A- A+
Cronache
Mafia nigeriana, mozione FdI alla Camera: "Sradicare i clan africani"

E adesso metteteci la faccia. Perché se continuate a fare spallucce sarete solo politicanti da strapazzo terrorizzati di capitare nelle mani violente della mafia nigeriana. Meglio non farsi notare sembrerà dal vostro atteggiamento.

Eppure, i fatti di sabato notte a Ferrara sono solo gli ultimi con le devastazioni contro i carabinieri. Si sente la voce isolata di qualche leghista, ma finora è stato solo Fratelli d’Italia ad alzare la voce contro criminali pericolosi e senza scrupoli.

Se finalmente nel partito che detiene le redini dell’ordine pubblico e della sicurezza comincia davvero ad affiorare la consapevolezza del pericolo, da domani si possono cominciare a segnare fatti concreti: perché alla Camera comincia la discussione sulla mozione Lollobrigida, che propone di stroncare anzitutto i mafiosi nigeriani.

Le bande nigeriane imperversano in tutta Italia e hanno a Castelvolturno, in Campania, una delle loro tristi roccaforti. Una donna ha avuto il coraggio di andare lì e si chiama Giorgia Meloni. A vedere con i propri occhi un esercito di immigrati pari a circa quindicimila unità, ostaggio delle cosche nordafricane: spacciano, minacciano, trafficano organi e hanno praticamente potere di vita e di morte sugli altri africani, a partire dai ghanesi e dagli ivoriani.

I nigeriani affiliati alla delinquenza in tutta Italia sono circa centomila, la stragrande maggioranza arrivati con i tristemente noti barconi degli scafisti. Dice la direzione antimafia: “I gruppi criminali nigeriani operano su buona parte del territorio nazionale, comprese le regioni ove risulta forte il controllo della criminalità endogena, come nel caso della Campania e della Sicilia. Da sempre attivi in Piemonte, Veneto e Campania, hanno progressivamente esteso la loro presenza criminale anche in altre aree del territorio nazionale, quali le regioni adriatiche (in particolare Marche ed Abruzzo), la Capitale, le due isole maggiori e, più recentemente, in Puglia“. Che altro si deve aspettare?

La mozione di Fratelli d’Italia indica alcune strade: specializzare le procure antimafia su quella nigeriana, ad esempio, con uffici ad hoc;  disporre l’invio di un contingente militare nella zona di Castelvolturno a supporto delle forze di polizia impiegate nella lotta alle cosche nordafricane.

E soprattutto impedire che le gang arrivino in Italia. Come? Fdi non si stanca di battersi per un obiettivo assolutamente prioritario: la creazione di un blocco navale davanti alle coste libiche che possa impedire il passaggio delle imbarcazioni cariche di migranti irregolari, con la partecipazione degli Stati membri della Unione europea, e in accordo e collaborazione con entrambe le autorità di governo presenti sul territorio libico, qualificandole come interlocutori dell’Unione e fornendo alle stesse sostegno economico e operativo per il controllo del proprio territorio e della rotta attraverso il deserto sfruttata dai trafficanti.

Basta invasione: è sufficiente per chi governa? L’Italia ha diritto alla sicurezza: queste cosche mettono paura.

Fonte: Secolo d'Italia

Commenti
    Tags:
    mafia nigerianafdicamera
    in evidenza
    Prada, addio a pellicce animali Via dalle passerelle dal 2020

    Costume

    Prada, addio a pellicce animali
    Via dalle passerelle dal 2020

    i più visti
    in vetrina
    GRANDE FRATELLO 2019, FRANCESCA DE ANDRE' E GENNARO: LITE. Gf 2019 news

    GRANDE FRATELLO 2019, FRANCESCA DE ANDRE' E GENNARO: LITE. Gf 2019 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel svela la sesta generazione della Corsa, anche in versione elettrica

    Opel svela la sesta generazione della Corsa, anche in versione elettrica


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.