Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Migranti/ Anche Sea Eye e Medici senza Frontiere fermano le navi

Migranti/ Anche Sea Eye e Medici senza Frontiere fermano le navi

Dopo Medici senza Frontiere e l'Ong tedesca Sea Eye, anche Save the Children sospende i soccorsi ai migranti nel Mediterraneo. Le decisioni sono determinate dalla volontà della Libia di istituire una zona Sar, "limitando l'accesso delle Ong in acque internazionali" e a un 'rischio sicurezza' segnalato dal Mrcc "dovuto a minacce della guardia costiera libica". La Ong tedesca rilancia la denuncia di MsF: "Ci troviamo costretti a questa decisione a causa della mutata situazione di sicurezza nel Mediterraneo", "non possiamo più continuare il nostro lavoro, non possiamo garantire la sicurezza degli equipaggi", "l'espansione delle acque territoriali libiche e le minacce alle Ong non ci lasciano altra scelta", si legge in diversi tweet.

Le autorità libiche hanno dichiarato pubblicamente di aver istituito una zona di ricerca e soccorso (Sar) e limitato l'accesso delle navi umanitarie nelle acque internazionali al largo delle coste libiche. Subito dopo, il Centro di Coordinamento del Soccorso Marittimo (Mrcc) di Roma ha allertato Medici Senza Frontiere (Msf) di un rischio sicurezza legato alle minacce pronunciate pubblicamente dalla Guardia Costiera Libica contro le navi di ricerca e soccorso umanitarie impegnate in acque internazionali.

A seguito di queste ulteriori restrizioni all'assistenza umanitaria indipendente e dell'aumento dei blocchi che costringono i migranti in Libia, Msf ha deciso di sospendere temporaneamente le attività di ricerca e soccorso della propria nave, la Prudence. L'equipe medica di Msf continuerà a supportare le attività di soccorso a bordo della nave Aquarius, di Sos Méditerranée, che al momento sta pattugliando le acque internazionali.

Save the Children "si rammarica di dover essere costretta a mettere in pausa le proprie operazioni di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo a causa delle decisioni dalla Marina Libica di controllare le acque internazionali in cui normalmente opera la nave della Ong con l'obiettivo di salvare vite umane". "Si tratta - viene sottolineato nella nota - di una situazione molto preoccupante per il rischio di sicurezza dello staff e per la reale capacità della Vos Hestia di mettere in atto la propria missione di soccorso".


In Vetrina

Grande Fratello Vip 2, massaggi Jeremias-Tonon. E Cecilia con Moser... FOTO

In evidenza

Cristina Chiabotto è single Addio a Fulco dopo 12 anni
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

Porsche 911 Carrera T, carattere sportivo

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.