A- A+
Cronache
Papa Francesco, nuove accuse dall'ex nunzio Viganò

Dopo le accuse per la presunta copertura degli abusi sessuali compiuti dall'arcivescovo Theodore McCarrick, l'arcivescovo Carlo Maria Viganò lancia un nuovo attacco a Papa Francesco e alla Santa Sede, rivelando al sito conservatore Lifesitenews i dettagli relativi all'incontro del 2015 negli Usa tra Papa Francesco e Kim Davis, l'impiegata pubblica del Kentucky che divenne un'icona di certi ambienti conservatori per essersi rifiutata di rilasciare licenze matrimoniali a coppie dello stesso sesso. Per quel suo rifiuto, la Davis trascorse cinque giorni in carcere per non avere obbedito ad un ordine del tribunale che le intimava di rilasciare le licenze, sostenendo che ciò andava contro le sue convinzioni religiose. In una dichiarazione scritta datata 30 agosto 2018, Viganò afferma di essersi sentito in dovere di parlare dopo aver letto l'articolo del New York Yimes del 28 agosto, nel quale Juan Carlos Cruz, un cileno vittima di abusi sessuali, afferma che il Papa "recentemente gli raccontò che l'arcivescovo Viganò (nunzio apostolico negli Usa tra il 2011 e il 2016, ndr) quasi sabotò la visita" negli Usa, facendogli incontrare forzatamente la Davis e provocando così una serie di polemiche che turbarono l'evento. "Non sapevo chi fosse quella donna e (l'arcivescovo Viganò) la fece intrufolare per salutarmi, e naturalmente ne nacque un polverone. Ne fui inorridito e licenziai quel nunzio", furono le parole del Papa, secondo quanto riferito al New York Times da Cruz. "Di fronte a tale affermazione del papa, mi vedo obbligato a raccontare come i fatti si sono realmente svolti", scrive Viganò nell'introduzione della sua lettera a Lifesitenews. "Uno dei due mente: Cruz o il papa? Quello che è certo è che il papa sapeva benissimo chi fosse la Davis, e lui e i suoi stretti collaboratori avevano approvato l’udienza privata. I giornalisti possono sempre verificare, chiedendo ai prelati Becciu, Gallagher e Parolin, nonché al pontefice stesso. È comunque evidente che papa Francesco ha voluto nascondere l’udienza privata con la prima cittadina americana condannata e imprigionata per obiezione di coscienza", afferma Viganò al termine della lettera nella quale fornisce la sua versione degli eventi di allora. Nell'articolo pubblicato su Lifesitenews è allegato il testo del breve memorandum che riassumeva il caso Davis e che Viganò "consegnò al Papa all'inizio del loro incontro il 23 settembre del 2015".

Commenti
    Tags:
    papa francescomonsignor viganòpapa francesco viganò

    in evidenza
    Carlotta Maggiorana è Miss Italia Dal film con Brad Pitt alla corona

    Spettacoli

    Carlotta Maggiorana è Miss Italia
    Dal film con Brad Pitt alla corona

    i più visti
    in vetrina
    Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

    Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

    Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.