A- A+
Cronache
Theia, un progetto rivoluzionario per ridare la vista ai ciechi

Oltre 250 milioni di persone con importanti problemi di vista, 36 milioni di queste totalmente cieche ( secondo i dati 2017 dell’OMS), potrebbero cominciare a sperare di poter migliorare la loro condizione di salute grazie ad un progetto rivoluzionario denominato Theia.

 

Perché Theia?

Nella mitologia greca Theia era infatti la dea della luce.

Il progetto, estremamente complesso, guidato in primis dall’Istituto di Scienza e Tecnologia di Barcellona ( Bist ) ha, come primario obiettivo, di ridare la vista a ben 230 milioni di persone.

Theia, dea della luce. Impegnati i migliori Centri di Ricerca della Catalogna

Theia è un progetto di ricerca nel quale sono impegnati i migliori Centri di Ricerca della Catalonia: dall’Istituto di Bioingegneria, all’Istituto di Scienze Fotoniche, dal Centro di Regolazione del Genoma, all’Istituto di Ricerche Chimiche a quello di Nanoscienze e Nanotecnologie, per finire con  l’Istituto di Fisica e quello per la Ricerca in Biomedicina.

 

I migliori cervelli internazionali sono uniti in uno sforzo multidisciplinare con un obiettivo di grande valore.

 

Anche perché, quando si parla di cecità, alcuni dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità fanno riflettere. Confermano che l’80% dei casi di cecità poteva essere evitato e nonostante ciò, è prevista nel 2050, una crescita forte di casi, quasi 120 milioni previsti.

 

In estrema sintesi cosa si sta studiando?

 

I centri di ricerca stanno sviluppando, ognuno per quanto riguarda la propria competenza, un impianto di grafene che verrà messo a contatto con la retina.

Questo impianto avrà l’obiettivo di stimolare, attraverso elettrodi, i neuroni che sono responsabili di mandare gli impulsi al cervello.

Theia, dea della luce. Non prima di 10 anni.

Attualmente i ricercatori stanno collaudando protesi in vetro per essere sicuri del corretto funzionamento. A breve però si comincerà a provare su maialini nani, dato che l’occhio di questo animale è molto simile a quello umano, dal punto di vista fisiologico.

 

Certo che, pur essendo i risultati molto incoraggianti, non si può immaginare che Theia sia distribuito commercialmente prima di 10/15 anni.

 

Il potenziale però è altissimo visto che, soprattutto in Europa, il grave problema della perdita della vista si presenta in crescita continua. Una crescita dipendente, soprattutto, dall’aumento dell’aspettativa di vita.

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    cecitàspagna

    in evidenza
    Macigno sul Grande Fratello Vip L'amara scelta di Mediaset

    Ascolti flop

    Macigno sul Grande Fratello Vip
    L'amara scelta di Mediaset

    i più visti
    in vetrina
    Royal Family News, tra Meghan Markle ed Elisabetta II scoppia il "tiara-gate"

    Royal Family News, tra Meghan Markle ed Elisabetta II scoppia il "tiara-gate"

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

    Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.