A- A+
Cronache
Ponte Morandi: arrivano i sensori. Lascia il commissario del Mit Santoro

Via libera della Procura per installare i sensori per il monitoraggio dei due tronconi del ponte Morandi. "Il nulla osta, contenuto in un documento inviato alla struttura del Commissario, da parte della Procura, era un passaggio indispensabile per far partire i lavori, visto che l’area era posta a sequestro" rende noto la struttura commissariale che si occupa dell'emergenza a Genova, parlando del via libera per l'installazione dei sensori sulle parti rimaste in piedi del viadotto Polcevera, che serviranno a verificare le condizioni attuali di stabilità dei due monconi che sovrastano la zona rossa e a capire se esista la possibilità di far accedere ancora una volta i residenti sfollati alle loro case per il recupero degli effetti personali.La Commissione tecnica regionale ha già inoltre individuato la ditta che, per competenze e miglior offerta sul mercato, potrà eseguire il lavoro di monitoraggio. "Noi siamo pronti a partire - ha detto il presidente della Regione Liguria e Commissario per l’emergenza, Giovanni Toti -. E che tutto fosse già pronto è dimostrato dal fatto che la Commissione tecnica aveva già fissato, per lunedì, un incontro operativo con tutti i soggetti che dovranno partecipare alle operazioni per definire immediatamente tutte le fasi operative in dettaglio. Quindi non c'è stato nessuno ritardo. Stiamo solo seguendo le procedure previste dalla legge".

Ponte Morandi: indagato, lascia il commissario del Mit Santoro

"L'ingegner Bruno Santoro ha rassegnato spontaneamente le proprie dimissioni dalla Commissione ispettiva del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che opera per individuare le cause del crollo del Ponte Morandi". Lo fa sapere il Mit, nel ringraziare Santoro "per la sensibilità e la professionalità dimostrate" e precisando che "appena dal 23 marzo scorso Santoro è dirigente della Divisione 1 (Vigilanza tecnica e operativa della rete autostradale in concessione) della Direzione generale per la vigilanza sulle concessionarie autostradali". Il Mit precisa ancora che "presso tale divisione egli non ebbe competenza alcuna sul progetto di manutenzione straordinaria presentato da Autostrade per il Ponte Morandi". Il Mit nella nota spiega inoltre che "in relazione, poi, alle cosiddette 'consulenze' per Aspi, si fa notare che i collaudi delle opere in concessione vengono regolarmente effettuati dalle strutture del concedente a spese del concessionario. E si conferma che gli incarichi dell'ingegner Santoro sono stati debitamente autorizzati anni fa dall'amministrazione, all'epoca in cui Santoro era in servizio presso il Consiglio superiore dei lavori pubblici".

Il nome di Santoro è finito nella lista degli indagati della Procura di Genova per omicidio colposo, disastro colposo e omicidio stradale per quelle due consulenze a sua firma effettuate negli anni scorsi per Autostrade.

Intanto il ministro Danilo Toninelli polemizza su Twitter con il governatore della Liguria, Giovanni Toti: "Si preoccupi di far rientrare in casa gli sfollati per riprendersi gli effetti personali e di dar loro un nuovo alloggio. Non faccia politica su #Genova", scrive, ribadendo che "Autostrade sborserà il danaro, come suo dovere, ma non ricostruirà il ponte che ha fatto crollare".

"Come già ribadito in più occasioni dal governo, per quel che concerne la ricostruzione del ponte Morandi e, più in generale, future concessioni, il presidente Conte ha affermato che il Governo sta lavorando alla revisione del sistema delle concessioni in modo da tenere conto della necessità che l’investimento e il rischio di impresa del concessionario siano remunerati, scongiurando però che questo possa comportare il depauperamento delle risorse pubbliche". E' quanto si legge in una nota di palazzo Chigi. "Quanto alla scelta pubblico/privato, nazionalizzazione/privatizzazione, il presidente del Consiglio ha chiarito che non ha ragione di essere una preventiva opzione ideologica -sottolinea ancora palazzo Chigi-: bisogna adoperarsi perché i beni pubblici siano amministrati nel modo più efficiente possibile, assicurando il maggior ritorno alla collettività. Alcune volte questo comporterà l’affidamento ai privati in nome dell’efficienza e della managerialità, altre volte sarà l’impresa pubblica a garantire investimenti di lungo periodo, altre volte si potrà optare per forme di partenariato pubblico/privato".

Crollo ponte: Di Maio, Autostrade avra' brutta sorpresa

"Autostrade avra' un'altra brutta sorpresa nei prossimi giorni. Io non faccio ricostruire il ponte a chi lo ha fatto crollare". Lo ha detto il vicepresidente del Consiglio e Ministro dello sviluppo economico Luigi Di Maio, parlando con i giornalisti durante una visita alla Fiera del Levante di Bari. "Per quanto ci riguarda il ponte Morandi lo deve ricostruire un'azienda di Stato come Fincantieri, perche' - ha sostenuto Di Maio - dobbiamo monitorare cosa si fara' sulla ricostruzione del ponte".  

Commenti
    Tags:
    ponte morandisantoro ponte morandiponte morandi santoro

    in evidenza
    Quando finisce il caldo anomalo Pronta l'irruzione di aria fredda

    Cronache

    Quando finisce il caldo anomalo
    Pronta l'irruzione di aria fredda

    i più visti
    in vetrina
    Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

    Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

    Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.