A- A+
Cronache
Sea Watch, l'arcivescovo di Torino: "Pronti accogliere subito i profughi"
Foto: LaPresse

Sea Watch, la diocesi di Torino: pronti accogliere subito profughi

"Desidero esprimere la mia solidarietà a quanti in Italia e anche nella nostra città stanno dimostrando pacificamente per richiamare l’attenzione sulla situazione di grave e ingiusta sofferenza in cui si trovano 43 persone sulla nave Sea Watch al largo di Lampedusa". Lo ha detto l'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, concludendo la messa di San Giovanni, patrono della città. "Un gruppo di nostri concittadini questa notte - ha aggiunto - ha iniziato a dormire davanti alla chiesa di San Dalmazzo per questo motivo". Nosiglia ha poi annunciato: "Come ha sempre fatto, anche in altre circostanze analoghe, la chiesa di Torino è disponibile ad accogliere senza oneri per lo Stato questi fratelli e sorelle al più presto, se questo può servire a risolvere il problema".  

Sea Watch, appello alla Corte di Strasburgo: "L’Italia chiarisca in poche ore"

La Sea Watch 3 si è rivolta alla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo con una richiesta di "misure provvisorie" per chiedere all'Italia di consentire ai migranti di sbarcare. A rivelarlo è stato lo stesso organismo internazionale.

La Corte ha rivolto quesiti sia all'Ong tedesca che all'Italia che dovrà rispondere entro oggi pomeriggio. La Corte in base ai suoi regolamenti potrebbe chiedere all'Italia di adottare quelle che vengono definite "misure urgenti" e che "servono ad impedire serie e irrimediabili violazioni dei diritti umani".

La nave risulta essere dal 12 giugno in acque territoriali italiane ma Matteo Salvini dichiara che "in caso di peggioramento della situazione a bordo la responsabilità è esclusivamente dell'Olanda e del comandante della nave".

Migranti, Sea Watch: ricorso alla Corte di Strasburgo

La Corte di Strasburgo ha ricevuto una richiesta di intervento da parte di individui a bordo della Sea Watch 3 per chiedere all'Italia di consentire lo sbarco dei migranti. La nave si trova ormai da 12 giorni a poche miglia da Lampedusa. La Corte potrebbe chiedere all'Italia di adottare "misure urgenti che servono ad impedire serie e irrimediabili violazioni dei diritti umani". Ma Salvini replica: "I migranti vadano in Olanda e Germania".

 

Salvini: "Metà migranti ad Amsteram e metà a Berlino"

Salvini: "Metà migranti ad Amsteram e metà a Berlino" - Il ministro dell'Interno spiega infatti: "L'Unione europea vuole risolvere il problema Sea Watch? Facile. Nave olandese, Ong tedesca: metà immigrati ad Amsterdam, l'altra metà a Berlino. E sequestro della nave pirata. Punto".

Commenti
    Tags:
    sea watchsea watch italiasea watch corte dei diritti dell'uomosea watch corte strasburgoitalia sea watch migranti
    in evidenza
    Stati Uniti e Cina litigano sul 5G Ma Huawei lavora già al 6G

    Guerra fredda tech

    Stati Uniti e Cina litigano sul 5G
    Ma Huawei lavora già al 6G

    i più visti
    in vetrina
    Crisi, le reazioni social: da De Falco a Salvini, ecco le più virali. FOTO

    Crisi, le reazioni social: da De Falco a Salvini, ecco le più virali. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan Juke, svelate le foto della seconda generazione in arrivo a settembre

    Nissan Juke, svelate le foto della seconda generazione in arrivo a settembre


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.