A- A+
Cronache

 

Sono 49 le misure cautelari emesse nei confronti di altrettanti dipendenti dell'Alitalia Cai, nell'ambito dell'operazione della Polizia di Stato, che ha condotto questa mattina all'arresto in tutta Italia dei responsabili di decine di furti nei bagagli da stiva di passeggeri di aerei.

Sono tutti addetti alle operazioni di movimento bagagli. L'operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme e diretta dal Direttore della V Zona di Polizia di Frontiera, Antonio Del Greco, ha visto impegnati numerosi agenti di Polizia, che hanno dato esecuzione ai provvedimenti restrittivi disposti dall'Autorita' Giudiziaria. In particolare - si legge in una nota della Polizia di Frontiera del Leonardo da Vinci - sono stati sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari 19 dipendenti Alitalia addetti alle operazioni di handling, mentre per gli altri 30 operai, sempre addetti al carico/scarico bagagli, è stata notificata la misura cautelare dell'obbligo di presentazione quotidiana alla Polizia Giudiziaria.

''Misure, queste - viene spiegato - predisposte al fine di evitare la reiterazione dei reati contestati, ovvero i delitti di tentato furto e furto consumato aggravati, nonche' di danneggiamento, commessi in danno degli ignari clienti della compagnia di bandiera''.
 


RISCHIANO 6 ANNI - Gli autori dei furti rischiano pene fino a 6 anni di reclusione, oltre che la perdita del posto di lavoro. L'attivita' di indagine, effettuata in stretta sinergia con gli investigatori della Polizia di Frointiera di Lamezia Terme, oltre che agli arresti eseguiti nella capitale, ha permesso di assicurare alla Giustizia altri 37 dipendenti infedeli di altre societa' di handling di cui si avvale Alitalia in altri scali per analoghi reati commessi in diversi aeroporti nazionali. Per il buon esito dell'attivita' investigativa - viene sottolineato dalla Polizia di Frontiera - ''determinante e' stato il ruolo della Direzione Sicurezza di Alitalia Cai, che ha collaborato fattivamente con gli inquirenti mettendosi costantemente a disposizione della Polizia Giudiziaria nelle fasi piu' delicate dell'indagine''.

L'ALITALIA - La compagnia di bandiera, in una nota, ha fatto sapere che "il proficuo scambio, tra Alitalia e la Polizia di Frontiera, delle reciproche conoscenze, competenze ed esperienze professionali, unito alla fattiva collaborazione della Compagnia, hanno consentito di raggiungere un importante risultato, permettendo alla magistratura inquirente, che ha coordinato tutte le fasi dell'indagine, di emettere gli odierni provvedimenti restrittivi nei confronti dei presunti colpevoli".  





 

 



 

Nel video un blitz della Polizia di Stato a Fiumicino che ha consentito l'arresto di un ladro "seriale" di bagagli a mano proprio grazie al supporto delle telecamere a circuito chiuso sistemate all'interno dell'aeroporto romano

Tags:
furtibagagliarrestiaeroporto
in vetrina
LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS

LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS

i più visti
in evidenza
Heidi Klum, Taylor Mega e poi... Tutti i topless da urlo (e non solo)

Belen, Diletta Leotta e... GALLERY

Heidi Klum, Taylor Mega e poi...
Tutti i topless da urlo (e non solo)


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova Astra debutta in anteprima mondiale a Francoforte 2019

Nuova Astra debutta in anteprima mondiale a Francoforte 2019


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.