A- A+
Cronache
Firenze, condannato a 4 anni e 8 mesi uno dei carabinieri accusati di stupro
Advertisement

Una condanna per stupro, un rinvio a giudizio per lo stesso reato. Finisce così il primo capitolo del processo contro Marco Camuffo, 48 anni, e Pietro Costa, 33 anni, i due ex carabinieri accusati di aver violentato due studentesse americane che accompagnarono con l’auto di servizio a casa. Camuffo, processato con rito abbreviato e che dunque ha beneficiato di un sconto di un terzo della pena, è stato condannato a 4 anni e 8 mesi di carcere. Mentre per Costa, che è stato rinviato a giudizio (prima udienza 10 maggio 2019), si apre un processo ordinario sempre per stupro. Il pm Ornella Galeotti aveva chiesto 5 anni e 8 mesi per Camuffo e il rinvio a giudizio per Costa. Le difese avevano chiesto l’assoluzione e il proscioglimento dei due ex militari. L’avvocato Giorgio Carta, legale di Costa, ha anche annunciato una denuncia per calunnia nei confronti delle due studentesse americane che ieri non erano presenti all’udienza e hanno appreso la notizia della condanna e del rinvio a giudizio dai loro avvocati italiani. Durante l’udienza, Camuffo, l’unico presente dei due imputati, ha fatto una dichiarazione spontanea affermando che non fu sua l’idea di accompagnare le due ragazze a casa (le studentesse erano appena usciti da una discoteca) e si è proclamato innocente sostenendo che la studentessa era consenziente. Durante l’udienza, davanti al giudice Fabio Frangini, i legali dei due imputati si sono battuti per l’innocenza dei loro assistiti, affermando che non vi fu violenza perché le ragazze sarebbero state consenzienti. I due ex militari hanno sempre ammesso di aver avuto rapporti sessuali con le due ragazze, ma hanno sempre negato la violenza. «Loro erano d’accordo», hanno detto. Versione che, davanti al gup, Camuffo ha ribadito rendendo dichiarazioni spontanee, sottolineando però che non fu lui a decidere di accompagnare le ragazze dalla discoteca alla loro casa di Firenze, ma fu iniziativa del collega Costa. Le due studentesse, come confermato dagli esami del sangue, erano in stato di ebbrezza e dunque, secondo le parti civili e l’accusa, incapaci di intendere e volere. Dopo la giustizia ordinaria Camuffo e Costa dovranno anche sottoporsi al giudizio di quella militare.

Commenti
    Tags:
    firenze carabiniere condannato

    in evidenza
    Il fatto della settimana Il rogo di Milano visto dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Il rogo di Milano visto dall'artista

    i più visti
    in vetrina
    Royal Family News: Harry sul ponte di Sidney, Meghan Markle non c'è. FOTO

    Royal Family News: Harry sul ponte di Sidney, Meghan Markle non c'è. FOTO

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio si aggiudica il “Driver’s Award”

    Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio si aggiudica il “Driver’s Award”

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.