A- A+
Cronache
Stupro Firenze, ecco i nomi dei due carabinieri. Ed è caccia alle foto
Dopo i nomi usciti oggi e ormai certi, Marco Camuffo e Pietro Costa, ora è caccia febbrile, tra errori e fake news, alle foto dei carabinieri. E dopo quella pubblicata da la Nazione, ecco l'immagine messa online dal quotidiano Libero di uno dei due militari accusati di stupro a Firenze

Nel caso dello "stupro di Firenze" compaiono i due nomi dei carabinieri accusati di aver violentato due giovani americane: l'appuntato scelto Marco Camuffo (50 anni), sposato con figli, e Pietro Costa (30) originario di Palermo, quest'ultimo atteso oggi in Procura per deporre di fronte ai magistrati incaricati dell'indagine. (Secondo Libero, Marco Camuffo avrebbe invece 43 anni).

Indagine dalla quale sono emersi nuovi elementi che peggiorano la situazione dei due esponenti dell'Arma e che smentiscono il racconto dell'appuntato Camuffo, il quale ha ribadito che il rapporto fu "consenziente" e di non essersi accorto che la ragazza con cui ha consumato il rapporto sessuale fosse "ubriaca". Un elemento, quest'ultimo, confutato dalle analisi cliniche che hanno invece riscontrato nella studentessa americana in questione un tasso alcolemico molto alto. Gli inquirenti tendono a escludere quindi che l'appuntato possa non essersi accorto delle condizioni della giovane americana e del fatto che fosse incapace di intendere e di volere.

Ai due militari indagati vengono contestate diverse violazioni e omissioni. Quella di essere entrati in primis in dicoteca e di fare tappa al bar mentre erano in servizio, la decisione di far salire in auto le due studentesse americane (la cui "assicurazione antistupro", mai contratta, è risultata essere una bufala), decisione consentita solo in casi eccezionali e comunque previa segnalazione alla centrale operativa (segnalazione mai pervenuta da Camuffo e Costa). Ancor più grave la scelta di entrare nel palazzo dove le due americane risiedevano, lasciando l'auto di servizio parcheggiata di fronte al caseggiato sito in una zona che, forse, non era neanche di loro competenza, elemento sul quale sono in corso ulteriori accertamenti. 

Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera aggiunge un particolare piuttosto inquietante: "La spregiudicatezza di entrambi convince i magistrati della procura militare ad ampliare gli accertamenti. Secondo le prime informazioni trasmesse da Firenze, mercoledì era la seconda volta che i due carabinieri uscivano insieme in pattuglia. Eppure si sono fidati l’uno dell’altro, hanno violato tutte le regole evidentemente consapevoli che non sarebbero stati traditi. Ecco perché si ipotizza che il loro comportamento possa non essere isolato e dunque si vuole accertare se ci sia una rete di complicità che “copre” eventuali abusi. Proprio come accaduto in Lunigiana dove un’inchiesta della Procura di Massa Carrara ha portato agli arresti otto carabinieri di caserme diverse per aver abusato sessualmente di almeno una donna e aver picchiato numerosi stranieri. Per questo nell’elenco dei testimoni da convocare ci sono gli altri quattro carabinieri intervenuti mercoledì sera alla discoteca Flo, senza escludere di poter interrogare anche altri colleghi e superiori".

CACCIA ALLE FOTO DEI CARABINIERI. CALDEROLI: SBATTUTI COME MOSTRI IN PRIMA PAGINA, MENTRE A RIMINI C'ERA IL TERRORE DI SCRIVERE CHE SI TRATTAVA DI IMMIGRATI...

"Ma perché la settimana scorsa c'era il terrore di scrivere che gli stupratori di Rimini erano immigrati, nonostante le inequivocabili dichiarazioni delle vittime, e adesso il presunto stupro di cui sono sospettati due Carabinieri campeggia sulle prime pagine?", interviene così Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato e responsabile organizzazione e territorio della Lega Nord, sulla vicenda di Firenze e sulla caccia ai nomi e alle foto dei due carabinieri accusati. "Il mostro va sbattuto in prima pagina solo quando non si tratta di un immigrato? - continua -. Comunque su questa vicenda aspettiamo che la magistratura faccia piena luce. Se poi i due militari risulteranno colpevoli allora dovranno pagare con il massimo della pena, come tutti gli stupratori, ma se risulteranno innocenti, in molti dovranno chiedergli scusa. E dovranno essere scuse pubbliche.

 

Tags:
stupro firenzecarabinierimarco camuffopietro costastudentesse americanepolizza antistupro

in vetrina
Pippo Inzaghi aspetta un figlio da Angela Robusti. E Borriello...

Pippo Inzaghi aspetta un figlio da Angela Robusti. E Borriello...

Advertisement
Advertisement
i più visti
in evidenza
Giulia De Lellis vs Ignazio Moser Lo sfogo sul fidanzato di Cecilia

Gossip

Giulia De Lellis vs Ignazio Moser
Lo sfogo sul fidanzato di Cecilia

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo Giulia si aggiudica la XXV edizione del premio “Compasso d’Oro ADI”

Alfa Romeo Giulia si aggiudica la XXV edizione del premio “Compasso d’Oro ADI”

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.