A- A+
Cronache
Malattie rare: 13,5 mln l'anno per assegno invalidità
Malattie rare tra tutele e sostenibilità: invalidità e costi previdenziali 
 
Nel periodo che va dal 2009 al 2015, le malattie rare hanno determinato, per gli Assegni Ordinari di Invalidità, un costo medio annuo di € 13,5 milioni e un incremento medio annuo dei costi del 3%.
 
Al MoMeC di Roma è stata presentata oggi una recente analisi sui costi sociali delle malattie rare, condotta dal EEHTA del CEIS della Facoltà di Economia dell’Università di “Tor Vergata”, che ha evidenziato il trend dei costi e delle domande accolte di prestazioni previdenziali con riferimento alle malattie rare e ai tumori rari. Il workshop “Dalla parte degli invisibili. Le malattie rare tra tutele e sostenibilità” è stato promosso dal Network PreSa – Prevenzione e Salute.  Lo studio condotto dal professor Francesco Saverio Mennini, Research Director EETHA del CEIS, Facoltà di Economia dell’Università di Roma Tor Vergata e Kingston University di Londra ha coinvolto un gruppo di 23 malattie rare (tra cui SLA, distrofia muscolare di Duchenne, le Mucopolisaccaridosi, malattia di Pompe, malattia di Fabry) e 7 tumori rari (tra cui mesotelioma, leucemia mieloide cronica, carcinoma midollare della tiroide). 

 

LA RICERCA

Nel periodo considerato è stata stimata una spesa di circa 600 milioni di Euro (una media di 100 Milioni di euro ogni anno). Secondo le stime elaborate, nel periodo che va dal 2009 al 2015, il gruppo di malattie rare ha determinato, per gli Assegni Ordinari di Invalidità, un costo medio annuo di € 13,5 milioni e un incremento medio annuo dei costi del 3%. Nello stesso periodo risulta, per le Pensioni di Inabilità, un costo medio annuo di €10,5 milioni e un incremento medio annuo del 6,7%. Per quanto riguarda i tumori rari considerati è stato stimato, per Assegni Ordinari di Invalidità, un costo medio annuo di €42,6 milioni e un incremento medio annuo del 4,7%. Le Pensioni di Inabilità riportano un costo medio annuo di €15,2 milioni e un incremento medio annuo del 2,9%. 

Questo dato fa emergere il problema della presa in carico precoce e della diagnosi tempestiva con riferimento alle malattie rare. Infatti, una diagnosi ritardata accompagnata da una presa in carico non tempestiva, determina un incremento dell’inabilità che si traduce, come dalle stime effettuate, in un incremento tanto del numero che dei costi delle pensioni di inabilità. 

 

Di converso, una diagnosi precoce accompagnata da una presa in carico tempestiva, nel caso dei tumori rari, sta determinando una riduzione significativa tanto del numero che dei costi delle Pensioni di inabilità.

Per Claudio Durigon, Sottosegretario al Lavoro e alle Politiche Sociali “il valore di ricerche come quelle presentate oggi è di fondamentale importanza, poiché mettono a disposizione dei decisori politici dati rilevanti per la valutazione dei costi sociali.”

Alberto Burlina, Direttore U.O.C. Complessa Malattie Metaboliche Ereditarie, Dipartimento della Salute della Donna e del Bambino dell’Azienda Ospedaliera di Padova spiega che “le patologie rare sono 6 mila e riguardano circa 30 milioni di persone in Europa, per tale ragione occorre una diagnosi precoce al fine di ridurre i costi sociali. Inoltre, è importante implementare sul territorio modelli organizzativi per la prevenzione.”

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Commenti
    Tags:
    malattie raretutela malattie rarericerca malattie raresostenibilità malattie rare
    in evidenza
    MARA CARFAGNA SEXY IN BIKINI ELISA ISOARDI, CHE TOPLESS

    GOSSIP E LE FOTO DELLE VIP

    MARA CARFAGNA SEXY IN BIKINI
    ELISA ISOARDI, CHE TOPLESS

    i più visti
    in vetrina
    Lady Gaga e Bradley Cooper vivono insieme. GOSSIP CLAMOROSO SU LADY GAGA

    Lady Gaga e Bradley Cooper vivono insieme. GOSSIP CLAMOROSO SU LADY GAGA


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    PEUGEOT DESIGN LAB ridisegna le cabine di Bourbon Mobility

    PEUGEOT DESIGN LAB ridisegna le cabine di Bourbon Mobility


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.