A- A+
Cronache
Migranti, Lega: Frontex conferma, le ong contattate dagli scafisti
Paolo Grimoldi

Le navi delle Ong sono in contatto con i trafficanti di essere umani secondo quanto affermato oggi dal direttore di Frontex, Fabrice Leggeri, in audizione davanti alla commissione Difesa. Una denuncia che conferma quanto già si poteva facilmente sospettare, visto che queste navi delle Ong,sempre casualmente e puntualmente presenti sulla rotta che percorrono i barconi partiti dai porti libici. Alle parole del direttore di Frontex va poi aggiunto quanto affermato sempre oggi davanti alla commissione parlamentare dal direttore della ONG Proactiva Open Arms, che ha confermato che l'attività di queste navi avviene in contatto diretto con la guardia costiera italiana e con la guardia costiera libica, confermando che si è legalizzata una nuova forma di scafismo dove i barconi e gli scafisti sono stati sostituiti dalle navi delle Ong, il tutto con il complice avallo del Governo italiano che finge di non vedere quanto sta accadendo nelle acque del Canale di Sicilia e sta autorizzando di fatto l'invasione a cui stiamo assistendo, con oltre 30mila immigrati già sbarcati in questi primi tre mesi del 2017, ovvero il 30% in più di quanti ne erano sbarcati nello stesso periodo nel 2016. Ecco spiegato il perché dell'impennata di sbarchi in Italia: le navi Ong sono in contatto sia con i trafficanti di essere umani che con le guardie costiere italiane e libiche e svolgono un servizio taxi nelle acque del Mediterraneo per trasbordare gli immigrati dalla costa libica a quella italiana, per favorire il business delle cooperative, amiche del Pd, che lucrano sull'accoglienza degli immigrati spartendosi una torta da 4 miliardi l'anno. Lo dichiara l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda.

Migranti: Iwobi (Ln), dl inutile e inconcludente

"La montagna ha partorito il topolino. Il decreto Minniti sull'immigrazione diventa legge. L'ennesimo fallimento dei governo Pd, un provvedimento assolutamente inutile e inconcludente. Il ministro dell'Interno e il premier Gentiloni confermano la scelte di Alfano e Renzi e diventano anche loro ministro e premier dell'invasione. Non una misura per fermare gli sbarchi. Anzi, moltiplicane dei centri sul terrotorio, ovvero moltiplicazione dei problemi. Serve subito una svolta legalitaria con espulsioni di massa e respingimenti in mare. Qualcosa che questo esecutivo Gentiloni-Minniti, esattamente come il duo Renzi-Alfano, non vuole e non puo' fare. L'Italia, gli italiani e i tanti immigrati regolari sempre piu' vicini alla Lega e a Salvini sono stanchi di un governo barzelletta e dei suoi provvedimenti farsa". Lo afferma in un comunicato Tony Iwobi, responsabile federale Dipartimento Sicurezza e Immigrazione della Lega Nord.

Tags:
navi

in vetrina
Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

i più visti
in evidenza
La moglie rompe il silenzio "Michael è un combattente e..."

Schumi, parla Corinna

La moglie rompe il silenzio
"Michael è un combattente e..."

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Moto Guzzi. L’Aquila torna… in pista con il Trofeo “Fast endurance”

Moto Guzzi. L’Aquila torna… in pista con il Trofeo “Fast endurance”

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.