A- A+
Cronache

 

documentario carcere 500

Un giovane di 24 anni ha subito una lesione al midollo spinale perché dieci anni fa ha pugnalato un suo amico che oggi è paralizzato. E' successo in Arabia Saudita come racconta Die Bild.

Ali Al-Khawahir dieci anni fa aveva pugnalato un suo amico. A seguito dell'aggressione il ragazzo è rimasto paralizzato. Per sfuggire alla condanna "occhio per occhio" l'aggrssore avrebbe dovuto risarcire la vittima con una somma pari a 208 mila euro ma essendo in carcere da 14 anni per l’azione compiuta, non è riuscito a raccimolare la cifra.

Saudi Gazette spiega che il ventiquattrenne saudita non è stato condannato a morte ma a subire la stessa violenza che lui usò dieci anni fa sul suo amico. Ali è condannato alla paralisi come punizione proprio per averla indotta al suo amico poiché lo ha accoltellato alla spina dorsale.

Tags:
arabiacondannapenaparalisi
Loading...
in vetrina
GRANDE FRATELLO VIP 4 UNA SUPER VIP IN CASA. ELIMINAZIONE-NOMINATION E... Gf Vip 4 news

GRANDE FRATELLO VIP 4 UNA SUPER VIP IN CASA. ELIMINAZIONE-NOMINATION E... Gf Vip 4 news

i più visti
in evidenza
Bacio tra Ronaldo e Dybala Il video diventa subito virale

Sport

Bacio tra Ronaldo e Dybala
Il video diventa subito virale


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Ecologica e spaziosa, come graffia la nuova Ford Puma

Ecologica e spaziosa, come graffia la nuova Ford Puma


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.