Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Nasa, allarme clima per il Pianeta Terra. Caldo record. Terra a rischio

Nasa: clima, mai così caldo da mille anni

caldo nasa ape

NASA

Clima, allarme della Nasa sulla Terra: caldo record

Terra, allarme della Nasa su clima e caldo record. Ma sulla Terra si sono registrate diverse variazioni del clima che hanno condotto il pianeta ad attraversare diverse ere glaciali alternate a periodi più caldi detti ere interglaciali. Queste variazioni sono riconducibili principalmente a mutamenti periodici dell’assetto orbitale del nostro pianeta (cicli di Milankovic), con perturbazioni dovute all’andamento periodico dell’attività solare e alle eruzioni vulcaniche (per emissione di CO2 e di polveri).

Il riscaldamento globale è il fenomeno di innalzamento della temperatura superficiale del pianeta, con particolare riferimento all’atmosfera terrestre ed alle acque degli oceani. L’Intergovernmental Panel on Climate Change delle Nazioni Unite (IPCC) ha sottolineato nel 2005 che la temperatura del pianeta Terra è aumentata di 0,74 ± 0,18 °C durante gli ultimi 100 anni, osservando che “la maggior parte dell’incremento osservato delle temperature medie globali a partire dalla metà del XX secolo è molto probabilmente da attribuire all’incremento osservato delle concentrazioni di gas serra antropogenici”. Si tratta di una tesi sostenuta da oltre trenta associazioni scientifiche internazionali.

Secondo Gavin Schmidt, coordinatore dei climatologi dell’agenzia americana, c’è “il 99% di probabilità” che l’intero 2016 stabilirà un nuovo record annuale sul termometro, “superando” il 2014 e il 2015.

Già luglio 2016 aveva battuto ogni record precedente, diventando il più caldo in assoluto almeno dal 1880, cioè da quando sono iniziate le registrazioni della temperatura. “Non c’è alcun periodo che ha il trend visto nel XX secolo“, ha sottolineato Schmidt. Una situazione, secondo la Nasa, confermata anche da carotaggi di ghiaccio e analisi di sedimenti.

Quest’anno la temperatura media globale ha raggiunto il picco di 1,38 gradi centigradi rispetto ai livelli registrati nel XIX secolo. E’ molto improbabile che il mondo riesca a rimanere entro un limite di aumento di temperatura di 1,5-2 gradi come concordato nel dicembre scorso alla Conferenza mondiale dell’Onu sul clima a Parigi da 195 paesi. “Negli ultimi 30 anni – ha spiegato Schmidt, direttore del Goddard Institute for Space Studies della Nasa – ci siamo mossi in un territorio eccezionale, mai visto negli ultimi mille anni.Oltre tale limite, osservano gli esperti, il riscaldamento del pianeta può provocare effetti devastanti”.

Ognuno di noi può fare qualcosa per combattere il fenomeno del Riscaldamento Globale e salvare la nostra Terra

Ecco cinquanta semplici cose che potremmo attuare. La maggior parte di queste idee non comportano alcun costo, alcune altre richiedono invece un piccolo sforzo o investimento, ma possono far risparmiare un sacco di soldi nel medio-lungo periodo (non solo grazie agli ecoincentivi).

Qui - scrive http://www.diregiovani.it - c’è una lista di 50 consigli, stilata dal sito Riscaldamento Globale: cinquanta semplici cose che ognuno di noi può fare per combattere il fenomeno del Riscaldamento Globale. La maggior parte di queste idee non comportano alcun costo, alcune altre richiedono invece un piccolo sforzo o investimento, ma possono far risparmiare un sacco di soldi nel medio-lungo periodo (non solo grazie agli ecoincentivi).

