Salute/ Romina Armellini: a bracciate contro il tumore

Giovedì, 26 marzo 2009 - 14:10:00

Di Valeria Ghitti



Classe '84, ha condiviso con la più famosa Federica Pellegrini un posto nella nazionale di nuoto di Pechino 2008, ma mentre della campionessa dello stile libero si parla in continuazione - per amori, record e asma - di Romina Armellini, dorsista, non si sa molto. Eppure la giovane, nata a Johannesburg da genitori italiani, ha all'attivo buoni tempi nel nuoto - nel 2008 deteneva il record italiano nei 100 m dorso in vasca corta - ma soprattutto una grandissima vittoria, forse la più importante nella vita, quella contro il cancro. Si racconta ad Affari.

Appena diciassettenne, nel 2002, osservi allo specchio un gonfiore sospetto al collo che nasconde la verità più drammatica, un tumore alla tiroide. Come hai affrontato una diagnosi così impietosa?
"Diciamo che dopo una settimana di analisi ed esami era normale immaginare di cosa si trattasse. Non è stata una sorpresa, quindi, quando il dottore mi ha detto che avevo il cancro e la mia prima domanda è stata 'Quando posso tornare in acqua?'"



Quindi il nuoto era già in testa ai tuoi pensieri. Non hai pensato al rischio di morire?
"Nuoto da sempre. Ho iniziato a farlo a livello agonistico a 8 anni e a 17 avevo raggiunto un livello abbastanza alto per la mia età, per cui naturalmente la mia prima preoccupazione è stata quella di non poter continuare. Poi mi sono venute molte altre domande: perché proprio a me? Questa cosa è arrivata all'improvviso, a me che non sono geneticamente predisposta, che ho sempre condotto una vita sana, senza uscire, mangiando bene, praticando attività fisica, sempre da brava ragazza insomma. Che cosa ho fatto di male per meritare questo, mi chiedevo. E, successivamente, mi sono fatta anche domande più profonde, su cosa fosse la morte, se ci fosse un aldilà. Ma ho anche pensato che non era la fine, mi sono data tante risposte".

Quali sono queste risposte?
"È difficile concentrare tutto in poche parole. Tutti mi dicevano di combattere, di essere positiva, ma la lezione più grande che ho imparato è che non bisogna far finta che l'ombra non esista, negare le cose brutte, ma piuttosto provare a comprenderle. Solo capendo quanto sono scure certe cose, si può apprezzare la luce. Ora ho una diversa prospettiva nella vita: apprezzo ogni momento per quello che è e non ho pazienza con le persone che per esempio si piangono addosso.  Ho capito che ci sono già tante cose che ci frenano, non c'è bisogno che noi, da soli, ci poniamo altri ostacoli. A volte ci facciamo bloccare da paure che neppure esistono e non viviamo la vita per timore delle conseguenze, del fallimento. Dico sempre che la malattia è stata la mia rinascita, mi ha permesso di scoprire la mia vera anima. Oggi la società ci impone vari ruoli, quello di mamma, di moglie, anche di nuotatrice. Mi sono resa conto, invece, che Romina può fare qualsiasi cosa nella vita. Se si desidera seguire una strada, a volte non serve riflettere troppo. Devi prima lasciarti cadere nel vuoto per volare. Io non ho più paura di niente, mi lascio cadere, seguo il cuore e finora ho sempre volato".

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA