A- A+
Cronache
Terrorismo, il ritorno di Al Baghdadi svela un cambio di strategia dell'Isis

Isis, il discorso di Al Baghdadi svela un cambio di strategia

Recuperare una base di supporto popolare ed imporre la propria ideologia sugli altri gruppi jihadisti. Sono i principali obiettivi del recente messaggio audio attribuito al leader del sedicente Stato islamico (Is), Abu Bakr al-Baghdadi, evidenziati da Lorenzo Marinone, responsabile del Desk Medio Oriente e Nord Africa del Ce.S.I. - Centro Studi Internazionali. In un'intervista ad Aki-Adnkronos International, l'esperto premette che l'audio dell'autoproclamato Califfo "sembra assolutamente attendibile" ed è registrato "verosimilmente durante il mese di agosto" e afferma che dal messaggio emerge "l'esistenza di una competizione molto profonda nel mondo jihadista per far prevalere un'ideologia piuttosto che un'altra e quindi per riuscire ad imporsi in determinate aree della regione mediorientale a scapito di quelli che a tutti gli effetti sono avversari". Si tratta di un messaggio che "dà enorme spazio a questioni 'interne' al panorama jihadista" e "quindi non è tanto rivolto agli Stati Uniti, all'Occidente" ma a "tutta quella galassia, non solo Daesh (l'acronimo dell'Is in lingua araba, ndr), ma anche al-Qaeda e tutte quelle organizzazioni che possono essere ideologicamente vicine all'universo di Daesh", prosegue l'analista, ricordando come l'ultimo messaggio attribuito ad al-Baghdadi risalga al settembre dello scorso anno. 

 Marinone analizza quindi i passaggi del discorso di quasi un'ora dell'autoproclamato Califfo partendo dalla Siria e, in particolare, da quello che sta avvenendo e può succedere nei prossimi mesi nella regione di Idlib, l'ultima aerea sotto il controllo dei ribelli. A Idlib, sottolinea l'esperto del Ce.S.I, "c'è un gruppo che era la branca di al-Qaeda in Siria, Hayat Tahrir al-Sham, che adesso avrebbe sciolto i legami con al-Qaeda e dal quale da alcuni mesi si è staccato un nucleo separatista che, invece, dichiara ancora la fedeltà ad al-Qaeda". Secondo l'esperto, gli attriti e i contrasti tra le varie formazioni jihadiste possono rappresentare "una possibile base di reclutamento per Daesh che cerca di beneficiare dalla competizione tra al-Qaeda e chi si è staccato da al-Qaeda". "Emerge un messaggio molto chiaro anche riguardo l'Iraq - prosegue Marinone - In particolare al-Baghdadi si rivolge alle tribù sunnite ricordando l'esito dell'esperienza dei Consigli del Risveglio", ovvero quella fase del 2006-2007 in cui le tribù sunnite si erano alleate con le forze statunitensi rivoltandosi contro al-Qaeda, della quale erano state il nucleo fondante.

"Ora le tribù sunnite sono strette tra due fuochi: da una parte l'Is che è presente in quelle zone con delle cellule e dall'altra le autorità irachene e la coalizione internazionale - sostiene l'esperto - In questo contesto il messaggio di al-Baghdadi è mirato a recuperare la propria base di supporto: è un passaggio delicato dal punto di vista di Daesh per la sua sopravvivenza e per la possibilità di agire in quelle aree. Il gruppo, infatti, ha sempre avuto la necessità di avere un qualche tipo di supporto tra la popolazione locale. E' una priorità assoluta come lo era per al-Qaeda". Marinone aggiunge che "Daesh continua ad essere una minaccia globale, ma in questa fase i riferimenti qualitativi del messaggio di al-Baghdadi lasciano intendere che la priorità sia data alle aree dove tradizionalmente è nato e ha ricevuto supporto" e sottolinea come "Daesh venga fuori da una storia di sconfitte e vittorie militari, da un'esperienza quella di al-Qaeda in Iraq, che ha avuto fasi alterne". "Anche le sconfitte più dure non hanno annullato la capacità del gruppo di riorganizzarsi ed espandersi e non sono riuscite a scalfire il suo portato ideologico. Al di là della singola figura di al-Baghdadi, ci sono meccanismi tali per cui, se anche venisse meno, l'organizzazione potrebbe comunque sopravvivere", conclude.

Tags:
terrorismoal baghdadiisis

in evidenza
Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Tria e Di Maio visti dall'artista

i più visti
in vetrina
Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.