A- A+
Cronache
Gad Lerner si trasforma in Eugenio Scalfari

Gad Lerner è uno dei sacerdoti ortodossi più famosi, di rito capalbiano. Agi, lussi, orologioni, magliettine firmate sgargianti (in genere rosse o rosa o fucsia), appelli per i poveri, rigorosamente emessi da posti meravigliosi e/o villoni. Non c’è niente di male, intendiamoci, anche perché sono proprio questi comportamenti che hanno fatto decollare una rivoluzione mondiale populista e sovranista. Senza di loro non sarebbe stato possibile. E quindi sono degni di ringraziamento.

Abbiamo già analizzato lo strano fenomeno della trasformazione kafkiana a Propaganda Live di Marco Damilano, direttore de L’Espresso, in Nanni Moretti. Trasformazione in senso fisico, intendo. Stesso tono della voce, stessi tic, stesso tipo di sguardo obliquo, stessa barba.

Ma gli emuli (o le vittime?) del protagonista, Gregor Samsa, del romanzo dello scrittore praghese sono molti.

L’altra sera Gad Lerner, in Tv, lanciava l’ennesimo appello non so più se pro sinistra o contro “sinistra che ha sbagliato ad interpretare la società”, ma ho osservato lo stesso inquietante fenomeno della settimana prima. Lerner, lentamente e, appunto kafkianamente, stava trasformandosi: questa volta in Eugenio Scalfari, il fondatore di Repubblica che qualche tempo fa, parlando direttamente con Dio facendo fuori l’intermediazione professionale di Papa Francesco, aveva dato al mondo la novità teologica del millennio: l’Inferno non esiste, anche se il teologo Hans Urs von Balthasar aveva detto che era vuoto.

Come era già successo con Damilano, anche Lerner si è trasformato zelighianamente sotto i miei occhi: stessa barba, stesso sguardo inquietante tra Gioacchino da Fiore e Savonarola, stessa compiutezza di sé e autoreferenzialità non lineare.

Sarà un fenomeno di massa, la trasformazione dell’intellettuale radical chic di sinistra in archetipo? Assisteremo, voglio dire, ad altre magiche trasformazioni, come quella della Boldrini nella Boschi, di Grasso in Violante, della Boschi in Santa Rita da Cascia, di Cacciari in Bertinotti? Non lo possiamo sapere. Né possiamo sapere se lo strano fenomeno sia dovuto alle misteriose “radiazioni P”, cioè quelle emesse dai populisti e che trasformano i radical chic tra loro.

Ci sta lavorando Piero Angela, che però da tempo si presenta anche come Alberto Angela, o è viceversa? Oddio, non si capisce più niente…Dannate radiazioni.

Commenti
    Tags:
    gad lernereugenio scalfarinanni morettimarco damilanolaura boldrinipiero angelapapa francesco
    in evidenza
    Raffaella Fico, tacchi a spillo ... e lato B da urlo. LE FOTO

    Pedron topless. Gallery delle Vip

    Raffaella Fico, tacchi a spillo
    ... e lato B da urlo. LE FOTO

    i più visti
    in vetrina
    Temptation Island Vip 2, Anna Pettinelli lacrime: "Sto male, a Stefano piace.." Temptation Island Vip 2019 News

    Temptation Island Vip 2, Anna Pettinelli lacrime: "Sto male, a Stefano piace.." Temptation Island Vip 2019 News


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford: svelata la nuova Puma Titanium X

    Ford: svelata la nuova Puma Titanium X


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.