A- A+
Cronache
Salvini, caso Cucchi: “La droga fa male”. Ecco la risposta di Ilaria Cucchi

Processo Cucchi, Salvini: "Il caso testimonia che la droga fa sempre male"

"‎Se qualcuno ha usato violenza, ha sbagliato e paghera'‎. Sono vicinissimo alla famiglia, ho invitato la sorella al Viminale. Questo testimonia che la droga fa male, sempre e comunque". Cosi' Matteo Salvini a chi gli chiedeva se vuole "chiedere scusa" alla famiglia Cucchi per le frasi usate in passato. "Non posso chiedere scusa per eventuali errori altrui. Se qualcuno lo ha fatto, paghera'. Devo chiedere ‎scusa anche per il buco dell'ozono?", ha aggiunto il segretario leghista, rispondendo al cronista che continuava a chiedergli di scusarsi per le frasi del passato quando disse che la sorella Ilaria si sarebbe dovuta "vergognare". "Per quel che mi riguarda, come senatore e come padre, combattero' la droga", ha continuato. "‎Se qualcuno ha sbagliato paga; in divisa e non in divisa. Punto. Fatemi aggiungere. Sono contro lo spaccio di droga sempre e comunque".

Due cose, di quanto detto da Salvini, non si riescono a comprendere. La prima quando dice: “Se qualcuno ha usato la violenza”. L’uso del condizionale pare inappropriato considerato che la Corte d’Assise di Roma ha accertato, con la sentenza di ieri, che violenza c’è stata e ha provocato la morte di Stefano Cucchi. La seconda: quando lo stesso Salvini afferma: “Il caso testimonia che la droga fa male sempre”. Il che è sicuramente vero e non si discute. Ma che c’entra con le violenze compiute dai due carabinieri su Stefano Cucchi?

Processo Cucchi, la sorella Ilaria: "Valutiamo la querela a Salvini"

Al commento del leader leghista sulla sentenza di condanna per i carabinieri ritenuti responsabili della morte di Stefano Cucchi, è seguita la risposta della sorella Ilaria: "Che c'entra la droga? Salvini perde sempre l'occasione per stare zitto – e aggiunge - anch'io da madre sono contro la droga, ma Stefano non è morto di droga. Contro questo pregiudizio e contro questi personaggi ci siamo dovuti battere per anni. Tanti di questi personaggi sono stati chiamati a rispondere in un'aula di giustizia, e non escludo che il prossimo possa essere proprio Salvini". Così conclude Ilaria Cucchi alla trasmissione radiofonica Circo Massimo, su Radio Capital.

Loading...
Commenti
    Tags:
    processo cucchiprocesso cucchi condanneprocesso cucchi sentenza finalecucchi sentenzacarabinieri condannati caso cucchistefano cucchisalvinisalvini cucchisalvini caso cucchi
    Loading...
    in evidenza
    7 donne su 10 fingono l’orgasmo Uomini, stress da prestazione

    Sondaggio di JOYclub

    7 donne su 10 fingono l’orgasmo
    Uomini, stress da prestazione

    i più visti
    in vetrina
    Neve in pianura al Nord e neve a Milano in arrivo. Ecco quando. Meteo neve

    Neve in pianura al Nord e neve a Milano in arrivo. Ecco quando. Meteo neve


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan GT-R50 by Italdesign, prodotta in soli 50 esemplari

    Nissan GT-R50 by Italdesign, prodotta in soli 50 esemplari


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.