A- A+
Cronache
Vaccini: aumentano coperture; esavalente 94,5%, morbillo 91,6%

Vaccini: aumentano coperture; esavalente 94,5%, morbillo 91,6%

Quasi il 95% di copertura per il vaccino esavalente, oltre il 91 per l'antimorbillo, che ha fatto segnare una crescita del 4,4% in un anno. I numeri delle coperture vaccinali nel 2017, diffusi oggi dal ministero della Salute, dicono chiaramente che la legge Lorenzin che reintroduce l'obbligo per poter accedere alla materna e alle elementari ha avuto un effetto consistente, a dispetto delle proteste e delle polemiche di stampo no-vax. Invertendo drasticamente la preoccupante inversione di tendenza che dal 2013 al 2016 aveva fatto precipitare le coperture vaccinali nel nostro Paese ben sotto quota 95%, raccomandata dall'Organizzazione Mondiale della Sanita' per limitare la circolazione di questi virus e batteri nella collettivita' e ottenere oltre alla protezione dei singoli soggetti vaccinati anche la cosiddetta immunita' di gregge. Un crollo non senza conseguenze: lo scorso anno l'Italia e' stata interessata da una estesa epidemia di morbillo, che ha causa quasi 5.000 casi, di cui oltre 300 tra operatori sanitari, con 4 decessi. Ora la situazione e' cambiata: la copertura nazionale a 24 mesi (relativa ai bambini nati nel 2015) nei confronti della polio (usata come proxi per le vaccinazioni contenute nell'esavalente) si avvicina al 95% (94,54%) guadagnando un +1,21% rispetto al 2016, e con 11 regioni che superano il 95%; l'aumento e' ancora piu' marcato nel caso della copertura per la prima dose di vaccino contro il morbillo, che arriva al 91,68%, con un +4,42% rispetto all'anno precedente, una regione che supera il 95% (il Lazio) e altre due che vi si avvicinano (Piemonte e Umbria). Aumentano anche le coperture nei confronti delle vaccinazioni non obbligatorie, come anti-pneumococcica (88,4% nel 2016 vs 90,84% nel 2017) e anti-meningococcica C (80,7% nel 2016 vs 83,06% nel 2017).

Vaccini: aumentano coperture; esavalente 94,5%, morbillo 91,6% - il trend

Il trend generale positivo e' confermato anche dalle coperture vaccinali nazionali a 36 mesi (relative ai bambini nati nell'anno 2014). Questo dato e' utile soprattutto per monitorare la quota di bambini ritardatari, cioe' che erano inadempienti alla rilevazione vaccinale dell'anno precedente e che sono stati recuperati, se pur, appunto, in ritardo. Le coperture a 36 mesi mostrano valori piu' alti rispetto a quelle rilevate per la medesima coorte di nascita a 24 mesi l'anno precedente: ad esempio, la coorte di nascita 2014 ha una copertura vaccinale anti-polio pari a 95,05% a 36 mesi, rispetto al 93,33% rilevato l'anno prima a 24 mesi (+1,72%); l'aumento e' ancora piu' marcato nel caso del morbillo che cresce del 5,12%, passando da 87,26% a 92,38%. Anche le altre vaccinazioni obbligatorie superano il 95%, con l'eccezione, se pur per pochi punti decimali, di anti-epatite B e anti-Haemophilus influenzae tipo b. "Il miglioramento delle coperture vaccinali - riassume il ministero - e' risultato significativo per tutte le fasce d'eta' oggetto della rilevazione, ad indicare che le misure straordinarie messe in atto nel corso del 2017, in particolare l'approvazione del decreto-legge 7 giugno 2017, n. 73, convertito con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2017, n. 119, e gli interventi di comunicazione che l'hanno accompagnato e seguito, nonche' la grande resilienza dei servizi territoriali deputati all'erogazione delle vaccinazioni, che hanno avuto la capacita' di riorganizzarsi in pochissimo tempo per rispondere ad una domanda di vaccinazione considerevolmente aumentata per ottemperare al nuovo obbligo vaccinale, sono riuscite ad arrestare il trend in diminuzione delle coperture vaccinali. E' necessario proseguire l'impegno - e' l'appello - in termini di miglioramento dell'offerta e dell'accesso ai servizi, ma anche della capacita' di rispondere alle istanze dei cittadini per dissolvere i dubbi sulla efficacia e sicurezza dei vaccini e sull'utilita' ed opportunita' delle vaccinazioni, anche nei confronti di malattie solo apparentemente scomparse, per garantire coperture vaccinali ancora piu' efficaci e per raggiungere e mantenere le soglie raccomandate dall'OMS

