A- A+
Cronache
Stato mafia, chiesti 9 anni per Mannino: "Turpe scambio per fermare le stragi"


Stato-mafia: chiesti 9 anni per l'ex ministro Mannino 

Una condanna a 9 anni e' stata chiesta per Calogero Mannino nel processo d'appello Stato-mafia. "In riforma alla sentenza di primo grado si chiede la conferma penale dell'imputato e la condanna a 9 anni di reclusione, cosi' come chiesto dal pubblico ministero in primo grado": cosi' il pg Giuseppe Fici, al termine della requisitoria, ha formulato la richiesta di pena per l'ex ministro Dc, accusato di minaccia a corpo politico dello Stato. Il processo si svolge, con il rito abbreviato, dinanzi al collegio presieduto da Adriana Piras. In primo grado era stato assolto dal gup Marina Pitruzzella. "Abbiamo esposto dei fatti provati - ha proseguito il pg - al di la' di ogni ragionevole dubbio". 

"Le acquisizioni probatorie - aveva detto il Pg durante la requisitoria - confermano inoppugnabilmente il timore dell'onorevole Mannino di essere ucciso, cosi' come sostenuto dall'accusa, e le sue azioni per attivare un 'turpe do ut des' per stoppare la strategia stragista avviata da Cosa nostra". L'accusa aveva spiegato che "Giovanni Brusca ha dichiarato di avere ricevuto l'incarico di predisporre, subito dopo l'attentato di Capaci, l'omicidio dell'odierno imputato, Calogero Mannino. Anche Francesco Onorato conferma che Mannino 'si deve uccidere'. E l'ex capo mandamento Antonino Giuffre', vicino al boss Provenzano, ha detto che: Falcone, Lima e Mannino erano nella lista delle persone da uccidere - aveva proseguito il magistrato - deliberata dalla riunione della commissione provinciale di cosa nostra, riunitasi nel dicembre 1991. Decisione da adottare in caso di esito sfavorevole della (imminente) sentenza del maxi processo da parte della Cassazione". 

Mannino: "Richiesta dell'accusa priva di fondamento"

"La richiesta che l'ufficio dell'accusa ha avanzato e' priva di ogni fondamento e prova. Se prova v'e', e' quella di una pretesa pregiudiziale e fantasiosa. Anche alla stregua della stessa sentenza Montalto. che tutta la trattativa si riduca alla paura del sottoscritto e dalla sua ispirazione ad un generale dei carabinieri e' soltanto una fake-news, e' tesi priva di fondamento e consistenza, e quindi di prova. Sottolineo che la richiesta dei sostituti procuratori generali non e' giudizio. Attendo fiduciosamente quello". Lo dice l'ex ministro Calogero Mannino dopo la richiesta di condanna a nove anni nei suoi confronti nel processo d'appello sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia.

Commenti
    Tags:
    stato mafiamanninopalermostragitrattativa stato-mafiaturpeaccusa
    Loading...
    in evidenza
    Juve-Donnarumma, che bomba Al Milan il turco Demiral e...

    CALCIOMERCATO

    Juve-Donnarumma, che bomba
    Al Milan il turco Demiral e...

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 4, CLIZIA INCORVAIA E LE NOTIZIE SUL CAST! Gf Vip 4 news

    Grande Fratello Vip 4, CLIZIA INCORVAIA E LE NOTIZIE SUL CAST! Gf Vip 4 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Euro NCAP: 5 Stelle per l’Explorer Plug-In Hybrid

    Euro NCAP: 5 Stelle per l’Explorer Plug-In Hybrid


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.