteo Renzi aveva lanciato con fragore di grancassa come #italiasicura.

#italiasicura, ci aveva assicurato (scusate il gioco di parole voluto) il fiorentino, avrebbe messo magicamente tutto a posto ed infatti i risultati si vedono.

A guidare la struttura, come detto, era stato chiamato Erasmo D’Angelis, laureato in psicologia che ha un passato ambientalista e da giornalista a Il Manifesto e in Rai, ma anche politico e la sua carriera non è facilmente ricostruibile per i molti incarichi ricoperti.

Nel 2013 è stato sottosegretario al ministero delle Infrastrutture e Trasporti con il governo Letta mentre Matteo Renzi lo mette, appunto, nel 2014 a capo della struttura di missione sul dissesto idrogeologico. Nel 2015 diviene direttore de l’Unità dove fu rimosso a causa delle scarse vendite per tornare a Palazzo Chigi sempre a capo della struttura sul dissesto idrogeologico.

Una sorta di percorso protetto, insomma mentre i giornalisti non hanno avuto questo paracadute.

Uno dei primi atti del governo giallo-verde è stato quello di riportare -correttamente- al ministero dell’Ambiente la gestione del rischio idrogeologico.

D’Angelis risulta essere ancora segretario generale dell’Autorità di bacino distrettuale dell’Appennino Centrale, approdatovi sempre grazie Matteo Renzi.

Epica la sua dichiarazione per l’ultimo approdo: “C'era una missione delicata da svolgere e io mi sono reso disponibile".

Tornando alla dichiarazione di D’Angelis la domanda è: negli anni precedenti (a proposito della famosa “prevenzione”) cosa è stato fatto per risolvere il problema del dissesto idrogeologico? A guardare dalle tragedie che continuano ad avvenire la risposta è: nulla o comunque molto poco visto che il problema è ancora lì.

E quindi, forse allora l’hastag da utilizzare sarebbe dovuto essere #italiainsicura, così, tanto per restare nella realtà.

 

Commenti
    Tags:
    erasmo d'angelisdissesto idrogeologicomatteo renzil'aria che tira

    in evidenza
    Coca Cola, ecco il nuovo spot "Babbo Natale sei tu". Video

    MediaTech

    Coca Cola, ecco il nuovo spot
    "Babbo Natale sei tu". Video

    i più visti
    in vetrina
    "The art of Banksy". Le opere del writer in mostra al Mudec di Milano

    "The art of Banksy". Le opere del writer in mostra al Mudec di Milano

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

    Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.