A- A+
Cronache
"Tutti denuncino Letta e Monti. I suicidi sono sulla loro coscienza"

di Lorenzo Lamperti

twitter@LorenzoLamperti

"Questi pensano che chi arriva a togliersi la vita sia un pazzo o un debole. Ma non è così. E' gente abbandonata dal governo e dallo Stato. Quei morti ce li hanno tutti sulla coscienza". Antonio Corcione, ideatore della denuncia di massa al governo per istigazione al suicidio, spiega in un'intervista ad Affaritaliani.it origine e obiettivi dell'iniziativa: "Se ci fossero politiche sociali le persone non arriverebbero a tanto. Ma ai politici interessano di più gli F35 e le auto blu che i problemi di chi resta senza lavoro". In pochi giorni 12 mila persone hanno condiviso l'idea: "Tutti possono presentare un esposto con l'aiuto di sei studi legali tra cui quello di Carlo Taormina". Sui Forconi: "Spaccandosi hanno tradito gli italiani. Con le buone in Italia non si ottiene niente, dobbiamo mandarli in galera".

Antonio Corcione, com'è nata l'idea di denunciare il governo per istigazione al suicidio?

Nasce dall'esperienza di una web radio, Radio Informazione Libera, dove abbiamo spesso parlato di problemi sociali. Mi sono imbattuto in diversi casi di suicidi per la crisi. Ho pensato che così davvero non si potesse più andare avanti. Parlando con l'avvocato Antonio Grazia Romano abbiamo cercato di trovare una soluzione e abbiamo capito che si poteva denunciare il governo per istigazione al suicidio.

Quante persone sono state coinvolte in questa idea?

Fare singolarmente una denuncia, io o la famiglia dell'uomo suicidato che mi ha fatto decidere di dare il via al tutto, non sarebbe servito. Abbiamo capito che doveva essere coinvolto il maggior numero di persone possibile. Così subito dopo Natale abbiamo creato un evento su Facebook. Non credevamo ai nostri occhi: nel giro di qualche giorno hanno aderito 6-7 mila persone. A oggi sono 12 mila ma solo perché si è bloccato il contatore. Da qui tutta una serie di messaggi che ci arrivano nel privato di persone che si sentono abbandonate dallo Stato, dal governo e dalle istituzioni.

Quanti studi legali hanno deciso di aderire?

Per ora ce ne sono sei. Le richieste sono tante, ma noi prima di coinvolgere uno studio legale valutiamo la bontà delle loro intenzioni. Non vogliamo che qualcuno ci speculi. Per esempio l'avvocato Carlo Taormina si è presentato da solo e ha accettato di farlo gratuitamente. Qualsiasi cittadino può fare la denuncia senza pagare compensi.

Chiunque può fare la denuncia?

Chiunque può presentare l'esposto. Abbiamo messo online una bozza di denuncia e sono già tantissimi quelli che la stanno scaricando. Basta scaricarla, compilarla e scegliere uno degli studi legali messi a disposizione.

Qual è la base per chiedere la condanna per istigazione al suicidio del governo?

Non ci sono politiche sociali. Se una persona si reca al proprio Comune perché ha bisogno qualcosa gli viene detto che non ci sono soldi. Non esiste il reddito di cittadinanza. I cittadini si sentono abbandonati, nessuno si occupa delle persone in difficoltà economiche. Anzi, al contrario. Ci sono molti casi di genitori che perdono il lavoro e che si vedono togliere i figli dagli assistenti sociali. C'è tanta gente che ha perso tutto e che non vede altra uscita possibile se non il suicidio. Sono stati istigati. Se ci fosse stata una poltica sociale i suicidi non ci sarebbero. Altro che F35, il governo dovrebbe dare sostegno alle famiglie. E invece continuiamo a vedere tutti gli sprechi e le auto blu... Insomma, ci sono i presupposti perché venga aperta un'inchiesta, speriamo solo di trovare un magistrato che voglia farlo.

La denuncia è rivolta solo al governo Letta o anche a quelli precedenti?

La denuncia è rivolta al governo Letta e al governo Monti.

Qual è il vostro obiettivo?

Mandarli in galera e fargli restituire tutto.

Crede che con un governo diverso le cose migliorerebbero?

Non credo più nella politica italiana. Se salissero persone serie e oneste credo che l'Italia si potrebbe salvare ma non so se ce ne sono. Troppe persone vengono abbandonate. Questi pensano che la gente che si suicida sia folle o debole, ma non è così. Sono loro i veri responsabili di più di 2200 morti negli ultimi anni. Tutte queste vittime ce le hanno loro sulla coscienza.

Avete rapporti con il Movimento 9 Dicembre?

Noi ringraziamo il Movimento 9 Dicembre perché ha risvegliato la coscienza di tante persone ma purtroppo alla fine è stato una grande delusione. Le loro spaccature interne hanno portato allo sconforto tanta gente. Molti presidi hanno chiesto di collaborare con noi. Ci sono alcuni presidi, come quello di Reggio Calabria, che in queste ore stanno andando a presentare la nostra denuncia in massa.

Meglio la linea oltranzista di Donato Calìvani o quella più conciliante di Mariano Ferro?

Per cambiare il Paese non bisogna scendere a compromessi con questo governo. Personalmente appoggiavo la linea della protesta a oltranza con più cittadini possibile. Premetto che sono contro ogni forma di violenza ma purtroppo in Italia con le buone non si arriva da nessuna parte. Purtroppo il movimento si è spaccato, sono stati a discutere a lungo per stabilire chi aveva tradito chi ma la verità è che alla fine sono loro che hanno tradito gli italiani.

E se nessun magistrato aprisse un'inchiesta a partire dalla vostra denuncia?

Abbiamo creato un Comitato, che si chiama Comitato Popolare articolo 580 cp (dall'articolo che prevede l'istigazione al suicidio) e questa è solo la prima iniziativa. Ce ne saranno altre centinaia. Faremo una o due denunce di massa al mese fino a quando non gliela faremo pagare.

DENUNCIA DI MASSA: L'INIZIATIVA

Di Giuseppe Iudici

I cittadini, dopo il coordinamento del 9 dicembre che, nonostante la sua spaccatura ai vertici, continua con presidi , affilano le armi con un "Esposto-Querela" di massa. L'iniziativa parte da pochi cittadini che creano un evento sui social network e dai 200.000 invitati in pochi giorni piu' di 10.000 partecipano.

Persone comuni come Antonio Corcione, Aladino Lorin, Lino Ricchiuti, gli avvocati  Antonio Grazia Romano e Paolo Sabbioni creano e concretizzano la querela che viene pubblicata su internet. Lunedi 13 gennaio gli italiani potranno presentarsi alle stazioni dei carabinieri depositando la denuncia.

Gli avvocati che per ora hanno aderito sono:
Avvocato Grazia Antonio Romano - Via F. Baracca 16 - 85100 - Potenza

Avvocato Paolo Sannino & Associati - via Isca del Pioppo,144/a, 85100 - Potenza

Studio legale Tiziana Molendi - Via F.Federigi n. 1262 - 55047 Querceta di Seravezza (LU)

Studio Legale Prof. Carlo Taormina Via Cesi Federico, 21 - 00193 Roma (RM)

Studio legale Irmici Giuseppe in San Severo (FG) al Viale Castellana 8/H - 71016 SAN SEVERO

La disperazione e i suicidi (ricordo che da inizio anno sono 30 gli italiani morti) comincia a smuovere la coscienza e la poca forza rimasta a persone che davvero sono stanche di vedere ricchezza nei palazzi della politica e italiani che si suicidano nella indifferenza di chi deve tutelarli in un periodo di crisi mai riscontrata nella nostra storia.

Italiani pronti ad uscire dal mondo virtuale che gridano "giustizia" persone allo stremo che chiedono solo un lavoro o di non perderlo.  

L'evento inizialmente creato da questi cittadini e' stato spostato perche' il contatore dei partecipanti si e' bloccato, ecco il link attuale https://www.facebook.com/events/187052464835335/?source=1 e questo era il primo, dove 200.000 persone sono state invitate
https://www.facebook.com/events/1403273216585206/?source=1  

Istigazione al suicidio in riferimento all'articolo codice penale 580, queste le accuse degli italiani ai nostri governanti: non aver fatto il possibile per i cittadini, non aver istituito numeri e istituzioni locali in grado di aiutare le famiglie in crisi, e questo esposto a parere mio deve andare oltre il fatto che vogliono denunciare e magari metterli in penitenziario i politici, ma evidenzia la voglia in qualche modo di non stare piu' in silenzio, evidenzia la rabbia e disperazione che copre le nostre citta', evidenzia il fatto che qualcosa sta cambiando nei italiani e presumo che non sara' ne la prima e ne l'ultima iniziativa partita da semplici italiani, penso che il 2014 sara' l'anno in cui sara' il popolo italiano a cambiare il sistema , bastera' unirli nella loro disperazione e nessuno potra' fermarli, la barca e' in mare e pare che stiano remando per una meta ben precisa, far cadere il governo e ripartire con persone nuove, e forse una uscita dall'euro potra' essere la loro prima mossa.  

Leggevo in questo evento i commenti e credetemi non ho mai visto in questi ultimi anni tanta determinazione da parte di migliaia di persone, e ben vengano finche' si rimane nel civile e rispettosi della legge italiana.  

Ecco quindi l'esposto pubblicato che da lunedi in poi gli italiani depositeranno alle stazioni dei carabinieri:
https://docs.google.com/document/d/1tdxdLUyIufba2NwYzlnB4no8_hKlNMnvn19pha_Ca_Q/edit?pli=1
Istigazione al suicidio e' l'accusa e giustizia chiedono ma in tanti pensano che se nulla verra' fatto per loro c'e' sempre quella divina.
Io? io sono con i cittadini.

Tags:
suicidiquerelagoverno
in vetrina
Georgina: "Io e Cristiano Ronaldo? Basta uno sguardo e ci capiamo"

Georgina: "Io e Cristiano Ronaldo? Basta uno sguardo e ci capiamo"

i più visti
in evidenza
Fabio Fognini trionfa a Montecarlo "Dedico la vittoria a mia mamma"

Tennis

Fabio Fognini trionfa a Montecarlo
"Dedico la vittoria a mia mamma"


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Concept GLB cresce la famiglia dei SUV Mercedes

Concept GLB cresce la famiglia dei SUV Mercedes


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.