Inchiesta vip/ Lele Mora: "Con Corona amore platonico"

Mercoledì, 29 settembre 2010 - 13:00:00

221x397corona belen 18

Corona "aveva una relazione con me" e gli "ho comprato 8 autovetture a partire da una Audi cabriolet per arrivare alla Bentley Continental. Anche l'appartamento di via De Cristoforis a Milano gliel'ho comprato io, o meglio ho rifornito Corona di circa 1 milione 500mila euro in contanti che doveva utilizzare per l'acquisto dell'appartamento".

Sono le rivelazioni di Lele Mora contenute in un interrogatorio del 13 ottobre scorso, nell'ambito dell'inchiesta chiusa dai pm Egenio Fusco e Massimilano Carducci nei confronti di 8 persone, tra le quali Corona e Mora, indagate, a vario titolo, per i reati di emissione di fatture false, dichiarazione fraudolenta mediante utilizzo di fatture false, omessa presentazione della dichiarazione dei redditi, bancarotta fraudolenta e riciclaggio. Mora, rispondendo a una domanda del pm su come avesse "impiegato il flusso in contante ricevuto nel tempo da Silvestri (ndr Marcello Silvestri, imprenditore, anch'egli destinatario del provvedimento di chiusura delle indagini nel luglio scorso), e che e' stato quantificato in tre milioni nel periodo 2004 - 2006", afferma di aver comprato all'ex 're di Vallettopoli' 8 auto e un appartamento.

A questo punto, Fusco gli chiede di circostanziare le modalità con cui "ha elargito il denaro a Corona per l'acquisto della casa di via De Cristoforis. E Mora spiega: "Nel 2005 sono iniziati i grandi litigi tra Corona e la Moric, avendo lei scoperto l'esistenza della relazione del marito con me. Cosa che io avevo sempre negato e che poi e' emersa durante l'indagine Vallettopoili. In quel periodo capitava spesso che Corona venisse butatto fuori di casa e mi chiedeva ospitalità. Io gli avevo consigliato, vista la situazione, di prendersi una casa per proprio conto. Gli avevo anche detto che l'avrei certamente aiutato sul piano economico. Come in effetti è stato. In quel periodo un mio conoscente mi aveva mostrato un appartamento in via De Cristoforis chiedendomi se potevo essere interessato. Io ho pensato subito di farlo vedere a Corona al quale avevo anche consigliato di prenderlo pure in affitto".

LE FOTO DI MIELI- "Ho dato io a Giampiero Fiorani, nell'estate del 2007, a pranzo a casa di Lele Mora, a Milano in viale Monza, le fotografie che ritraevano il giornalista Paolo Mieli con una ragazza. A dire la verità io ho dato a Fiorani sia la stampa delle fotografie che il cd con i relative files". E' uno dei passaggi dell'interrogatorio reso da Fabrizio Corona, il 27 ottobre del 2009 ai pm di Milano, nell'ambito
dell'indagine in cui è accusato, tra l'altro, di bancarotta fraudolenta. L'ex 're di Vallettopoli' non spiega in modo più dettagliato cosa si nascondesse dietro quel 'passaggio' di fotografie.

FATTORIA? TELEVOTO FINTO-  "È stato finto il televoto".Così Fabrizio Corona parlava al telefono con un suo collaboratore, appena 'uscitò dal reality 'La Fattorià il 22 marzo del 2009, intercettato dagli investigatori nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Milano su una maxi-evasione fiscale che vede indagati, anche per bancarotta, il 'fotografo dei vip' e l'agente di spettacolo Lele Mora. Negli atti depositati dopo la chiusura dell'inchiesta, infatti, c'è anche una relazione della Guardia di Finanza di Milano nella quale si fa riferimento alle «anomalie riscontrate nel televoto» che fece uscire dal reality Corona, creando una «situazione idonea ad ingannare i telespettatori». Nella relazione si spiega che Corona «subito dopo la sua esclusione dal programma televisivo» chiamò il suo collaboratore Marco Bonato "al quale confidava che il televoto che avrebbe decretato la sua esclusione, da parte dei telespettatori, sarebbe stato finto, in quanto era già previsto che avrebbe dovuto lasciare il programma la sera del 22 marzo". I finanzieri, nella relazione trasmessa alla Procura di Milano, parlano anche degli esposti delle associazioni dei consumatori subito dopo l'uscita di Corona dal reality.

Le intercettazioni di Fabrizio Corona sono emerse grazie alla documentazione inviata dal Codacons alla Guardia di Finanza di Milano, nella quale si denunciavano possibili irregolarita' legate al televoto della trasmissione 'La Fattoria'. Lo dice l'associazione dei consumatori con una nota. "Abbiamo segnalato alle Fiamme Gialle il sospetto che quel televoto fosse truccato - spiega il presidente Codacons, Carlo Rienzi - e a seguito di tale denuncia, siamo stati contattati dalla GdF di Milano, cui abbiamo fatto avere tutta le documentazione del caso in nostro possesso". "Alla luce di quanto emerso, chiediamo un incontro urgente a Rai e Mediaset, finalizzato a stabilire nuove regole in grado di evitare alterazioni del televoto, non essendo sufficienti le disposizioni recenti dell'Antitrust. Intanto, i telespettatori che hanno speso soldi per televotare i concorrenti dell'edizione 2009 de 'La Fattoria', possono chiedere la restituzione di quanto pagato, esibendo come prova i tabulati telefonici che attestano le chiamate effettuate o gli sms inviati", conclude Rienzi.

