A- A+
Cronache
Sorrento, turista inglese subisce stupro di gruppo: cinque arresti

Turista inglese violentata a Sorrento, 5 arresti 

Agenti del commissariato di Sorrento e della squadra Mobile di Napoli, dopo indagini su delega della procura di Torre Annunziata, stanno eseguendo tra Massa Lubrense, vico Equense, Portici e Torre del Greco una misura di custodia cautelare in carcere emessa dal gip oplontino nei confronti di cinque indagati per violenza sessuale di gruppo con l'aggravante dell'uso di sostanza stupefacente nei confronti di una turista inglese. 

La misura cautelare riguarda Antonio Miniero, Davide Gennaro Gargiulo, Fabio De Virgilio, Raffaele Reggio e Francesco Ciro D'Antonio, tutti dipendenti dell'hotel che devono rispondere appunto di violenza sessuale di gruppo. I fatti risalgono a ottobre 2016, ultima sera di permanenza della donna in un noto hotel della penisola sorrentina. Due degli indagati, barman in servizio presso la struttura alberghiera hanno offerto alla turista e a sua figlia un drink che conteneva una droga da stupro.

L'attenzione dei due barman era per la donna di 50 anni, costretta a seguirli nel locale piscina adiacente dove hanno abusato di lei. A quel punto e' arrivato un altro dipendente dell'hotel che l'ha portata in una stanza ad alloggio del personale dove c'erano diverse persone, forse una decina, molti dei quali nudi, che hanno usato violenza contro di lei. La donna e' stata anche fotografata e ripresa con telefonini. Poi uno del 'branco' l'ha riaccompagnata alla sua stanza. Rientrata in Gran Bretagna, la donna ha denunciato l'accaduto alla polizia del Kent ed e' stata sottoposta ad accertamenti medico-legali, nei quali sono stati rilevati i lividi ed ecchimosi su tutto il corpo.

A quel punto e' stata informata la magistratura italiana attraverso il Servizio di cooperazione internazionale della polizia. Solo alcuni dei componenti del branco sono stati identificati. Alle indagini ha contribuito il sequestro di dispositivi nei quali e' emersa una chat, denominata cattive abitudini, dove c'erano scambi di messaggi e foto della donna durante la violenza.

Ma ci sono stati anche i rilievi del DNA sul corpo della vittima, la foto dei due barman scattata dalla donna con il proprio telefonino e un tatuaggio a forma di corona sul collo di uno degli autori dello stupro che era stata poi descritta dalla vittima. L'esame tossicologico sui campioni di urine e capelli della donna hanno confermato la somministrazione di droga da stupro.

Tags:
sorrentoturistastupro

in vetrina
Grande Fratello Vip 3: "Per Lory Del Santo porta aperta, sarà.." GF VIP 3 NEWS

Grande Fratello Vip 3: "Per Lory Del Santo porta aperta, sarà.." GF VIP 3 NEWS

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Tria e Di Maio visti dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Scandola d’Amore si aggiudicano il 25° Rally Adriatico

Scandola d’Amore si aggiudicano il 25° Rally Adriatico

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.