A- A+
Cronache
Femminicidio, pena dimezzata per tempesta emotiva. Sentenze choc, i precedenti

"Tempesta emotiva". Così è stato motivato il dimezzamento della pena all'ex compagno di Olga Mattei. L'uomo ha visto ridursi del 50 per cento la sua pena da una decisione della Corte d'Appello di Bologna che ha scatentato grandissime polemiche. Il killer aveva confessato di aver strangolato a mani nude la compagna per motivi di gelosia. Le critiche sono state bipartisan. Il M5s ha sottolineato come la gelosia non possa essere considerata un'attenuante. Forza Italia ha parlato di vergogna. Il ministro Giulia Bongiorno ha parlato di "ritorno al passato", riferendosi all'antico "delitto d'onore".

LE PRECEDENTI SENTENZE CHE AVEVANO FATTO DISCUTERE SU VIOLENZE AI DANNI DELLE DONNE

Ma quella di Bologna è solo l'ultima di una serie di sentenze che hanno fatto molto discutere in materia di femminicidi. Ecco qualche precedente. 

Nel 1999 la Cassazione negò uno stupro perché la presunta vittima "indossava i jeans", dunque "un indumento che non si può sfilare nemmeno in parte senza la fattiva collaborazione di chi lo porta“.

Il 20 gennaio 2006, sezione Penale della Cassazione, riduce la condanna al patrigno di una 14enne, accusato di aver stuprato la ragazzina. La condanna viene ridotta perché la ragazza non era più vergine.

Nel 2011 una sentenza della Cassazione stabilisce che il carcere non è sempre obbligatorio per gli accusati di stupro di gruppo, interpretando una sentenza della Corte Costituzionale del 2010. Nel 2012 un'altra sentenza sempre sul tema dello stupro di gruppo ha stabilito uno sconto di pena per chi “non abbia partecipato a indurre la vittima a soggiacere alle richieste sessuali del gruppo, ma si sia semplicemente limitato a consumare l’atto”. 

Lo scorso anno una sentenza della Cassazione ha invece annullato con rinvio la condanna di secondo grado ai danni di due imputati per stupro, contestando l'aggravante di "aver commesso il fatto con l'uso di sostanze alcoliche". Secondo i giudici l'uso (o abuso) di alcolici  deve essere "necessariamente strumentale alla violenza sessuale, ovvero deve essere il soggetto attivo del reato che usa l'alcool per la violenza, somministrandolo alla vittima. L'uso volontario da parte della vittima incide sulla valutazione del valido consenso, ma non anche sulla sussistenza dell'aggravante".

Ora la sentenza sul caso di Olga Mattei, che fa e farà discutere non poco.

Commenti
    Tags:
    femminicidiosentenza bolognafemminicidio sentenzeomicidio olgatempesta emotivasentenza femminicidio
    in evidenza
    BELEN, CHE LATO B A FORMENTERA LA FOTO INFIAMMA I SOCIAL

    Belen, Diletta Leotta e... GALLERY

    BELEN, CHE LATO B A FORMENTERA
    LA FOTO INFIAMMA I SOCIAL

    i più visti
    in vetrina
    Sesso, i 10 sex toy dell'estate. Tra luglio e agosto +20% vendite

    Sesso, i 10 sex toy dell'estate. Tra luglio e agosto +20% vendite


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Audi svela la nuova RS 6 Avant

    Audi svela la nuova RS 6 Avant


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.