A- A+
Cronache
Milano: sgominata la "banda delle maschere", gli eredi di Vallanzasca. VIDEO


Milano - Traditi dall’acquisto di una maschera in lattice, una di quelle che acquistavano su internet e che usavano per fare le rapine a banche, supermercati e Gioiellerie. Gli investigatori della Sezione Rapine dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Milano hanno cominciato le indagini proprio seguendo questo indizio e dopo ricerche, pedinamenti e intercettazioni, hanno messo la parola fine all’escalation criminale di questa pericolosissima banda di rapinatori che emulava le gesta e i comportamenti della famigerata Banda della Comasina degli anni ‘70. 
Organizzati, forti, giovani e potenti, decisi e cattivi; di giorno rapinatori e di sera dediti alla bella vita, con donne, droga e champagne; ma soprattutto con la sensazione di essere invincibili tanto da sparare ad un Carabiniere e poi vantarsene fra loro come se fosse un trofeo, un risultato per cui brindare. 
In manette sono finiti Vari  Viotti, nato a Milano, 27 anni; Claudio Viotti, nato a Milano, 29 anni; Davide Graziano, nato a Milano, 26 anni mentre Nicholas Ghizzardi, nato a Milano 27 anni e Davide Meloni, nato a Milano, 28 anni, sono indagati a piede libero.
L’analogia con la banda della Comasina di 40 anni fa è proprio per lo stile di vita e il modus operandi dei rapinatori e per il territorio dove operavano e vivevano gli arrestati:  i quartieri Quarto Oggiaro e tutta quella periferia milanese dove ancora si respira l’aria della banda Vallanzasca. Ma da allora i tempi sono cambiati e sono cambiate sia le tecniche e il comportamento dei rapinatori, che quelle degli investigatori:  oggi c’è Internet  i telefoni cellulari, le sofisticate attrezzature di intercettazione e di geo-localizzazione. E proprio la rete di Internet è costata cara a tutta la banda.

Mentre negli anni ’70 la banda del bel Renè aveva problemi di concorrenza con la banda di Francis Turatello, che ai tempi  era attiva in tutta Milano e a capo di numerosi traffici, questi nuovi banditi “mascherati” non avevano invece rivali e agivano indisturbati perché determinati e con quel delirio di onnipotenza che danno le armi, la droga, i soldi e nessuno osava contrastarli.
A tutt’oggi le rapine scoperte e portate a termine dalla “Banda delle Maschere” sono ben 26, ma ce ne sono altre che potrebbero essere ricondotte all’operato della banda, così come altri complici finiranno presto tra le maglie della giustizia. I colpi, tutti realizzati in Milano e nello stretto hinterland milanese, hanno interessato principalmente gli Istituti Bancari ma anche qualche gioielleria e punti vendita Compro oro. La loro tecnica era ormai seriale e consolidata. Agivano veloci e sprezzanti del pericolo: entravano in banca armi in pugno indossando maschere di lattice e costringevano i commessi o il direttore a farsi consegnare tutto il denaro possibile. Terrorizzavano chiunque cercasse di non obbedire ai loro ordini e se costretti sapevano usare anche le maniere forti. Avevano pistole e fucili e se messi alle strette non esitavano ad aprire il fuoco contro chiunque, forze dell’ordine comprese. Dopo essersi impossessati del denaro fuggivano sempre dal retro della banca dove i loro complici li aspettavano con il motore accesso a bordo di grandi scooter rubati, per essere più veloci e agevoli nella fuga. Dopo i colpi nascondevano  le armi all’interno di un box dove poi andavano a riprenderle il giorno della rapina successiva. Nelle perquisizioni in quel box i Carabinieri hanno infatti rinvenuto un fucile  calibro 12 a canne mozze, due pistole semiautomatiche  e proiettili e cartucce sufficienti per fare una guerra. 
 

