A- A+
Cronache
Migranti, la Polizia: ha ragione Minniti, bomba sociale che sta per esplodere
Foto da Youtube

"Una bomba sociale pronta ad esplodere". "Basta con l'ipocrisia e gli appelli del tipo 'aiutiamoli scappano da guerra e fame'”. E ancora: "Stop all’invasione incontrollata dell’Italia". Forti del loro essere "veri e propri terminali del malessere sociale sul territorio", i poliziotti italiani sbottano dopo i fatti di Parma, in cui un conducente di autobus è stato pestato da un migrante africano sui vent'anni ed è finito all'ospedale con una settimana di prognosi. Un episodio che è finito in rete perché filmato e postato su Facebook da una persona che si trovava sul bus.

I toni del comunicato emesso dal Consap, il sindacato maggiormente rappresentativo della Polizia di Stato, sono molto duri: accusano la politica e chiedono un cambio di rotta nelle politiche di gestione dei flussi migratori, richiamando e definendo concreto "il rischio di tenuta della democrazia" citato dal ministro dell'Interno Marco Minniti due giorni fa a Pesaro alla festa dell'Unità.

“E’ inaccettabile che non passi un giorno in cui, nel nostro Paese, cittadini e forze dell’ordine non subiscano violenze e soprusi dalle incontrollate “risorse” che bivaccano nelle nostre città con sempre più pretese ed arroganza”, tuona Stefano Spagnoli, segretario nazionale Consap. “Tanto a noi non fanno nulla”! Questa la frase che alcuni testimoni dicono di aver sentito", aggiunge Spagnoli, commentando sempre il violento pestaggio di Parma. "Il pover’uomo è stato letteralmente massacrato a calci e pugni soltanto per essersi permesso di suonare il clacson al fine di far spostare il gruppo di irregolari seduti in terra a bivaccare e poter ripartire. Oltre a fare paura, le immagini che girano sul web - aggiunge - fanno inorridire. Il tutto è avvenuto a Parma ,in quella che fu (come la maggior parte delle città italiane) una tranquilla città di provincia, ricca e benestante. Ma possibile che il Governo non si renda conto di quanto sia grave la situazione immigrazione in Italia – prosegue il segretario nazionale – un’immigrazione totalmente fuori controllo con migliaia di persone sul territorio non identificate che sempre più spesso si rendono protagonisti di prepotenze e violenze e che poi fruendo delle infinite garanzie del fallace sistema giudiziario italiano, rimangono impuniti. Anche il vice ministro della giustizia polacco, Patryk Jaki, con le sue affermazioni sui fatti di Rimini, ha dimostrato di quanto, anche all’estero, ci sia la consapevolezza di come l’Italia, per la criminalità in generale e per gli immigrati, sia il paese del Bengodi".

Il video dell'aggressione a Parma

"Da tempo denunciamo - continua ancora Spanoli - la perdita del controllo dell’immigrazione nel nostro Paese perché, piaccia o non piaccia, noi poliziotti siamo dei veri e propri terminali del malessere sociale sul territorio ed abbiamo, pertanto, più di chiunque altro, la percezione reale della potenziale bomba sociale pronta ad esplodere. Ritengo – conclude il segretario della Consap - che sia giunto il momento, per il bene stesso del nostro consorzio sociale, di accantonare una volta per tutte, ipocrisia e solidarietà che spesso diventano “vincoli di appartenenza” e anche….. qualcos’altro. Basta con gli appelli del tipo “aiutiamoli scappano da guerra e fame”, quando per il 90 % di coloro non è assolutamente così. Basta con questa aristocrazia della politica, che si arroga il diritto di decidere su questioni fondamentali in dissenso con la maggior parte dei cittadini italiani e che delegittima ogni giorno di più le forze dell’ordine. E’ necessario che la politica prenda atto che l’invasione incontrollata dell’Italia da parte di centinaia di migliaia di immigrati ha ormai determinato sul territorio situazioni di pericolo quotidiano per i cittadini che sarà sempre più complicato contenere se non saranno intraprese iniziative legislative che consentano espulsioni più certe e più rapide e che permettano custodie preventive in carcere per chi delinque, altrimenti il timore rappresentato dal ministro Minniti, di un possibile rischio della tenuta democratica del paese è veramente concreto e noi, tra l’altro, lo denunciamo già dal 2014”.

Tags:
parmasindacato di polizia sul pestaggio autobus di parmaconsap su fatti autobus parmapestaggio autobus migranti parma

in vetrina
Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

i più visti
in evidenza
Tre stelle a Mauro Uliassi E' il decimo chef in Italia

Siamo il secondo paese al mondo

Tre stelle a Mauro Uliassi
E' il decimo chef in Italia

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.