A- A+
Cronache
Rubygate: morta Imane Fadil, testimone contro Berlusconi. Pm apre inchiesta
Foto: LaPresse

Ruby, morta la teste chiave Imane Fadil: "Temeva di essere avvelenata"

Iman Fadil, 33 anni, teste chiave della procura nei processi Ruby, e' morta il primo marzo scorso dopo un calvario durato un mese. Ma si e' saputo solo oggi. A darne notizia e' stato il procuratore Francesco Greco, che ha comunicato anche l'apertura di una indagine. Prima di morire, Fadil ha confidato a chi le stava vicino di temere di essere stata avvelenata.

E' omicidio volontario il reato per cui si sta indagando. Stando a quanto riferito dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano erano presenti "chiari sintomi da avvelenamento".

Nell'ambito dell'inchiesta sulla morte di Imane Fadil, avviata con l'ipotesi di reato di omicidio, la Procura sta svolgendo accertamento anche in merito all'ipotesi di avvelenamento paventata dalla giovane modella marocchina prima di morire. Ricoverata all'ospedale 'Humanitas' il 29 gennaio scorso, la teste chiave dei processi Ruby e gia' parte civile nel processo Ruby bis e' morta il primo marzo scorso dopo quello che il procuratore Greco ha definito "un calvario". Nella cartella clinica, ha detto Greco, "c'erano diverse anomalie". Anche per questo, e' stata disposta un'autopsia e il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano, che rappresenta l'accusa nel processo Ruby ter, ha aperto un'indagine nell'ambito della quale sono gia' stati sentiti diversi testimoni.

"Nessuna ipotesi puo' essere esclusa", ha spiegato il procuratore Francesco Greco. Nei giorni scorsi, la Procura ha anche disposto il sequestro dei campioni di sangue prelevati durante il ricovero. Stando a quanto riferito dal magistrato, Imane Fadil, che viveva a Milano col compagno, e' stata ricoverata dapprima in terapia intensiva e poi trasferita in Rianimazione. Lamentava forti dolori al ventre, gonfiore addominali e altri sintomi "che possono essere compatibili anche con altre patologie". Tuttavia, ha precisato Greco, "non e' stata individuata con certezza dai medici nessuna patologia a cui ricondurre il decesso". Nei prossimi giorni sara' eseguita l'auotopsia. "Speriamo che la scienza sia in grado di dirci com'e' morta", si e' augurato il procuratore il quale ha inoltre riferito che la donna "non aveva fatto viaggi in Paesi esotici negli ultimi due mesi".

 

Imane Fadil è una delle ragazze che si sono costituite parte civile al processo Ruby bis contro Emilio Fede e Nicole Minetti per le serate di Arcore. "Quando chiesi a Fede come mai c'erano sempre così tante ragazze alle cene da Berlusconi mi disse che era una questione di soldi: più ragazze, più soldi", così la giovane donna dichiarava in tribunale a Milano. Nel suo intervento ha spiegato che Fede, che è accusato di favoreggiamento della prostituzione e tentata induzione, voleva "guadagnarci" in termini economici e di "posizione" e aveva il compito di portare "merce nuova", cioè nuove ragazze a Arcore.

Nell'udienza del 14 gennaio scorso, Imane Fadil era stata stata estromessa dalle parti civili del cosiddetto processo 'Ruby ter', quello in cui Silvio Berlusconi, tra gli altri, e' accusato di corruzione in atti giudiziari. I giudici del Tribunale di Milano avevano estromesso lei, Ambra Battilana e Chiara Danese, considerate le testimoni chiave dell'accusa. Nel motivare la decisione, avevano spiegato che il reato di corruzione in atti giudiziari e' "offensivo" nei confronti dello Stato soltanto e non di altre parti, come le ragazze appunto. La decisione aveva provato molto la giovane tanto da provocarle, secondo persone a lei vicine, "un crollo nervoso". Per la Procura invece le ragazze avevano diritto a chiedere un risarcimento "perche' avevano subito un danno da stress di fronte a un esercito di altre ragazze eteroindirizzato" da Silvio Berlusconi dal momento che "loro sostenevano una tesi e le altre un'altra, con testimonianze false che sono in realta' certificate da una sentenza definitiva".

