Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Londra, ibernata una 14enne morta di cancro. Storico sì dei giudici

Una 14enne britannica malata terminale di cancro ha ottenuto il diritto di essere ibernata, tramite criogenesi

ibernata

IBERNATA UNA 14ENNE BRITANNICA MALATA TERMINALE DI CANCRO

Una 14enne britannica malata terminale di cancro ha ottenuto il diritto di essere ibernata, tramite criogenesi, negli Stati Uniti. Lo ha stabilito un giudice dell'Alta Corte di Londra, Peter Jackson, poco prima che la ragazza morisse, lo scorso ottobre, ma la sentenza e' stata resa nota solo dopo che il corpo e' stato congelato. Secondo quanto riporta il Guardian, la ragazza aveva inviato una lettera al tribunale spiegando la sua richiesta.

STORICO SI' DEI GIUDICI ALLA CRIOGENESI

"Ho solo 14 anni e non voglio morire ma so che moriro'. Penso che la criopreservazione possa darmi una chance di essere curata e risvegliata, anche tra 100 anni. Non voglio essere sotterrata. Voglio vivere e penso che in futuro possano trovare una cura per il mio cancro. Questo e' il mio desiderio", ha scritto la giovane e il tribunale le ha dato ragione. Il corpo e' stato trasportato da Londra negli Usa e congelato da una societa' privata specializzata, al costo di 37.000 sterline. I genitori della ragazza sono divorziati e il padre, che non vedeva dal 2008, si era inizialmente opposto alla richiesta. L'azienda piu' famosa nel campo della criogenesi e' l'americana Alcor. Le prime ibernazioni umane risalgono agli anni Sessanta e da allora, secondo il Guardian, solo un centinaio di persone si sarebbero affidate a questa tecnica.


In Vetrina

Filippa Lagerback e Fazio: baci a Che tempo che fa dopo Bossari-Blasi al GF VIP 2
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.