L’AGGHIACCIANTE INTERCETTAZIONE DOPO LA SPARATORIA CON I CC.
Il conflitto a fuoco con i Carabinieri si è verificato  al termine della tentata rapina nella banca USI di Trecate. Un componente della banda è entrato in Banca e ha ordinato  ad un cassiere di sbloccare la bussola della porta di ingresso per consentire l'accesso al complice che per tutto il tempo è rimasto accovacciato nei pressi della cassa per controllare la porta di ingresso e il comportamento degli ostaggi. Il primo rapinatore ha ordinato ai dipendenti di impostare il timer d'apertura dei bancomat e della cassaforte. Il direttore dell'agenzia, in quel momento nel suo ufficio e al telefono con un cliente, quando ha realizzato cosa stava accadendo ha interrotto la telefonata  ma non ha riagganciato la cornetta. Il suo interlocutore si è reso conto di quanto stava succedendo e ha chiamato il 112.  Pochi minuti dopo una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Cornaredo ha raggiunto la banca e i due militari sono scesi dall’auto, e avvicinadosi all'istituto di credito hanno visto il rapinatore con la maschera nei pressi delle casse e hanno subito chiesto rinforzi. Anche i rapinatori si sono accorti di essere stati scoperti e hanno ordinato ai dipendenti della banca di aprire l'uscita di sicurezza posta sul retro dell'banca.  

Sono usciti e hanno raggiunto il loro scooter sperando che i Carabinieri li aspettassero davanti all’ingresso principale. I militari però avevano intuito iche i rapinatori avrebbero tentato di scappare dall’uscita posteriore e li hanno affrontati. Un Carabiniere, quando ha visto che i rapinatori erano armati,  ha intimato loro di arrendersi  e ha sperato due colpi di pistola in aria, ma uno dei rapinatori ha aperto il fuoco su di lui sparando sei colpi e riuscendo a colpirlo alla gamba destra.  Il carabiniere è caduto a terra ferito e il suo collega lo ha soccorso tentando di sottrarlo dalla linea di fuoco dei rapinatori che dopo aver sparato sono riusciti a scappare a bordo dello scooter. 


Questi sono solo alcuni estratti agghiaccianti della intercettazione ambientale avvenuta, dopo la sparatoria, sull’auto del rapinatore che ha aperto il fuoco contro il Carabiniere mentre parla con uno dei complici della banda:
Yari: sai che bello quando... aver fatto ... nel senso... aver tirato, no?

Nicholas: sei contento, no?

Yari: no non contento, però tipo una cosa... per dire minchia, una cosa, tipo tra me e me... poi sono

fissato, oh minchia, tipo ce l'ho fatta pezzo di merda... non tu a me, capito?

Nicholas: si si bravo...

Yari: anche per avergliela messa in culo! che loro vengono fuori convinti, capito? Che già c'avevano messi  nel culo! Ma io... come si dice, quando siamo usciti dal retro, io ero convinto, nel senso tu...

eravamo convinti che loro ci aspettavano. all'uscita. all'entrata, capito? uno di qua, uno di qua, capito? così noi uscivamo e loro ci pigliavano cosi .. ho detto cazzo...  sono uscito, c'avevo il ferro in mano... ero convinto che forse sapevano anche loro che forse c'era un retro... niente alla fine ho fatto cosi...  un colpo secco... tanto se non  sparo io, ci sparano loro, io in mente avevo già pensato io esco... a quello. al primo lo becco dietro la schiena, perchè lo becco subito, lo becco!

Nicholas: eh si...

Yari: e all’altro ce l'ho di fronte, però gli faccio pam pam che poi  ho detto il primo me lo secco al volo, e l'altro... l'altro lo tiro, vaffanculo... finché non lo prendo! invece la fortuna... erano alla macchina erano, erano fuori dalla macchina che parlavano con la radiolina, cazzo né so dal finestrino, appena ci hanno visto correre verso la moto, sono venuti subito e quello fa: fermi... a terra... a terra... pam pam in aria cosi, ho detto minchia, Gas ha acceso la moto...  

Nicholas: culo eh?

