A- A+
Cronache
Padre di Daisy Osakue arrestato per prostituzione? Cresce la polemica in rete

Nel caso di Daisy Osakue che ha fatto gridare al razzismo spunta un nuovo sviluppo, tutto da dimostrare, ma comunque piuttosto clamoroso.

Su un articolo di Repubblica del 17 gennaio 2002, riesumato nottetempo da vari tweet di James The Bond, ripreso da Davide Romano sul Primato Nazionale, il tutto poi confermato in un post su facebook dalla giornalista e opinionista Laura Tecce, si racconta della retata dell'Arma dei carabinieri nell'ambito della quale "a Moncalieri i militari hanno arrestato due «maman» nigeriane, Odion Obadeyi, 28 e Lovely Albert, 30 anni, il convivente di quest' ultima, Iredia Osakue, 29 anni, tutti e tre clandestini e Silvano Gallo, 50 anni, di Nichelino che aveva formato una gang specializzata nello sfruttamento di decine di prostitute di colore il cui ingresso clandestino in Italia era favorito da un «phone center» di San Salvario".

Vediamo i dati: Iredia Osakue è anche il nome del papà dell'atleta colpita all'occhio dal lancio di un uovo da una macchina in corsa. Moncalieri è la città in cui risiede con la famiglia. La madre si chiama Magdalyne Albert (stesso cognome della donna dal soprannome "Lovely", "amabile", arrestata nel 2002 e citata nell'articolo). Iredia Osakue ha 45 anni e l'uomo arrestato nel 2002 aveva 29 anni all'epoca, quindi ora ne avrebbe esattamente 45. 

Tutto è ancora da dimostrare, e siamo certi che si tratta di un semplice caso di omonimia fino a prova contraria, ma è sicuro che gli indizi sono piuttosto numerosi così come le coincidenze.

In attesa di conferme o smentite da parte degli interessati, seguiremo gli sviluppi del caso e informeremo tempestivamente i lettori dell'esito di questa inattesa polemica nel caso che sta infiammando l'estate italiana e che ha catapultato nell'occhio del ciclone le politiche del ministro dell'Interno Matteo Salvini, addirittura accusato, da molti esponenti di Sinistra, di essere il "mandante morale" del ferimento della giovane Daisy. 

EDIT: In un clamoroso scoop della giornalista Laura Tecce sul suo post facebook, leggiamo che "il comando dei carabinieri di Moncalieri, che all'epoca eseguì l'arresto, mi ha confermato che l'uomo arrestato per sfruttamento della prostituzione di donne nigeriane nel 2002 è Iredia Osakue, padre di Daisy Osakue".

La vicenda si fa sempre più intricata. 

 

Tags:
daisy osakuematteo salvinilaura teccerazzismoarrestatosfruttamento della prostituzioneiredia osakuelovely albertmagdalyne albert

in evidenza
"Mio figlio si è tolto la vita Vorrei il GF Vip come terapia"

LORY DEL SANTO CHOC

"Mio figlio si è tolto la vita
Vorrei il GF Vip come terapia"

i più visti
in vetrina
Fabrizio Corona e Zoe Cristofoli addio: non fu colpa di Belen. Il gossip

Fabrizio Corona e Zoe Cristofoli addio: non fu colpa di Belen. Il gossip

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Fiat 500L S-Design, dedicata a un pubblico giovane e metropolitano

Fiat 500L S-Design, dedicata a un pubblico giovane e metropolitano

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.