A- A+
Cronache
Bergoglio si racconta: "Ratzinger? Ce ne saranno altri come lui"

Il Papa emerito "non e' una statua in un museo. E' una istituzione. Non eravamo abituati. Sessanta o settant'anni fa, il vescovo emerito non esisteva. Venne dopo il Concilio. Oggi e' un'istituzione. La stessa cosa deve accadere per il Papa emerito". Papa Bergoglio, in una lunga intervista al 'Corriere della Sera', spiega il suo rapporto con Benedetto XvI. "Benedetto e' il primo e forse ce ne saranno altri", continua Papa Francesco. E ancora: "Ne abbiamo parlato e abbiamo deciso insieme che sarebbe stato meglio che vedesse gente, uscisse e partecipasse alla vita della Chiesa". La sua saggezza, osserva Francesco, "e' un dono di Dio. Qualcuno avrebbe voluto che si ritirasse in una abbazia benedettina lontano dal Vaticano. Io ho pensato ai nonni che con la loro sapienza, i loro consigli danno forza alla famiglia e non meritano di finire in una casa di riposo".

Non sono superman ma una persona normale - "Dipingere il Papa come una sorta di superman, una specie di star, mi pare offensivo. Il Papa e' un uomo che ride, piange, dorme tranquillo e ha amici come tutti. Una persona normale". Papa Francesco si racconta in un'intervista al direttore del 'Corriere della Sera' Ferruccio De Bortoli. "Mi piace stare tra la gente, insieme a chi soffre, andare nelle parrocchie - spiega - non mi piacciono le interpretazioni ideologiche, una certa mitologia di papa Francesco. Quando si dice per esempio che esce di notte dal Vaticano per andare a dar da mangiare ai barboni in via Ottaviano. Non mi e' mai venuto in mente. Sigmund Freud diceva, se non sbaglio, che in ogni idealizzazione c'e' un'aggressione".

Abusi su bimbi tremendi, Chiesa si e' mossa con trasparenza - "I casi di abusi sono tremendi perche' lasciano ferite profondissime. Benedetto XVI e' stato molto coraggioso e ha aperto una strada. La Chiesa su questa strada ha fatto tanto. Forse piu' di tutti". Lo sottolinea Papa Francesco in una lunga intervista al 'Corriere della Sera' in cui fa un bilancio del suo primo anno di Pontificato. "Le statistiche sul fenomeno della violenza dei bambini sono impressionanti - dice ancora Papa Bergoglio - ma mostrano anche con chiarezza che la grande maggioranza degli abusi avviene in ambiente familiare e di vicinato. La Chiesa cattolica e' forse l'unica istituzione pubblica ad essersi mossa con trasparenza e responsabilita'. Nessun altro ha fatto di piu'. Eppure la Chiesa e' la sola ad essere attaccata".

Attenzione ai divorziati, su unioni civili valutare i casi - Quello della famiglia e' un tema centrale, "un lungo cammino che la Chiesa deve compiere. Un processo voluto dal Signore". E' quanto afferma Papa Bergoglio in un'intervista al 'Corriere della Sera' in cui racconta il suo primo anno da Papa. "E' alla luce della riflessione profonda che si potranno affrontare seriamente le situazioni particolari, anche quelle dei divorziati, con profondita' pastorale", spiega Bergoglio, per il quale la crisi attraversa "una crisi molto seria". E osserva: "I giovani si sposano poco. Vi sono molte famiglie separate nelle quali il progetto di vita comune e' fallito. I figli soffrono molto. Noi dobbiamo dare una risposta. Ma per questo bisogna riflettere molto in profondita'. E' quello che il Concistoro e il Sinodo stanno facendo". E sulle unioni civili: "Si tratta di patti di convivenza di varia natura, di cui non saprei elencare le diverse forme. Bisogna vedere i diversi casi e valutarli nella loro varieta'".

Chiesa ha articolo "la", e' femminile dalle origini - La Chiesa "ha l'articolo femminile "la": e' femminile dalle origini". E' quanto afferma Papa Bergoglio nella lunga intervista rilasciata al 'Corriere della Sera' in cui racconta il primo anno di pontificato. "Il grande teologo Urs von Balthasar lavoro' molto su questo tema - spiega Papa Francesco - il principio mariano guida la Chiesa accanto a quello petrino. La Vergine Maria e' piu' importante di qualsiasi vescovo e di qualsiasi apostolo. L'approfondimento teologale e' in corso. Il cardinale Rylko, con il Consiglio dei Laici, sta lavorando in questa direzione con molte donne esperte di varie materie".

Nessuno e' obbligato a mezzi straordinari in termine vita - "La dottrina tradizionale della Chiesa dice che nessuno e' obbligato a usare mezzi straordinari quando si sa che e' in una fase terminale". Lo dice Papa Francesco nell'intervista rilasciata al direttore del 'Corriere della Sera' Ferruccio De Bortoli. "Nella mia pastorale, in questi casi - racconta Papa Francesco rispondendo a una domanda sul testamento biologico - ho sempre consigliato le cure palliative. In casi piu' specifici e' bene ricorrere, se necessario, al consiglio degli specialisti".

Tags:
papabenedetto xvi

in vetrina
Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

i più visti
in evidenza
Gf Vip 3 cast, colpo di scena Annunciati 2 nuovi concorrenti

Spettacoli

Gf Vip 3 cast, colpo di scena
Annunciati 2 nuovi concorrenti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Ferrari Monza SP1 e SP2, il nuovo concetto di serie speciale

Ferrari Monza SP1 e SP2, il nuovo concetto di serie speciale

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.