Yari: minchia! ha detto ferma a terra, ferma a terra, così... minchia... C'era quello con la portiera aperta con il braccio in mezzo qua... capito come? cosi! E l'altro davanti  alla macchina. Comunque, io appena mi sono girato, vaffanculo... pam ,pam, pam. Ti senti sicuro dentro quando... noi eravamo dentro. io li ho visti con i miei occhi che facevano cosi e guardavano dentro le vetrine...

Nicholas: mamma mia!

Yari: chissà, chissà cosa avrà detto... "minchia, mi sono messo il giubbotto... il giubbotto anti-proiettile per niente, no?"

Nicholas: eh, minchia, come fai!

Yari: si, avevano il giubbotto anti-proiettili quello, sai... quello corto avevano! Capito? E io l'ho preso all'addome e gli è uscito alla chiappa, gli è uscito!

Nicholas: minchia...

Yari: io ti dico la verità, non è che ho... non ho puntato alle gambe, io ho puntato a caso!

Nicholas: e si eh!

Yari: nel senso ho puntato ad altezza uomo diciamo dai! cosi bum-bum

Nicholas: chi prendo, prendo...

Yari: chi prendo, prendo... bene... infatti, io per forza, io ogni volta che devo andare a fare un lavoro,

sempre il ferro , sempre, non si sa mai... Oh, quello m'ha portato a casa eh!

Nicholas: mh!

Yari: ci sparavano alle gomme, qualcosa... già, già che ti metti a fare la pagliacciata che ti metti

A sparare in aria, sicuramente... io poi ho pensato in quel momento, minchia, io so che di regola

funziona cosi: prima ti avvisano, capito?

Nicholas: e si, eh!

Yari:  L'unica palla è che, una volta che minchia... Spari e lo becchi, eh eh, devi buttare

via il coso...  minchia era precisa quella, cazzo! spero di ritrovarne un'altra... ti giuro, spendo anche 1.500 euro, non mi interessa, ma la voglio!

 

L’INDAGINE

Le complesse e articolate indagini svolte attraverso intercettazioni, la verifica dei tabulati dei numerosi telefono  intestati a prestanome e nomi fittizi che i componenti della banda utilizzavano, hanno consentito l'individuazione dei primi componenti del sodalizio criminale.   

La fondatezza della tesi investigativa, e cioè trovare su internet i fornitori delle maschere e scoprire come i rapinatori riuscissero ad acquistarle per poi farsele consegnare, è stata successivamente confermata da tutti gli incroci dei numerosi dati raccolti dalla lunga e complessa indagine investigativa.   

In diciassette rapine, uno dei rapinatori indossava una maschera di lattice che i carabinieri hanno individuato su uno dei tanti portali internet presenti in rete. Una maschera identica a quella usata nelle rapine riprese dai circuiti di sorveglianza video delle banche, è stata individuata: denominata “TOM – 531”,  di puro lattice e dal costo molto elevato, risultava essere stata spedita a Milano presso un nominativo fittizio e inesistente. Ma dopo una attenta ricostruzione gli investigatori sono riusciti a scoprire che le consegne delle maschere avvenivano sì a nomi fittizi, ma venivano ritirate da persone che si spacciavano per quei nominativi inventati.

Lo stesso dicasi per la maschera modello "PROFESSORE" acquistata due volte a distanza di pochi mesi da acquirenti che hanno fornito un numero telefonico la  cui utenza risultava intestata ad un nominativo inesistente ma residente allo stesso indirizzo dove i Carabinieri avevano già individuato una delle probabili basi di copertura del capo della banda.

Tags:
milanobanda delle mascherevallanzasca
Loading...
in vetrina
Donnarumma, assalto della Juventus. Il Milan, Raiola, Ibrahimovic e...

Donnarumma, assalto della Juventus. Il Milan, Raiola, Ibrahimovic e...

i più visti
in evidenza
Francesca Cipriani, lato B nuovo 'Glutei alla Jennifer Lopez'

Ferragni, sotto l'orsetto niente. FOTO

Francesca Cipriani, lato B nuovo
'Glutei alla Jennifer Lopez'


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Si rinnova l’appuntamento con gli “Alfa Action Days”:

Si rinnova l’appuntamento con gli “Alfa Action Days”:


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.