LA EX MOGLIE NINA MORIC - "Se avessi Corona davanti a me gli direi: 'Fabri, sei un uomo perso, ritrova te stesso'. Io ringrazio Dio per avermi tolto da tutto questo. Ora sono una spettatrice. I problemi spettano a lui, alla sua compagna e alla sua coscienza". Così reagisce Nina Moric, in un'intervista a 'Chi' (in edicola mercoledì 29 settembre), all'indomani della pubblicazione dei verbali di Lele Mora, in cui il manager sostiene dinanzi ai magistrati Eugenio Fusco e Massimiliano Carducci - che lo hanno indagato per bancarotta fraudolenta ed evasione fiscale insieme con Corona e altre persone - di avere avuto una relazione con Fabrizio. "Non detesto Lele Mora. Lui come me, si è sentito una "donna" ferita. Solo che io ero la moglie ferita, lui... il terzo incomodo - dice Nina Moric -. Prego il buon Dio che nessun bambino dica niente a Carlos",
dice Nina. E ancora. "Avrei preferito che Fabrizio fosse veramente gay. Un gay dichiarato senza problemi interiori, problemi irrisolti. Avrà sicuramente usato Lele, altrimenti mica glieli dava 2 milioni di euro! Mora non è stupido, ma è stato ingannato, raggirato, anzi illuso. Proprio come me. Ora Lele sta bene - conclude -. Si è tolto un peso. Ripeto, non è uno stupido e adesso può camminare a testa alta". La Moric parla anche del passato. "Ho sempre avuto il sospetto, dubbi su
dubbi e se lui aveva una doppia vita, doveva dirmelo. Sono cattolica e credente. Abbiamo siglato il nostro matrimonio dinanzi a Dio. Non ci volevo e non ci voglio credere. Ho il vomito".


Novella 2000
LE IMMAGINI

LA SMENTITA DI FABRIZIO CORONA -
"Lele, sono stato un ingrato. Ma non sono mai stato gay". Così Fabrizio Corona smentisce le dichiarazioni di Lele Mora in merito a una relazione tra i due sul prossimo numero di Novella2000, in edicola da giovedì 30 settembre. "Mente, con lui sono stato un ingrato, ma non merito questo fango", dichiara Corona, che già a Striscia la Notizia aveva assicurato di poter fornire documenti che attesterebbero che le automobili e la casa di Milano non sono stati regali del suo ex mentore. Mora ha affermato di aver avuto una relazione con Corona, di avere speso per lui "circa 2 milioni di euro" tra il 2004 e il 2009 e di avergli regalato anche 8 auto di lusso e dato denaro in contanti per l'acquisto di un appartamento a Milano in via C. De Cristoforis. E nel corso della trasmissione "Matrix" Mora ha poi dichiarato di aver venduto, diversi anni fa, orologi e altri preziosi per aiutare Corona in un momento di difficoltà economica, ma nel momento in cui lui ha avuto bisogno l'agente dei fotografi non avrebbe ricambiato quell'aiuto. E Corona, a 'Striscia', risponde: "Chiedo scusa a Lele, quanto raccontato a 'Matrix' è vero. Lo ringrazio, mi ha sempre aiutato, e quando sono stato arrestato e ogni bene mi è stato sequestrato ha effettivamente venduto i suoi orologi. Anche io l'ho aiutato in alcune piccole cosa, ma 3 mesi fa mi ha chiesto un prestito e non gliel'ho concesso".

LELE MORA RITRATTA - Con Fabrizio Corona fu "amore platonico". Così Lele Mora a 'Striscia la notizia', dopo che l'ex fotografo dei vip ha smentito che tra loro vi fosse una relazione come emerso dai verbali degli interrogatori dell'agente dei vip nell'ambito dell'inchiesta Vallettopoli. "A volte si può star bene anche con un amore platonico, non serve un amore sessuale", ha detto l'agente dei vip a 'Striscia'. "Io sono come un papà, voglio bene a tante persone, a Corona ho voluto bene un po' di più - ha spiegato -. Non ho mai parlato di relazione, bisogna leggere i verbali e capirete quello che ho detto". E, riguardo ai 2 milioni di euro che Corona sostiene di non aver mai ricevuto per l'acquisto di un appartamento, Mora risponde: "Forse gliene ho dati di piu'". L'inviato del tg satirico ha poi intervistato Nina Moric, ex moglie di Corona. "Io voglio dire una cosa, la mia vita è cambiata da quando non c'è più Fabrizio e voglio che rimanga così", ha affermato la Moric. "Quando sei in mezzo a una storia così magari all'inizio ti viene la repulsione - ha tagliato corto -. Invece adesso vivo da spettatrice e a me sinceramente non tocca più".

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA