A- A+
Cronache
Tangenti cooperative. Arrestato ex portiere Torino Renato Copparoni
Advertisement

di Antonio Amorosi

 

C'è chi ci ha giocato per anni con le figurine Panini e chi lo ricorda come il primo portiere del campionato di serie A ad aver parato un rigore a Diego Armando Maradona. Renato Copparoni (nella foto delle figurine, annata 1979-80) è stato tra gli anni '70 e gli '80 il portiere di Cagliari, Torino e Verona ma oggi, a 64 anni, è stato arrestato per tangenti in un affare della Ccc di Bologna, grande consorzio di cooperative emiliano.

 

Copparoni era l'intermediario dell'affare.

 

Questa mattina l'intervento della Guardia di Finanza di Cagliari che ha fermato tra il capoluogo sardo, Forlì, Nuoro e Modena Copparoni ed altre quattro persone (sono finite tutte ai domiciliari). Tra loro anche Gianni Lolli, 64 anni di Modena, dirigente del consorzio che si aggiudicò l'appalto, il Consorzio cooperative costruzioni Ccc e molto conosciuto nella città ducale. Tra gli altri l'ex sindaco di Quartu Sant’Elena Davide Galantuomo, 56 anni, che è stato anche ex presidente dell’Ente acque Sardegna. Con i tre Luigi Betti di Forlì e Salvatore Paolo Pinna, 54 anni, già finito nella maxi inchiesta sugli appalti truccati della Procura di Oristano.

 

La tangente da 89.000 euro sarebbe stata spartita tra Galantuomo, Pinna e Copparoni.

Secondo gli inquirenti serviva a vincere un appalto da 9,5 milioni di euro, utili alla progettazione ed esecuzione di un impianto di produzione di energia rinnovabile solare in un'area industriale in provincia di Nuoro. 

 

«La cui turbativa», spiega l'ordinanza del Gip «può essere desunta dalle modalità di indizione del bando di gara e dagli incontri tra gli indagati». Secondo il Gip, «è stata provata in modo certo la corresponsione di una tangente» di 89.000 euro, destinata «all'ex amministratore unico del predetto ente pubblico sardo (Galantuomo), a titolo di compenso per il buon esito dell'affare illecito» tramite l'intermediazione di Copparoni.

 

Gli 89.000 euro erano solo la prima tranche. Le indagini, effettuate con intercettazioni telefoniche, ambientali e telematiche e con l'acquisizione di documenti e di dichiarazione di testimoni, hanno fatto emergere che a fronte della promessa di una somma di 135.000 euro, sarebbe stata spartita tra l'ex amministratore pubblico sardo, un professionista (l'ingegnere Pinna) che si sarebbe prestato a fatturare una fittizia prestazione professionale nei confronti della Cooperativa per giustificare il passaggio illecito di denaro, e un intermediario, risultato essere il trait d'union tra il dirigente del consorzio e l'amministratore della società consorziata, necessario per far poi veicolare la tangente.   

 

In passato Renato Copparoni è stato anche responsabile commerciale in Sardegna della Cpl Concordia, coop modenese che si occupa di energia e finita in un'inchiesta giudiziaria importante nel 2014.

 

 

Tags:
tangenti torinotangenti copparonitangenti sardegnatangenti torino calciotangenti ccctangenti cooperativetangenti
in vetrina
Asteroide gigante punta la Terra. Osservando la traiettoria dell'ASTEROIDE...

Asteroide gigante punta la Terra. Osservando la traiettoria dell'ASTEROIDE...

i più visti
in evidenza
Kinsey Wolansky rivelazione hot "Dopo l'invasione, 2 calciatori..."

Sport

Kinsey Wolansky rivelazione hot
"Dopo l'invasione, 2 calciatori..."


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Hyundai: con la campagna Next Awaits racconta la sua storia

Hyundai: con la campagna Next Awaits racconta la sua storia


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.