    Sostituisci le lampadine a incandescenza con lampadine fluorescenti
    Le lampadine fluorescenti compatte usano il 60% di energia in meno rispetto ai classici bulbi a incandescenza. Per ogni lampadina a risparmio energetico che ne sostituisce una tradizionale, nell’atmosfera vengono immessi 136 kg di CO2 in meno ogni anno.
    Inoltre, grazie agli incentivi statali alcune aziende addirittura regalano lampadine a basso consumo, per cui potete anche averle gratis (contattate Enel o Legambiente per saperne di più).
    Installa un termostato programmabile
    Programma i termostati per mantenere una temperatura non eccessiva: essi moduleranno l’aria calda e fredda in base al sensore termico, e manterranno il clima gradevole.
    Alza il termostato di 2° in estate e abbassalo di 2° in inverno
    Quasi metà dell’energia che usiamo in casa se ne va per il riscaldamento o il condizionamento dell’aria. Puoi risparimare quasi una tonnellata all’anno di CO2 con questo piccolo accorgimento.
    Pulisci o sostituisci i filtri della cappa e del condizionatore
    Pulire un filtro della cappa della cucina o del condizionatore fa risparmiare circa 160 chili di anidride carbonica ogni anno.
    Acquista solo apparecchiature ad alta efficienza energetica
    Scegli elettrodomestici di Classe A (sul sito dell’ENEA trovi la guida alle classi di risparmio energetico in PDF) per la tua casa, e per i prodotti da ufficio consulta la banca dati Energy Star.
    Non lasciare le apparecchiature elettriche in stand-by
    Usa il bottone di spegnimento presente sull’apparecchio. Un televisore acceso per 3 ore al giorno (il tempo che gli europei passano in media davanti alla TV) e lasciato in stand-by per le rimanenti 21 ore, usa circa il 40% dell’energia nella modalità stand-by.
    Spegni le luci quando non ci sei
    Non tenere le luci accese nelle stanze dove non c’è nessuno, e se hai un negozio o un’attività commerciale, non lasciare l’illuminazione attiva quando il negozio è chiuso.
    Stacca i trasformatori dei caricabatterie
    I trasformatori elettrici del modem, del caricabatterie per cellulari, e di molte altre apparecchiature, rimangono sotto tensione ed assorbono energia anche quando l’apparecchio è spento o scollegato. Ognuno di questi trasformatori consuma da 1 a 5 watt: supponendo che in una casa ce ne siano una dozzina, semplicemente staccandoli dalla presa di corrente quando non ne hai bisogno potresti risparmiare 40 € all’anno sulla bolletta.
    Usa le batterie ricaricabili invece delle pile usa e getta
    Un set di pile ricaricabili ad alta capacità costa circa due volte e mezzo un normale blister di pile stilo o mini-stilo, compreso il caricabatterie. Dopo sole tre ricariche, avrai già riassorbito l’investimento iniziale, e risparmierai il costo di produzione e smaltimento delle pile usa e getta. Potrai ricaricarlericaricare centinaia di volte prima che perdano efficienza. Usale per telecomandi, fotocamere, lettori Mp3, tutto ciò che va a batterie.
    Cambia monitor e televisori a tubo catodico con un LCD
    I monitor e gli schermi LCD consumano fino a 6 volte in meno rispetto ai tradizionali CRT, o tubo catodico. Costano poco ormai, e la qualità visiva degli schermi a cristalli liquidi è nettamente superiore.
    Avvolgi un panno di tessuto isolante attorno al boiler
    Risparmierai mezza tonnellata di CO2 con questo semplice accorgimento. Puoi risparmiare altri 250 chili di anidride carbonica all’anno impostando il termostato non oltre i 50°C.
    Non fare uscire il calore dalla casa per molto tempo
    Quando cambi l’aria, spalanca le finestre e lasciale aperte solo per pochi minuti. Se lasci solo uno spiraglio aperto per tutto il giorno, l’energia necessaria per mantenere caldo l’interno nei mesi freddi causerà l’emissione di una tonnellata di CO2
    Metti i doppi vetri alle finestre
