A- A+
Cronache
'Ndrangheta: Klaus Davi querelato da 10 boss, chiesti 150 mila €

Gli ultimi due in ordine di tempo sono stati Demetrio Lo Giudice (indicato dalla DDA di Reggio Calabria come boss vicino al clan Tegano) e Angelo Tutino, nipote di Peppino Pesce detto ‘Unghia’. Ma la lista delle querele negli ultimi quattro anni nei riguardi del giornalista e massmediologo Klaus Davi, difeso dall’avvocato Francesco De Luca del foro di Vibo Valentia, da parte di soggetti contigui alla mafia calabrese è molto lunga. Alcune sono state presentate in sede penale, altre in forma di risarcimento civile. Vi spiccano brand della ‘ndrangheta come quello di Giovanni Tegano, Pietro Labate, Rosa Errigo De Stefano, Mimmo Foti, Diego ed Emanuele Mancuso, Rosa Crea, Giuseppina Rodà e molti altri disseminati per la penisola. Calcolando complessivamente le richieste di risarcimento ventilate in 4 anni (escluse le spese legali) si arriva alla cifra di 150 mila euro. Va detto che alcuni di questi procedimenti sono già stati archiviati dai tribunali, in altri casi le indagini sono state prorogate dopo l’opposizione alla richiesta di archiviazione, come avvenuto con Tutino e Foti.

Nel caso specifico di Angelo Tutino, nipote di Peppino Pesce boss di Rosarno, la querela presso la Procura di Palmi è per diffamazione. Il nipote di Pesce, ben noto alle forze dell'ordine per precedenti indagini penali anche di spessore e che negli anni novanta fu mandato al soggiorno obbligato per una condanna per associazione di stampo mafioso mentre nel 2005 è stato indagato e rinviato a giudizio per una serie di truffe contro lo Stato e l'Unione Europea, ha ravvisato negli articoli del massmediologo elementi ‘offensivi della sua onorabilità’. Nel caso di Demetrio Lo Giudice, il boss si è sentito offeso dalle inchieste di Davi sulle infiltrazioni nelle società di pulizie che forniscono servizi a Trenitalia. «Sarebbe interessante capire questa massiccia sterzata verso la legalità dei brand della ‘ndrangheta. La trovo inquietante. Però bisogna ammettere che, paradossalmente, queste querele mettono in luce il lavoro dei giornalisti, a differenza di uno Stato sonnacchioso e spesso assente, particolarmente in Calabria…», ha commentato Klaus Davi.

Commenti
    Tags:
    ndranghetaklaus daviklaus davi ndranghetaklaus davi boss
    in evidenza
    BELEN, CHE LATO B A FORMENTERA LA FOTO INFIAMMA I SOCIAL

    Belen, Diletta Leotta e... GALLERY

    BELEN, CHE LATO B A FORMENTERA
    LA FOTO INFIAMMA I SOCIAL

    i più visti
    in vetrina
    Sesso, i 10 sex toy dell'estate. Tra luglio e agosto +20% vendite

    Sesso, i 10 sex toy dell'estate. Tra luglio e agosto +20% vendite


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Aci e Ferrari insieme per celebrare il 90° Gran Premio d’Italia

    Aci e Ferrari insieme per celebrare il 90° Gran Premio d’Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.