A- A+
Cronache
Scarantino: "Mio fratello vendeva droga a Berlusconi"

"Sono rimasto in carcere per 16 anni e ho sempre proclamato la mia innocenza. Fino a che ho ritrattato ero una persona libera poi mi hanno chiuso in caserma a me e alla mia famiglia. Per me era impossibile che si cercasse la verità. Era impossibile". Lo ha detto questa mattina il falso collaboratore di giustizia Vincenzo Scarantino deponendo a Caltanissetta nell'ambito del processo sul depistaggio che vede imputati tre poliziotti, Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo, ex appartenenti del gruppo Falcone-Borsellino. Presente in aula anche Fiammetta Borsellino, la figlia minore del giudice Paolo Borsellino, parte civile nel processo. Scarantino con le sue dichiarazioni provocò il depistaggio sulle indagini di via d'Amelio. "Dicevo di essere disperato - ha aggiunto - ma nessuno mi credeva. Volevo ritrattare ma venivo preso per pazzo". Scarantino ha anche detto che "Andreotta scriveva tutto quello che dicevo. Io mi sfogavo. L'unica colpa che ho avuto è stata che non ho messo la museruola. C'erano detenuti che stavano nella sezione di mio cognato Salvatore Profeta che mi dicevano che non parlava con nessuno. Era proprio il suo carattere". Il falso pentito ha parlato anche del suo arresto, risalente al 26 settembre 1992, "assieme a Salvatore Profeta, mio cognato, ma a Profeta lo hanno subito liberato e a me no. L'imputazione era per strage. Mi accusavano Salvatore Candura e Valenti, ma anche il dottor La Barbera, il dottor Bo e il dottor Ricciardi". 

“Mi hanno fatto mangiare tante porcherie. Mi orinavano nella minestra - ha aggiunto Scarantino - mettevano nella pasta le mosche e i vermi che si usano per pescare. Quando mi sono accorto di tutto questo ho smesso di mangiare. All'inizio pensavo più di 100 chili poi mi sono ridotti a circa 53 chili“l”. Scarantino trascorse i suoi anni più bui al carcere di Pianosa. “Andavo a colloquio – ha aggiunto – e mi facevano spogliare nudo e con una paletta mi davano dei colpi nelle parti intime. Dopo mi dicevano di guardare a terra e mi davano schiaffi in bocca perché guardassi a terra. Poi mi davano calci con gli anfibi. Sembrava il carcere di 'fuga da mezzanotte'. Avevo paura, stavo tutta la notte sveglio. Spesso entravano nella mia cella per fare perquisizioni. Ero disperato, soffrivo e non mi lamentavo“. E ancora: ”Arnaldo La Barbera mi chiamava Buscetta junior perché diceva che io ero come Buscetta. Mi davano lezioni di grammatica facendomi guardare i video di Buscetta, ma io non volevo un capello di Buscetta“, ha detto Scarantino rispondendo alle domande dei Pm. Poi l’ex picciotto della Guadagna, ha tenuto a precisare che si dedicava soprattutto ai furti e alla vendita di sigarette di contrabbando. “Mio fratello  - ha concluso - mi disse che aveva venduto la droga a Berlusconi. Parlai anche con Pipino, il ladro gentiluomo, della possibilità di accusare Berlusconi. Il capo della squadra Mobile, La Barbera non voleva che facessi tali dichiarazioni, ma io le feci lo stesso, non ricordo per quale motivo”.

Commenti
    Tags:
    scarantinoberlusconiprocesso depistaggio borsellino
    in evidenza
    Bella Thorne, hacker ruba foto hot Lei lo beffa e le pubblica. Gallery

    La stella Disney va in contropiede

    Bella Thorne, hacker ruba foto hot
    Lei lo beffa e le pubblica. Gallery

    i più visti
    in vetrina
    Francesca De André e Gennaro Lillio: dal Grande Fratello 2019 a Temptation Island Vip?

    Francesca De André e Gennaro Lillio: dal Grande Fratello 2019 a Temptation Island Vip?


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Citroen C5 Aircross guida il salone di Torino (19/23 giugno)

    Citroen C5 Aircross guida il salone di Torino (19/23 giugno)


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.