    Questo richiede un piccolo investimento iniziale, ma la tua casa sarà più calda a parità di energia e ciò ripagherà la spesa nel lungo termine. Pensa che potrai risparmiare fino al 70% di energia.
    Sposta il frigorifero ed il congelatore
    Se il frigo o il freezer sono vicino al forno o in una stanza calda, consumano molta più energia.
    Sbrina regolarmente i vecchi frigoriferi ed i congelatori
    Un frigorifero o un freezer sbrinato hanno un’efficienza energetica maggiore. Meglio ancora se puoi sostituirli: i nuovi modelli di frigorifero hanno dei cicli automatici di sbrinamento e sono circa due volte più efficienti rispetto ai predecessori.
    Non tenere aperto il frigorifero a lungo
    Non aprire il frigo più volte: prendi in una volta sola tutto ciò di cui hai bisogno, e poi richiudilo velocemente. La temperatura all’interno non subirà sbalzi (conservando meglio il cibo) e ridurrai l’incidenza del fenomeno del brinamento sulle pareti interne.
    Metti un coperchio sulle pentole quando cucini
    Così facendo, il cibo raggiungerà più in fretta la temperatura necessaria e risparmierai energia preparando il pranzo. Le pentole a pressione sono ancora più efficienti: fanno risparmiare fino al 70%.
    Usa lavastoviglie e lavatrice solo a pieno carico
    Se devi usarle quando non sono piene, usa il programma a mezzo carico o il programma economico. Non c’è nemmeno bisogno di impostare temperature troppo alte: i detergenti moderni sono così efficaci che lavano bene abiti e piatti anche a basse temperature.
    Usa gli elettrodomestici fuori dalle ore di punta
    Nei giorni festivi, nelle ore serali e notturne, l’energia elettrica costa meno, perché c’è meno richiesta. L’energia elettrica è un bene che va prodotto nello stesso istante in cui viene consumato, quindi il prezzo sale nei momenti di maggiore consumo. Servono più centrali per assorbire i momenti di picco, ma se la domanda fosse meglio distribuita nel tempo, basterebbero meno centrali elettriche.
    Asciuga i panni all’aria aperta o sugli stendini
    L”asciugatura all’aria aperta o in un locale areato è preferibile a quella delle asciugatrici, per il risparmio di energia (circa 500 KwH all’anno) e per il notevole vantaggio economico che comporta (90 Euro per una famiglia di 4 persone).
    Fà una doccia invece di un bagno
    Una doccia richiede circa un quarto dell’acqua, e dell’energia per scaldare la stessa, rispetto ad un bagno. Per massimizzare il risparmio, installa un diffusore per la doccia a risparmio energetico: oltre all’energia risparmierai anche l’acqua, che è un bene prezioso.
    Usa i diffusori a risparmio energetico per i rubinetti
    Sia in bagno che in cucina. Sempre grazie agli incentivi statali, non sarà difficile trovare aziende che regalano diffusori a risparmio energetico. Con un diffusore risparmi non solo acqua, ma anche energia quando l’acqua è calda (ne usi di meno).
    Ricicla i rifiuti in casa
    Puoi risparmiare un’altra tonnellata di anidride carbonica ogni anno se inizi a riciclare i rifiuti che generi (tipicamente carta, vetro, lattine ed imballaggi di plastica)
    Ricicla i rifiuti organici
    Circa il 3% delle emissioni dei gas serra sono rilasciate attraverso la decomposizione dei rifiuti biodegradabili. Riciclando l’organico (o compostandolo se hai un giardino), puoi contribuire ad alleviare questo problema. Assicurati che il compostaggio sia corretto, con sufficiente ossigeno, altrimenti il compost rilascerà metano e cattivi odori.
    Compra in modo intelligente
    Una bottiglia da 2 litri richiede meno energia per essere prodotta, e produce meno rifiuti di una bottiglia da un solo litro.
    Inoltre, compra prodotti di carta riciclata: essi richiedono dal 70% al 90% di energia in meno per essere prodotti, ed in più preserverai le foreste.
    Scegli i prodotti con il minimo imballaggio, e acquista le ricariche quando puoi
