A- A+
Cronache
Morbillo, boom di casi in Italia: 5 mila malati e 7 morti in un anno

Morbillo: oltre 5mila casi in un anno, 7 morti

Oltre 5mila casi dall'inizio dell'epidemia, nel 2017. Sette vittime, compresa la ragazza di 25 anni morta oggi a Catania. Non cessa l'allarme per il morbillo, tornato in Italia con una violenza inattesa anche dagli esperti: e' stato proprio l'incremento dei casi nei primi mesi dello scorso anno a indurre il ministero della Salute a rompere gli indugi e a varare la legge che reintroduce dieci vaccinazioni obbligatorie. Nel 2017 si sono registrati 5.076 casi di morbillo, con 4 decessi. Tutte le Regioni hanno segnalato casi, ma il 89% proviene da sette: Piemonte, Lazio, Lombardia, Toscana, Abruzzo, Veneto e Sicilia. L'88% dei casi segnalati era non vaccinato e il 6% ha ricevuto solo una dose di vaccino. L'eta' mediana e' pari a 27 anni. La maggior parte dei casi (74%) e' stata segnalata in persone di eta' maggiore o uguale a 15 anni, e l'incidenza maggiore si e' verificata nei bambini sotto l'anno di eta'.

Si contano anche 302 casi tra gli operatori sanitari. Dopo un rallentamento autunnale, la malattia ha ricominciato a colpire a gennaio: secondo gli ultimi dati disponibili diffusi dall'Istituto Superiore di Sanita', nel primo mese del 2018 si contano 164 casi di morbillo con due persone decedute (una di 38 anni e una di 41) per insufficienza respiratoria. Tutte le vittime non erano vaccinate, e tutte tranne uno avevano altre patologie di base. In tutti i casi la causa del decesso e' stata insufficienza respiratoria. Nel 2018 il 40,2% dei casi (66/164) ha riportato almeno una complicanza. La complicanza piu' frequente e' stata la diarrea, riportata in 24 casi (14,6%). Sono stati segnalati 12 casi di polmonite (7,3%) e 8 casi (4,9%) con insufficienza respiratoria. Altre complicanze riportate includono casi di stomatite (32 casi), cheratocongiuntivite (17 casi) ed epatite (13 casi). Prendendo in esame i numeri degli ultimi 5 anni, si capisce come l'allarmismo non sia ingiustificato: dal 2013 sono stati oltre diecimila i casi di morbillo nel nostro Paese, ma il trend discendente si e' bruscamente arrestato nel 2017, che ha fatto registrare in soli dodici mesi oltre 5mila casi, la meta' del totale. Sono i dati forniti dal bollettino dell'Istituto Superiore di Sanita'. Nel dettaglio, dall'inizio del 2013 sono stati segnalati 10.320 casi di morbillo di cui 2.269 nel 2013, 1.695 nel 2014, 255 nel 2015, 861 nel 2016, 5.076 nel 2017 e 164 nel 2018 (nel mese di gennaio).

Tags:
vaccinimorbillo

in vetrina
Zoe Cristofoli lascia Fabrizio Corona. Cristofoli-Corona addio: ecco perchè

Zoe Cristofoli lascia Fabrizio Corona. Cristofoli-Corona addio: ecco perchè

i più visti
in evidenza
Carlotta Maggiorana è Miss Italia Dal film con Brad Pitt alla corona

Spettacoli

Carlotta Maggiorana è Miss Italia
Dal film con Brad Pitt alla corona

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.