A- A+
Cronache
Sap, Tonelli: "Denuncio il capo della Polizia"

"La verità come sempre viene perseguitata". Inizia così la nota firmata da Gianni Tonelli, segretario nazionale del Sap (Sindacato Autonomo di Polizia), scritta in seguito alla denuncia presentata dalla Polizia nei confronti di un dirigente del sindacato per aver mostrato in una trasmissione tv equipaggiamenti, secondo la questura di Roma, non più in uso.

"Il forte sospetto che abbiamo è che tutta questa vicenda sia stata tirata fuori ad arte e con scopo intimidatorio, forse per inibire la comunità interna, stufa delle bugie dei politici, dell'acquiescenza dei vertici del Viminale e vittima da anni di tagli e ridimensionamenti, dal togliere il coperchio al vaso di Pandora, dimostrando che l'apparato della sicurezza è fortemente debilitato", afferma Tonelli. "Possiamo certificare - prosegue il Sap - che gli elementi illustrati durante il servizio di Ballarò sono assolutamente veritieri e genuini: è vero che quei caschi logori sono quelli utilizzati per l'ordine pubblico. E in condizioni pessime e logore sono anche i nostri giubbotti antiproiettile, molti dei quali scaduti e le armi in dotazione, per non parlare della fatiscenza dei luoghi in cui lavoriamo e delle nostre autovetture". Ecco perché, prosegue il sindacato, "tutta questa storia ci crea grandissimo sconcerto, anche perché sono stati sprecati tempo, denaro e uomini per perseguire poliziotti anziché correre dietro al califfo nero e alla sua schiera di tagliagole".

"Tutta questa storia ci crea grandissimo sconcerto, anche perché sono stati sprecati tempo, denaro e uomini per perseguire poliziotti, degli eroi, anziché correre dietro al califfo nero e alla sua schiera di tagliagole. Eroi perché hanno avuto il coraggio di dire la verità nell'interesse del paese e non di una classe dirigente che ha mostrato miopia, carrierismo, voglia di conservazione e timore delle proprie responsabilità. Eroi, come il nostro rappresentante sindacale, che addirittura ha una promozione in corso per merito straordinario per un encomiabile comportamento tenuto in servizio", prosegue Tonelli. Il Sap chiede "a questo punto l'apertura di una commissione parlamentare d'inchiesta sulle condizioni dell'apparato della sicurezza che, ne siamo sicuri, non potrà far altro che certificare quanto da noi denunciato. Ovviamente, stiamo facendo tutte le più opportune valutazioni per mobilitarci, anche con iniziative eclatanti e clamorose, sia per tutelare il nostro rappresentante sindacale e soprattutto perché è inaccettabile che in questo paese venga considerata responsabilità capitale il solo fatto di dire la verità nell'interesse dei cittadini".

Tags:
sappolizia
in vetrina
Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO

Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO

i più visti
in evidenza
"Vita in Diretta, misura colma" L'Ad Salini sul piede di guerra

MediaTech

"Vita in Diretta, misura colma"
L'Ad Salini sul piede di guerra


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Opel Corsa-e: l’elettrica che si carica in modo veloce e semplice

Opel Corsa-e: l’elettrica che si carica in modo veloce e semplice


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.