    Abbatterai anche i costi di produzione e l’utilizzo di energia: un altro aiuto contro il riscaldamento globale.
    Riutilizza le buste della spesa
    Quando fai la spesa, risparmia denaro e rifiuti portando con te sacchetti non monouso, invece di accettarli dal supermercato. I rifiuti plastici non solo liberano anidride carbonica e metano nell’atmosfera, ma possono anche inquinare l’aria, il terreno e le falde acquifere.
    Produci meno rifiuti
    La maggior parte dei prodotti che compriamo causano l’emissione di gas serra in un modo o nell’altro, durante la produzione o la distribuzione. Se porti con te il tuo pranzo in un contenitore lavabile, risparmi l’energia necessaria a produrre nuovi contenitori usa e getta.
    Pianta un albero
    Un solo albero assorbe mediamente una tonnellata di diossido di carbonio nel suo ciclo vitale. E rinfrescandoti all’ombra degli alberi potrai ridurre le spese per l’aria condizionata dal 10 al 15%.
    Legambiente ed ImpattoZero ti forniranno informazioni su come piantare alberi nella tua città o riforestare altre aree.
    Passa all’energia pulita
    In molte città, puoi cambiare fornitore di elettricità e sceglierne uno che produca l’energia da fonti pulite e rinnovabili. Sono previsti degli incentivi fiscali per chi acquista impianti casalinghi per la produzione di energia pulita, e se la produci tu stesso (attraverso per esempio i pannelli solari) puoi anche guadagnare reimmettendo in rete l’energia in eccesso.
    Acquista alimenti prodotti localmente
    Gli ingredienti di un pasto in Europa viaggiano mediamente per oltre 1.200 km prima di arrivare sul tuo piatto. Acquistare frutta, verdura, carne e pesce prodotti nelle vicinanze della tua città aiuteranno a risparmiare sul carburante e faranno girare l’economia nella tua comunità.
    Compra prodotti freschi invece dei surgelati
    I surgelati richiedono circa 10 volte più energia dei cibi freschi per essere confezionati.
    Consuma cibo BIOlogico
    I terreni coltivati organicamente catturano e trattengono molta più anidride carbonica rispetto alle coltivazioni industriali. Se coltivassimo biologicamente tutta la frutta e la verdura che consumiamo, potremmo togliere miliardi di tonnellate di diossido di carbonio dall’atmosfera!
    Mangia meno carne
    Il metano è il secondo gas serra per quantità, e le vacche sono tra le più grandi produttrici di metano al mondo. La loro dieta erbivora e gli stomaci multipli causano la produzione di metano, che viene esalato ad ogni respiro.
    Fai meno chilometri in macchina: usa la bici o i trasporti pubblici
    Evitando un tragitto di 10 km al giorno in auto per 5 giorni a settimana, puoi eliminare fino a 8 tonnellate di anidride carbonica all’anno! Usa i trasporti pubblici per andare al lavoro, o vai in bici o a piedi (ci guadagni anche in salute).
    Inizia a condividere l’auto con i tuoi colleghi
    Condividere il tragitto in auto con un’altra persona per soli 2 giorni a settimana ridurrebbe le tue emissioni di anidride carbonica di circa 700 chili all’anno, per un tragitto medio casa-lavoro o casa-scuola. Pensa a quanto si risparmierebbe se condividessi l’auto per cinque o sei giorni con 3 o 4 persone! I lombardi sono invitati a consultare il sito dell’organizzazione Car Pooling Lombardia.
    Non lasciare rastrelliere e portapacchi sul tettuccio
    Portapacchi e rastrelliere portabici e portasci lasciati sul tetto dell’auto aumentano la resistenza aerodinamica: si consuma più carburante e le emissioni di diossido di carbonio aumentano anche al 10%. Meglio toglierli quando non si utilizzano.
    Mantieni in efficienza l’automobile
    La manutenzione regolare aiuta a mantenere l’efficienza energetica e a ridurre le emissioni. Sostituisci il filtro dell’aria e rabbocca l’olio ogni 20.000 km, evita che la marmitta arrugginisca, e fai il tagliando regolarmente.
    Guida senza sbalzi e risparmia la benzina
