A- A+
Cronache
Huawei, dipendente del gruppo arrestato in Polonia. Tensione con la Cina
(foto Lapresse)

Huawei: dipendente del gruppo arrestato in Polonia per spionaggio

Un dipendente cinese del colosso delle telecomunicazioni Huawei e un cittadino polacco sono stati arrestati in Polonia per il sospetto di spionaggio. Lo riferisce l'agenzia di stampa polacca Pap, che cita il vice capo dei servizi speciali polacchi, Maciej Wasik. I due saranno trattenuti per tre mesi, secondo il portavoce delle forze speciali polacche, citato dalla Pap. La conferma dell'affiliazione dell'uomo d'affari cinese con il gruppo di Shenzhen e' arrivata dall'emittente televisiva pubblica polacca Tvp, che ha parlato di perquisizioni agli uffici polacchi del colosso delle telecomunicazioni cinese e del gruppo di telecomunicazioni Orange. 

Secondo il Wall Street Journal, che cita quanto rivelato da Telewizja Polska, gli agenti dell'agenzia del controspionaggio polacco hanno perquisito gli uffici di Huawei, sequestrando documenti e dati elettronici. Perquisita anche la casa del direttore vendite della Huawei, un cittadino cinese il cui nome non e' stato divulgato ma che e' stato identificato come un laureato in una delle migliori scuole di intelligence della Cina, nonche' come un ex dipendente del consolato cinese della citta' portuale di Danzica.    Nell'ambito della stessa indagine, l'Agenzia per la sicurezza interna della Polonia ha anche arrestato un suo ex dirigente, un cittadino polacco, di cui non ha divulgato il nome e che ha ricoperto il ruolo di vice capo del dipartimento di sicurezza IT dell'agenzia. Costui era a conoscenza del funzionamento interno della rete di comunicazioni criptate del governo polacco, che viene utilizzata dai suoi piu' alti funzionari. Entrambi glui arrestati sono accusati di spionaggio. "Huawei e' al corrente della situazione" fa sapere un portavoce della compagnia cinese.

Huawei: Cina, "grande preoccupazione" per arresto in Polonia

La Cina si dice "molto preoccupata" per l'arresto in Polonia di un dipendente del gruppo di telecomunicazioni Huawei. Lo ha dichiarato il ministero degli Esteri in seguito alla diffusione della notizia da parte dei media polacchi, chiedendo alla Polonia di "assicurare i diritti legittimi dell'individuo coinvolto".

Huawei: non commenta arresto in Polonia, "siamo al corrente" 

Il gigante delle telecomunicazioni cinese, Huawei, sceglie di non commentare direttamente la notizia diffusa dai media polacchi dell'arresto di un suo dipendente in Polonia con l'accusa di spionaggio, ma afferma di essere "al corrente" della situazione e di stare operando verifiche a riguardo. "Huawei", scrive il gruppo in una nota citata dall'agenzia Reuters, "si attiene a tutte le leggi e i regolamenti applicabili nei Paesi in cui opera e chiediamo a tutti gli impiegati di obbedire alle leggi e alle regolamentazioni nei Paesi dove sono basati". 

Commenti
    Tags:
    huaweipoloniacina
    in evidenza
    Il fatto della settimana Cesare Battisti visto dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Cesare Battisti visto dall'artista

    i più visti
    in vetrina
    Neve in pianura. Neve a Milano e Torino. Confermato. Ecco quando. Meteo neve

    Neve in pianura. Neve a Milano e Torino. Confermato. Ecco quando. Meteo neve


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan presenta l’innovativo Concept-van NV300

    Nissan presenta l’innovativo Concept-van NV300


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.