A- A+
Cronache
Prostituzione e mafia nigeriana, sentenza riconosce efficacia dei riti voodoo

Condanne per prostituzione, il gup riconosce l'efficacia del rito voodoo

Per la prima volta in Italia una perizia antropologica disposta durante un processo certifica la capacita' dei riti voodoo di controllare 'a distanza' i comportamenti delle donne che si trasferiscono dalla Nigeria all'Italia e finiscono in un giro di prostituzione. La studiosa Alessandra Brivio dell'Universita' Bicocca di Milano, alla quale il gup Guido Salvini ha affidato la valutazione, ha concluso che "la sfera mistica ha il potere di controllare le donne nel loro viaggio e ancora di piu' una volta giunte in Italia, dove sono piu' sole e vulnerabili". La perizia e' stata determinante nell'indurre il giudice a condannare a otto anni di carcere la 'maman' D.O., 44 anni, per il reato di riduzione in schiavitu' aggravato dallo sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, mentre pene meno severe sono spettate al marito e alla figlia, condannati 'solo' per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione rispettivamente a tre anni e a un anno e otto mesi. 

Due giovani nigeriane, di 24 e 26 anni, sono le vittime individuate nell'inchiesta condotta dal pm Adriano Scudieri. Gli imputati, si legge nel capo d'imputazione, le avrebbero ridotte "mediante inganno (il convincimento che in Italia avrebbero svolto un'attivita' di lavoro lecita), minaccia (timore per la propria vita e per quella dei familiari originato dal potenziale convincimento nella potenziale letalita' del rito wodoo subito, con l'inganno, in Nigeria), violenza (esercitata con percosse e costringimento a restare chiuse in casa) a prestazione sessuale e sfruttandone la prostituzione). Alla maman sono state riconosciute le attenuanti equivalenti alle aggravanti tenuto conto che, in passato, e' stata anche lei vittima della prostituzione. I fatti risalgono al 2016 e sono collocati tra Milano e Legnano. Il giudice Salvini ha disposto la perizia ponendo il quesito se "i riti a cui le donne sono state sottoposte in Nigeria prima della partenza avessero un'efficacia tale da condizionare il loro comportamento e favorire sensibilmente situazione di dipendenza e soggezione una volta giunte in Italia". In un passaggio della perizia, la studiosa osserva che "la paura della forza e la capacita' di azione del rito unita al peso del debito da pagare creano una condizione di dipendenza e assoggettamento, che la situazione di vulnerabilita' e le violenze subite aggravano e da cui risulta molto difficile liberarsi".

Commenti
    Tags:
    rito voodoomafia nigerianaprostituzione
    in evidenza
    JENNIFER LOPEZ NUDA LANCIA 'BAILA CONMIGO

    Le foto delle Vip

    JENNIFER LOPEZ NUDA LANCIA 'BAILA CONMIGO

    i più visti
    in vetrina
    Marianna Aprile come il premio Nobel Esther Duflo: separate alla nascita

    Marianna Aprile come il premio Nobel Esther Duflo: separate alla nascita


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Fantic Motor presenta un concept davvero… ISSIMO

    Fantic Motor presenta un concept davvero… ISSIMO


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.