    Puoi ridurre le emissioni migliorando il tuo stile di guida: usa le gomme adatte, non accelerare a fondo, mantieni la velocità costante, quando è possibile usa il freno motore invece del freno a pedali e spegni sempre il motore quando il veicolo resta fermo per più di un minuto. Perfezionando lo stile di guida puoi risparmiare sia sul carburante che sulla manutenzione dell’auto.
    Controlla spesso che la pressione delle gomme sia appropriata
    Una pressione delle gomme ottimale può abbattere il consumo di carburante di oltre il 3%. Poiché ogni litro di benzina in meno risparmia 34 chili di anidride carbonica all’atmosfera, ogni miglioramento nell’efficienza del carburante fa la differenza!
    Quando è ora di cambiare l’auto, scegli un veicolo a bassi consumi
    Potresti risparmiare quasi 2 tonnellate di diossido di carbonio all’anno se la tua nuova auto facesse 5 chilometri in più con un litro. E le auto ibride, a metano e a GPL, e le più moderne auto elettriche e a idrogeno sono quelle con i consumi più bassi, e con gli ecoincentivi risparmi ancora di più.
    Sfrutta il car sharing
    Hai bisogno dell’auto ma non vuoi comprarne una? Le organizzazioni di car sharing mettono a disposizione la macchina, in cambio di una quota di iscrizione che copre carburante, manutenzione e assicurazione. Organizzazioni come Iniziativa Car Sharing o Car Sharing Italia sapranno darti tutte le informazioni. Per i viaggi occasionali, prova Autostop.it.
    Prova il telelavoro da casa
    Il tele lavoro da casa può ridurre drasticamente il numero di chilometri percorsi in auto. Se è possibile, prova ad ottenere di lavorare da casa tua.
    Evita i voli aerei
    I viaggi aerei producono enormi quantità di emissioni: viaggiando meno in aereo, anche di soli uno o due voli, ridurrà significativamente le tue emissioni.
    Usa un motore di ricerca a sfondo nero
    Il monitor del tuo compurer usa molta meno energia se visualizza pixel neri invece che bianchi. Puoi usare Blackleper eseguire le tue ricerche in Google usando uno sfondo nero e risparmiando energia.
    Incoraggia la tua scuola, il tuo comune o la tua azienda a ridurre le emissioni
    Puoi estendere la tua influenza positiva sul surriscaldamento globale molto oltre le tue azioni personali, incoraggiando le associazioni che frequenti ad abbattere la propria impronta ecologica.
    Vota per chi sostiene le politiche ambientali
    Fai sentire la tua voce attraverso il voto: in cabina elettorale, dai la tua preferenza alle organizzazioni politiche che hanno a cuore sul serio le tematiche ambientali, e che in passato hanno dimostrato di agire nell’interesse dell’ecosistema.
    Proteggi le foreste e i polmoni verdi
    Le foreste giocano un ruolo fondamentale contro l’effetto serra, in quanto trattengono laCO2. Quando le foreste vengono bruciate o tagliate, l’anidride carbonica che contengono viene rilasciata nell’atmosfera: la deforestazione contribuisce per il 20% alle emissioni di diossido di carbonio. Diventa un attivitsta di Greenpeace per sostenere le politiche contro la deforestazione.
    Considera l’impatto dei tuoi investimenti
    Se sei un investitore o un imprenditore, dovresti considerare l’impatto che i tuoi investimenti e i tuoi risparmi possono avere sul riscaldamento globale. E poi è anche una questione di immagine. Iniziative come AzzeroCO2 eImpattoZero possono aiutarti ad azzerare il bilancio delle emissioni della tua attività.
    Condividi questa lista!
    Invia questa pagina via e-mail a tutti i tuoi amici! Diffondi la lista ed aiuta le persone a fare ognuna la propria parte: più persone riuscirai a convincere, più grande sarà stato il TUO aiuto per salvare il pianeta (ricordati però di agire in prima persona).


In Vetrina

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser (Grande Fratello Vip 2): scherzo HORROR Le Iene
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it