Vaccini: ministero, 9 bimbi su 10 protetti da morbillo (+5%)

Oltre nove bambini su dieci, da 0 a 5 anni, sono vaccinati contro il morbillo. Con un aumento notevole, +5,32% in appena 12 mesi. Sono i dati definitivi sulle vaccinazioni riferiti al 2017 resi noti oggi dal ministero della Salute. Dati positivi dovuti anche e soprattutto al varo della legge Lorenzin che reintroduce l'obbligatorieta' per dieci vaccini, tra cui proprio quello contro il morbillo, malattia protagonista di una vera epidemia nel nostro Paese lo scorso anno con quasi 5 mila malati e 4 morti. I dati parlano chiaro: le coperture vaccinali a 48 mesi (relative ai bambini nati nell'anno 2013), rilevate quest'anno proprio per verificare l'impatto della legge sull'obbligo vaccinale in termini di attivita' di recupero dei soggetti inadempienti, dicono che l'anti-polio passa da 93,43% (dato a 24 mesi rilevato al 31 dicembre 2015) a 94,73%, e l'anti-morbillo da 85,27% a 90,59%, con un guadagno rispettivamente dell'1,30% e del 5,32%. Riguardo alle vaccinazioni in eta' pre-scolare, generalmente somministrati a 5-6 anni (relative ai bambini nati nell'anno 2010), si registra un +2,94% per la quarta dose di anti-polio (85,7% nel 2016 vs 88,68% nel 2017) e un +3,57% per la seconda dose (ciclo completo) di anti-morbillo (82,24% nel 2016 vs 85,80% nel 2017): Un'ulteriore rilevazione ad hoc ha riguardato la coorte di nascita 2009, per le vaccinazioni eseguite entro gli 8 anni, per la quale si registra un recupero significativo: solo per fare un esempio, la copertura nei confronti della polio (quarta dose) guadagna un +4,51% arrivando a 90,21% e quella contro il morbillo (seconda dose) un +4,83% raggiungendo l'87,07%. Per la seconda volta quest'anno, inoltre, vengono pubblicate le coperture per le vaccinazioni effettuate nell'adolescenza. La rilevazione e' stata fatta su due coorti: i sedicenni (coorte 2001) e i diciottenni (coorte 1999). Anche per queste coorti si conferma un miglioramento delle coperture vaccinali: l'anti-difterica (quinta dose) nei sedicenni aumenta di 4,43% (63,64% nel 2016 vs 68,07% del 2017) e l'antimorbillo (seconda dose) guadagna il 4,98% (78,86% nel 2016 vs 83,84%% del 2017); nei diciottenni si osserva un aumento del 3,73% per anti-difterica e +6,05% per anti-morbillo.

Tags:
vaccinivaccino morbillovaccino esavalente

in vetrina
Grande Fratello Vip 3, GIULIA SALEMI A FRANCESCO MONTE: "ERO INNAMORATA DI TE..." Gf Vip 3 news

Grande Fratello Vip 3, GIULIA SALEMI A FRANCESCO MONTE: "ERO INNAMORATA DI TE..." Gf Vip 3 news

i più visti
in evidenza
Silvia Provvedi va giù duro "Fabrizio Corona? E' un uomo..."

Gossip

Silvia Provvedi va giù duro
"Fabrizio Corona? E' un uomo..."

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
DS 7 crossback E-Tense 4x4, il lusso diventa elettrico

DS 7 crossback E-Tense 4x4, il lusso diventa elettrico

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.