A- A+
Cronache
Papa Francesco convoca una riunione episcopale mondiale per febbraio
Vaticano Audizione Papa Francesco AGE

Qualcosa comincia a muoversi in Vaticano per quanto riguarda i noti scandali pedofili.

Il Papa, sentito il Consiglio dei Cardinali (C9), ha convocato una riunione plenaria con tutti i presidenti delle Conferenze Episcopali mondiali per discutere di “protezione dei minori” e di “abusi su adulti vulnerabili”.

L’assemblea si terrà in Vaticano dal 21 al 24 febbraio 2019.

Nel frattempo proseguono le riunioni del C9 che non si è trasformato in C6, dopo l’annuncio dei tre cardinali che lasceranno, uno per raggiunti limiti di età, Laurent Monsengwo Pasinya, e gli altri due, George Pell, Francisco Javier Errazuriz perché coinvolti in abusi sessuali. Infatti, per la prossima riunione di dicembre, i cardinali convocati sono nove e sempre gli stessi.

Un atto riparatorio tardivo -e che non ha neppure trovato applicazione immediata-, visto che i due cardinali non dovevano proprio fare parte del C9, poiché da tempo era nota la loro vicenda ed invece il Papa li ha chiamati lo stesso. Oltre questo tema, il C9 sta rilasciando la nuova Costituzione Apostolica della Curia Romana che, per ora, ha il titolo di “Praedicate evangelium”.

Dunque Papa Francesco ha cambiato strategia ed ha agito convocando le Conferenze Episcopali mondiali per febbraio; ha finalmente capito che la tattica del silenzio non ha funzionato per nulla ed anzi ha provocato ulteriori malumori e risentimenti, facendo sospettare che Papa Bergoglio non volesse o non potesse difendersi dalle accuse dell’ex nunzio apostolico a Washington, Carlo Maria Viganò.

Nel frattempo, un altro cardinale, Donald Wuerl, sta per dimettersi. L’arcivescovo di Washington succeduto proprio a Theodore McCarrick, al centro dello scandalo, ha già incontrato il Papa qualche giorno fa, ma ora sta maturando la decisione, perché accusato da Viganò di “non poter non sapere”. Wuerl, inoltre, è coinvolto in un'altra scandalo di copertura di preti pedofili quando era vescovo di Pittsburgh ed è stato citato dal Grand Jury della Pennsylvania.

Insomma, lo scandalo degli abusi sta scoppiando nelle mani di Papa Francesco e questa volta non può dire che non abbia avuto il tempo di occuparsene, visto che è già passato più di un lustro.

Non sembra quindi essere stato abile Padre Antonio Spadaro, direttore de La Civiltà Cattolica, che in un Tweet aveva scritto che la vicenda di Viganò sarebbe alla fine volta a favore del Papa.

Commenti
    Tags:
    papa francescoc9monsignor viganòantonio spadarotheodore mccarrickla civiltà cattolica
    in evidenza
    Bella Thorne, hacker ruba foto hot Lei lo beffa e le pubblica. Gallery

    La stella Disney va in contropiede

    Bella Thorne, hacker ruba foto hot
    Lei lo beffa e le pubblica. Gallery

    i più visti
    in vetrina
    Francesca De André e Gennaro Lillio: dal Grande Fratello 2019 a Temptation Island Vip?

    Francesca De André e Gennaro Lillio: dal Grande Fratello 2019 a Temptation Island Vip?


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Citroen C5 Aircross guida il salone di Torino (19/23 giugno)

    Citroen C5 Aircross guida il salone di Torino (19/23 giugno)


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.