A- A+
Cronache
Stato mafia, un processo senza fine. "Riaprire dibattimento su era Berlusconi"
Foto: LaPresse

Stato-mafia, Pg: "Riaprire dibattimento sugli anni del governo Berlusconi"

Un processo senza fine. Tanto da sembrare talvolta una rievocazione storica. La riapertura del dibattimento nel processo Stato-mafia viene chiesta dalla procura generale di Palermo con riguardo a tre punti, tutti relativi al periodo in cui era al governo Silvio Berlusconi o ai mesi immediatamente precedenti e successivi. I Pg Sergio Barbiera e Giuseppe Fici - dopo essersi associati oggi, nell'ambito del processo d'appello, alla richiesta della difesa di Marcello Dell'Utri, di sentire Silvio Berlusconi - chiedono, nel dettaglio di approfondire il tema del disegno di legge presentato da Silvio Berlusconi tra la fine del 1994 e i primi mesi del '95, in cui si proponeva la modifica della norma sulla custodia cautelare, in modo da non rendere più automatico andare in carcere per associazione mafiosa. Secondo l'accusa si tratta di una delle contropartite chieste da Cosa nostra al governo presieduto dal leader di forza italia.    Secondo aspetto: l'arresto dei fratelli Giuseppe e Filippo Graviano, avvenuto a Milano il 27 gennaio 1994. In quel frangente ci fu un episodio misterioso riguardante l'ingresso in carcere di alcuni soggetti che si erano qualificati come carabinieri, ma che, a un controllo, risultarono non appartenere all'Arma, ma probabilmente ai servizi segreti.

Gli stessi Graviano raccontarono ai loro difensori di essere stati filmati e fotografati a lungo su apparente delega di un magistrato romano. Gli avvocati Giuseppe Oddo e Memi Salvo fecero un esposto perché i loro clienti erano apparsi turbati e spaventati. Dal controllo sugli ingressi nel carcere di Milano Opera, risultò che, pur essendosi qualificati come carabinieri, non lo erano.    Il terzo punto riguarda una vicenda ancora oggi misteriosa del 1996-'97, cioè il concepimento in carcere dei figli dei due fratelli boss di Brancaccio. In quel periodo Giuseppe e Filippo Graviano, ritenuti fra l'altro i mandanti dell'omicidio di don Pino Puglisi, erano detenuti nel carcere palermitano dell'Ucciardone e, secondo quanto detto dallo stesso Giuseppe nelle conversazioni intercettate in carcere nel 2015, avrebbero consumato dei rapporti sessuali con le rispettive mogli all'interno del penitenziario di massima sicurezza. La Corte d'Assise d'appello di Palermo, presieduta da Angelo Pellino, a latere Vittorio Anania, ha rinviato l'udienza al 18 luglio per le controdeduzioni delle difese. 

Commenti
    Tags:
    stato mafiaberlusconiprocesso
    in evidenza
    ELISA ISOARDI SI METTE A NUDO TOPLESS. E SU SALVINI DICE CHE..

    GOSSIP E LE FOTO DELLE VIP

    ELISA ISOARDI SI METTE A NUDO
    TOPLESS. E SU SALVINI DICE CHE..

    i più visti
    in vetrina
    Calciomercato: Roma piazza colpo Veretout, Milan-Correa. E Cutrone...

    Calciomercato: Roma piazza colpo Veretout, Milan-Correa. E Cutrone...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lamborghini, arriva il super contratto integrativo

    Lamborghini, arriva il super contratto integrativo


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.