Le dichiarazioni di Imane Fadil

"Io, l'unica cosa che posso dire è che ho iniziato tutto questo quando avevo 25 anni. Ora ne ho 34, quindi 9 anni. Sono stata lineare, ho sempre detto la verità al contrario degli altri. Ho respinto tantissimi tentativi di corruzione perchè ho i miei "motivi". Così ha dichiarato a Repubblica a gennaio e al giornalista che gli ha chiesto da chi avesse ricevuto pressioni, ha risposto "da parte del signor Silvio Berlusconi e del suo entourage, nei documenti e negli atti c'è tutto."

"Abbiamo pagato forse più di tutte, perchè alla fine le altre hanno voluto appoggiare quel signore, hanno voluto farsi corrompere. Ognuno fa le sue scelte, io sono diversa", ha  aggiunto Fadil. E ancora: "Sto per pubblicare il libro; il punto è che c'è una sorta di stranezza anche in quelle cose lì."A chi gli chiede se ci fossero stati editori che avessero rifiutato di pubblicare il libro poichè andava contro Berlusconi risponde "Certo, certo chiediti come mai. Che ci sarà in quel libro lì, lo vedranno tutti prima o poi, prima o poi esce. Io ho fiducia nella giustizia e nella giustizia italiana, ho fiducia che le cose stiano cambiando."

Il Pm Tiziana Siciliano su Fadil: “Chiari i sintomi di avvelenamento“

E' omicidio volontario il reato per cui sta indagando la Procura di Milano sulla morte di Imane Fadil. Stando a quanto riferito dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano erano presenti "chiari sintomi da avvelenamento".

Fadil in un intervista a Repubblica tv: "Pago per aver detto verita' su Berlusconi"

"Per ciò che succedeva ad Arcore, noi abbiamo pagato più di tutte le altre, quelle che hanno deciso di farsi corrompere". Questo diceva in una delle sue ultime interviste, a 'Repubblica tv', Imane Fadil, la modella 34enne (e non 33enne, come scritto in precedenza) sulla cui morte, forse per avvelenamento, sta indagando la Procura di Milano. Parole pronunciate due settimane prima del suo ricovero e dopo avere appreso, nell'udienza del processo Ruby ter, di essere stata esclusa dalle parti civili. "Tutto questo e' iniziato quando avevo 25 anni. In nove anni sono sempre stata lineare - affermava - ho sempre detto la verità al contrario degli altri e ho respinto tantissimi tentativi di corruzione da parte di Silvio Berlusconi e di tutto il suo entourage". Imane era pronta a pubblicare un libro sulla sua storia, le cui bozze sono state sequestrate dalla Procura che pero', come ha riferito Francesco Greco, non vi ha trovato "nulla di rilevante". "Prima o poi tutto lo vedranno, prima o poi sara' pubblicato - era l'auspicio della giovane - Ho fiducia nella giustizia italiana e ho fiducia nel fatto che le cose stiano cambiando".

Commenti
    Tags:
    rubyimane fadilrubygatesilvio berlusconi
    in evidenza
    Lampedusa contro le sigarette Stop al fumo in spiaggia

    Cronache

    Lampedusa contro le sigarette
    Stop al fumo in spiaggia

    i più visti
    in vetrina
    GRANDE FRATELLO 2019: Francesca De Andrè-Gennaro, dopo la lite... Gf 2019 news

    GRANDE FRATELLO 2019: Francesca De Andrè-Gennaro, dopo la lite... Gf 2019 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Enel X,Nissan e RSE avviano la prima sperimentazione Vehicle to Grid

    Enel X,Nissan e RSE avviano la prima sperimentazione Vehicle to Grid


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.