A- A+
Cronache
L’Imprenditore italiano Becchetti vince una battaglia legale contro l'Albania

Un tribunale internazionale ha recentemente stabilito all’unanimità che il Governo albanese è colpevole, per la sua condotta corrotta e ingiusta nei confronti dell’imprenditore Francesco Becchetti, di persecuzione politica. Becchetti, residente a Londra, è il proprietario di Agon Channel, una emittente televisiva paneuropea che trasmetteva dall’Albania. Agon Channel - che impiega più di 500 persone in Albania - aveva assunto una posizione critica nei confronti del Governo albanese e dell’attuale Primo Ministro, Edi Rama.

Con la sentenza, il tribunale internazionale ha ritenuto che il Governo Rama abbia emesso un mandato d’arresto motivato da mere ragioni politiche contro il Sig. Becchetti e il suo socio in affari, accusandoli ingiustamente di evasione fiscale, falsificazione di documenti, appropriazione indebita e riciclaggio di denaro, richiedendone inoltre l’estradizione dal Regno Unito.

Durante l’arbitrato, già i tribunali di Londra avevano rifiutato le richieste di estradizione da parte Albanese considerandole un grave abuso e l’Interpol aveva ritirato i mandati di arresto internazionali contro Becchetti e il suo socio in affari, De Renzis, dopo che l’Albania non è stata in grado di giustificarli. Il tribunale ha condannato l’Albania per l’esproprio illecito dell’emittente televisiva Agonset, in violazione del trattato bilaterale per gli investimenti tra Italia e Albania, e ha disposto il pagamento di 140 milioni di euro come risarcimento nei confronti di Francesco Becchetti e altri, da parte del Governo albanese. Francesco Becchetti ha commentato: “Io e la mia famiglia siamo lieti che i quattro anni di battaglie legali e lotte contro l’arresto illegale e la persecuzione politica siano giunti alla fine. I nostri primi pensieri vanno a tutte le famiglie dei dipendenti del Gruppo che hanno dovuto soffrire così ingiustamente a causa delle azioni precipitose del Governo albanese corrotto.

Siamo contenti che il tribunale abbia fatto lo straordinario passo nel confermare che siamo stati oggetto di persecuzione da parte dello Stato. Non vediamo l’ora di proseguire con le nostre vite e attività.” La polizia albanese ha fermato i dipendenti di Agon Channel al confine e li ha sottoposti a perquisizione quando stavano lasciando il Paese. I soggetti, che sono stati definiti dal Governo “persone molto pericolose”, includono giornalisti, direttori e analisti, nonché cameramen, operatori e parrucchieri.

Commenti
    Tags:
    agon channelfrancesco becchetti
    in evidenza
    Francesca Manzini, che lezione Nuda contro il body shaming

    Le foto e post dell'imitatrice

    Francesca Manzini, che lezione
    Nuda contro il body shaming

    i più visti
    in vetrina
    GIULIA DE LELLIS TOPLESS: UN CAPOLAVORO! Le foto delle Vip

    GIULIA DE LELLIS TOPLESS: UN CAPOLAVORO! Le foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lexus RX Hybrid, si rinnova e fissa nuovi standard

    Lexus RX Hybrid, si rinnova e fissa nuovi standard


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.