Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Chi è il vigile del fuoco in manette per aver causato decine di incendi - FOTO

Il caposquadra dei volontari arrestato a Ragusa condivideva su facebook post di Di Battista e m5s, riferimenti al duce, a Putin e contro il governo

Di Marco Zonetti
Chi è il vigile del fuoco in manette per aver causato decine di incendi - FOTO

Ragusa. Una squadra di vigili del fuoco denunciata per aver appiccato incendi. La notizia ha dell'incredibile, pur essendo - ahinoi - del tutto vera, al punto da essere ripresa perfino dalla BBC. Fatto sta che è finito in carcere il volontario vigile del fuoco 42enne Davide Di Vita, originario di Vittoria (Rg), che coordinava una squadra di quattordici persone (denunciate a piede libero), tutti accusati di far parte della banda di piromani che, nel 2015, ha provocato decine di incendi nella zona. Controlli incrociati hanno riscontrato che, allo scattare del turno degli uomini coordinati dal Di Vita, gli incendi subivano una sospetta recrudescenza, al punto che la squadra effettuava tre volte gli interventi degli altri volontari. Ma non era una semplice coincidenza fortunata; come leggiamo infatti sul quotidiano La Repubblica nell'articolo di Alessandra Ziniti: "Il caposquadra (Davide Di Vita ndr), durante le ore di servizio, prendeva il furgoncino, si allontanava, appiccava il fuoco in punti strategici di aree boschive, poi simulava chiamate di emergenza ed entrava in azione con i suoi per spegnere le fiamme".
 
Davide di Vita, mente del gruppo, è stato intercettato mentre si spingeva a dire di "voler fare scoppiare una bomba" pur di prendere l'indennità (del valore di dieci euro per ogni ora di attività effettuata). L'uomo, titolare di una ditta di impianti refrigeranti, è stato arrestato mentre era al lavoro, a differenza dei suoi uomini che, come già detto, sono stati invece denunciati a piede libero.

Un'occhiata al profilo facebook (bloccato dopo la pubblicazione di questo articolo ndr) del caposquadra dei presunti piromani ha disvelato peculiari interessi, a maggior ragione viste le accuse per le quali è finito in manette. Come testimonia infatti la gallery che correda questo articolo, si possono trovare infatti video di Alessandro Di Battista sul caso di Banca Etruria e sulla disonestà dei personaggi coinvolti, in primis Maria Elena Boschi; articoli condivisi dal blog di Beppe Grillo sulle "farine velenose"; condivisioni di post sulla famiglia tradizionale; riferimenti non velati al Duce e a Vladimir Putin, definito "la soluzione"; e le solite condivisioni di testimonianze filmate di aspiranti e anonime webstar che denunciano su facebook il governo e i "politici criminali". Il solito repertorio di "onestà da tastiera", insomma, repertorio che ormai si ritrova con una triste frequenza nei profili social di chi predica bene on line per poi razzolare malissimo nella vita. 


In Vetrina

Grande Fratello Vip 2, massaggi Jeremias-Tonon. E Cecilia con Moser... FOTO

In evidenza

Cristina Chiabotto è single Addio a Fulco dopo 12 anni
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

Porsche 911 Carrera T, carattere sportivo

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.