A- A+
Cronache
Legittima difesa,Consiglio Stato: "Subire furti non dà diritto a porto d'armi"

Consiglio Stato: aver subito furti non da' diritto a porto armi

Aver subito dei furti in azienda ed essere titolare di un'impresa non danno diritto al porto d'armi. Nel pieno del dibattito sulla legittima difesa, il Consiglio di Stato ha messo un paletto pronunciando sulla richiesta di un imprenditore bresciano, titolare di un'azienda con cento addetti a Piancamuno, specializzata nel montaggio e manutenzione di impianti industriali. Nel 2008, preoccupato di un'escalation di furti, l'uomo aveva chiesto il porto d'armi per una pistola per difesa personale. Domanda respinta dal prefetto, che aveva ritenuto insussistenti gli elementi che giustificassero l'effettivo bisogno di andare in giro armato. Nel 2012 il Tar ha accolto il ricorso dell'imprenditore, "imponendo" una nuova istruttoria e il rilascio del porto d'armi. Il pronunciamento e' stato impugnato dal ministero dell'Interno davanti al Consiglio di Stato, che ha stabilito che l'imprenditore non ha diritto al permesso di girare con la pistola.

La piu' alta istanza della giustizia amministrativa ha ritenuto come l'appartenenza ad una "categoria" professionale, ad eccezione delle forze dell'ordine, non e' di per se' tale da giustificare il rilascio delle licenze di porto d'armi. Come afferma nella sentenza il Consiglio di Stato: anche commercianti di preziosi, avvocati, notai, operatori del settore assicurativo o bancario, investigatori privati sono sottoposti a un'istruttoria. Neppure i furti subiti - richiamati nella memoria dei legali dell'imprenditore - sono per i giudici la prova di un "dimostrato bisogno di una pistola". Nelle valutazioni per il rilascio di porto di pistola, "deve prevalere la salvaguardia dell'ordine e della sicurezza pubblica generale". L'imprenditore e' stato condannato a rifondere al Viminale le spese di giudizio, pari a 1.500 euro.(

Lega: "Sentenza contro il buon senso"

Dal Consiglio di Stato, che ha sentenziato che l'aver subito ripetuti furti nella propria abitazione o azienda, non è ragione sufficiente per richiedere il porto d'armi per detenere legalmente un'arma in casa per potersi difendere dai rapinatori, è arrivata una sentenza opposta al buon senso e che sinistra come spesso i giudici sia avulsi dalla realtà quotidiana. Così ad un imprenditore bresciano più volte rapinato viene impedito di munirsi di una pistola per potersi difendere a casa propria da una nuova rapina. Forse i giudici del Consiglio di Stato ignorano che nel bresciano, a Pontoglio, un padre di famiglia tre anni fa è stato massacrato e ucciso in casa propria da rapinatori albanesi e che un anno fa, sempre nel bresciano, a Ghedi, un uomo è stato ridotto in fin di vita sempre dal malviventi penetrati nella sua villa. Per cui meglio lasciare disarmato questo imprenditore e aspettare che subisca una rapina e magari faccia la fine del macellaio di Pontoglio? No grazie, a breve modificheremo le norme sulla legittima difesa perché in casa propria ci si deve poter difendere sempre, senza se e senza ma...

Tags:
legittima difesafurtiporto d'armi

in evidenza
Da Picasso all'arte islamica in Iran Jaca Book, ecco i libri in uscita

Novità editoriali

Da Picasso all'arte islamica in Iran
Jaca Book, ecco i libri in uscita

i più visti
in vetrina
Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.