A- A+
Cronache
Tumori: terapia genica leucemie, le 'staminali memoria' fanno sperare

Contro i tumori del sangue arriva una speranza dalle cellule T staminali di 'memoria', opportunamente modificate per il trattamento delle leucemie. Ricercatori e clinici dell'IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano, una delle 18 strutture di eccellenza del Gruppo Ospedaliero San Donato, hanno preso in esame il sistema immunitario di alcuni pazienti affetti da leucemia acuta che avevano ricevuto un trapianto di midollo osseo e la terapia genica TK sviluppata da MolMed. L'indagine dei ricercatori ha identificato un sottotipo di linfociti T della memoria immunologica che perdura negli anni e che potrebbe essere "armato" per combattere efficacemente i tumori. Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Science Translational Medicine, e' stato finanziato da AIRC e AIL. Le equipe della professoressa Chiara Bonini, vicedirettore della Divisione di Immunologia, Trapianti e Malattie Infettive, e del professor Fabio Ciceri, direttore dell'Unita' di Ematologia, entrambi dell'IRCCS Ospedale San Raffaele e Universita' Vita-Salute San Raffaele si sono concentrate su pazienti arruolati nella sperimentazione clinica TK007. I pazienti, all'epoca affetti da leucemia acuta, avevano ricevuto a partire dal 2000 il trapianto di midollo osseo da donatore familiare parzialmente compatibile.

La sperimentazione prevedeva l'infusione di linfociti T del donatore, modificati geneticamente con il gene "suicida" TK, al fine di poter fornire ai pazienti un nuovo sistema immunitario, capace di combattere la leucemia e di difenderli dalle infezioni, e suscettibile di essere controllato selettivamente nel caso di complicanze. Gli scienziati hanno studiato il sistema immunitario di dieci pazienti appartenenti alla sperimentazione TK007. Afferma Giacomo Oliveira, primo autore della pubblicazione: "Per prima cosa abbiamo verificato che i parametri immunologici di questi pazienti, a distanza di anni dal trapianto e dalla terapia genica, fossero uguali a quelli che si trovano in soggetti sani e di pari eta'. Il passo successivo e' stato quello di identificare quali cellule del sistema immunitario resistono nel tempo e quali di queste potranno essere 'armate' in futuro per combattere piu' efficacemente le leucemie". "Siamo partiti avvantaggiati - continua Chiara Bonini - perche' i linfociti erano stati modificati tramite la terapia genica ed era possibile quindi rintracciarli nei pazienti a distanza di tempo".

Attraverso dei marcatori molecolari e' stato cosi' possibile identificare i linfociti T nei pazienti a distanza di 2-14 anni dalla loro infusione. Continua Chiara Bonini: "Ci siamo chiesti quale, tra tutti i sottotipi di linfociti T che erano stati infusi 2-14 anni prima, fosse capace di persistere a lungo termine e abbiamo notato che le cellule piu' capaci di espandersi e di mantenersi a lungo sono le cellule definite memory stem T cells. Da anni stiamo studiando il ruolo delle memory stem T cells nella memoria immunologica, in questo lavoro abbiamo verificato il loro effettivo contributo in pazienti con leucemia".

Questa scoperta ha importanti conseguenze per lo sviluppo dell'immunoterapia dei tumori. "Oggi e' possibile 'armare' geneticamente i linfociti T in modo che riconoscano ed eliminino le cellule tumorali residue con precisione ed efficacia" dice Chiara Bonini e "grazie a questo studio possiamo supporre che se armiamo geneticamente la sottopopolazione di memory stem T cells, queste cellule sopravvivranno molto a lungo nel paziente, contribuendo a mantenere la remissione. La presenza del gene suicida ci permettera' inoltre di controllare le eventuali tossicita'". "La strategia del gene suicida TK - aggiunge Claudio Bordignon, CEO di MolMed S.p.A - e' attualmente testata nello studio clinico randomizzato in Fase III TK008, attivo in Europa e negli Stati Uniti e sponsorizzato da Molmed". Conclude Fabio Ciceri: "Le risposte cliniche che si sono ottenute con linfociti geneticamente modificati aprono un nuovo scenario per i nostri pazienti, grazie al profilo di efficacia nella ricostituzione immunologica e nel controllo della malattia da trapianto verso l'ospite in pazienti trapiantati da donatore familiare parzialmente compatibile". .

Tags:
tumoriterapia genicaleucemiestaminali memoria

in vetrina
Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

i più visti
in evidenza
Carlotta Maggiorana è Miss Italia Dal film con Brad Pitt alla corona

Spettacoli

Carlotta Maggiorana è Miss Italia
Dal film con Brad Pitt alla corona

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.