A- A+
Cronache
Scorta, 560 vip protetti in Italia: Boschi, De Girolamo, D'Alema e... I NOMI
LaPresse

2100. Duemilacento. Sono gli agenti di pubblica sicurezza e delle forze dell'ordine impegnati nel garantire l'incolumità di 560 personalità italiane. Politici, magistrati, ma anche giornalisti e cosiddetti "vip". Un tema, quello delle scorte, di stretta attualità se si considera che è stata tolta ad Antonio Ingroia, oggi avvocato ma anche ex pm antimafia, autore dell'inchiesta che ha portato al processo di Palermo sulla cosiddetta "trattativa". E c'è anche chi paventa la possibilità di rimuoverla a Roberto Saviano, nel mirino della camorra dai tempi in cui ha scritto il bestseller "Gomorra".

Ma nel frattempo i nomi di chi gode della scorta sono tanti. Un elenco, di cui parla il Fatto Quotidiano, che comprende nomi della politica, della magistratura e dell'informazione. Tra questi anche alcuni che destano qualche perplessità. Qualche esempio? Partiamo dalla politica. Protezione garantita per Maria Elena Boschi, Piero Fassino, il renziano Ernesto Carbone e l'ex ministro Maurizio Lupi. Scorta di livello tre con auto blindata, tra gli altri, per Maurizio Gasparri. Nel corso del tempo hanno resistito a possibili "attacchi" (vale a dire la rimozione della scorta), politici navigati come Gianfranco Rotondi, Lorenzo Cesa e Massimo D'Alema. Ha una protezione , di livello 4, anche Nunzia De Girolamo.

Ma non ci sono certo solo i politici. 260 delle 560 personalità con la scorta sono infatti magistrati. Seconda categoria più protetta, appunto, i politici (circa 70), seguiti da dirigenti pubblici (circa 30), pentiti (circa 10) e testimoni di giustizia. Tra queste categorie anche giornalisti e vip dell'informazione, in tutto circa 20. Tra di loro, oltre a Saviano, giornalisti nel mirino della criminalità organizzata come Lirio Abbate, Paolo Borrometi, Federica Angeli e Michele Albanese. Ma ci sono anche il direttore di Repubblica Mario Calabresi, il direttore de la Verità Maurizio Belpietro, il direttore della Stampa Maurizio Molinari, l'ex direttore di Libero Vittorio Feltri, il direttore de Il Giornale Alessandro Sallusti, il conduttore di Porta a Porta Bruno Vespa. E poi Magdi Cristiano Allam e Fiamma Nirenstein.

C'è anche chi ha rinunciato alla scorta, come per esempio il capo della Polizia Franco Gabrielli. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha invece chiesto di abbassare il suo livello di protezione da 1 a 2, passando da tre a due auto blindate. Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, paga direttamente lui la scorta. Nonostante questo il numero di scorte in Italia è nettamente più alto di qualsiasi altro grande paese europeo. Bast confrontare le 560 scorte presenti in Italia con le 165 in Francia, le 40 in Germania e addirittura le 20 nel Regno Unito.

Tags:
scortaauto blu

in evidenza
Fashion Week, nuove tendenze Paillettes, biker shorts e...

Costume

Fashion Week, nuove tendenze
Paillettes, biker shorts e...

i più visti
in vetrina
Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Peugeot svela le nuove 508 e 3008 Plug-In Hybrid

Peugeot svela le nuove 508 e 3008 Plug-In Hybrid

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.