A- A+
Cronache
Vendeva schiavi alle coop per la Gdo. Arrestato in India, ora denunciato ma...

Lo schiavo io ce l'ho in coop e tu no? 

Il meccanismo è oleato da anni di efficienza nella Grande distribuzione organizzata, nella logistica e nelle fabbriche. Ma ogni tanto si inceppa, come qualche giorno fa, quando è emerso a livello interregionale la condizione di una parte della comunità indiana in Italia che vive in condizione di schiavitù (e non sono neanche quelli che arrivano con i barconi).

Un caporale è stato arrestato. Non in Italia, dove si parla per ideologia di repressione del fenomeno, bensì nel Paese di origine del caporale, l'India.

“Se sei di quella nazionalità e vuoi venire a lavorare in Italia paghi circa 5.000 euro per avere un lavoro e un posto letto a 330 euro al mese, in un appartamento con altri 10 o 20 connazionali”, spiega ad AffaritalianiGianni Boetto di Adl Cobas di Padova: “Ti arriverà un contratto a tempo determinato da facchino in una coop per 11 o 12 ore al giorno e tre o quattro mesi di durata”. Poi iniziano i rinnovi, ogni 6 mesi, con la speranza di ottenere un passaggio a tempo indeterminato. 

“Va avanti così da sempre”, racconta Boetto, “da quando esiste il decreto flussi che non si adotta più da 3 o 4 anni, con paghe da 3 o 4 euro l'ora, ma il sistema resta. L'imprenditore poteva assumere lavoratori immigrati dall'estero. Ma cosa vuole ne sapesse l'imprenditore italiano di chi era all'estero!? Così arrivano i caporali che garantiscono le 30 persone richieste per fare il tal lavoro.”

A centinaia i lavoratori sono costituiti in cooperative che fanno servizi per la Gdo, per le fabbriche, la logistica o in agricoltura. Il committente dice di non saperne nulla e tutto finisce lì. Si paga per entrare nel “giri” e il gioco è fatto. Tutta Italia si muove da anni su questa falsa riga e i gruppi etnici vengono organizzati a seconda del settore del caporale. Braccianti, facchini, donne delle pulizie, addetti ad ogni tipo di lavorazione, sono gli invisibili con paghe da fame che livellano il mercato e quindi anche i costi delle merci che troviamo sugli scaffali dei supermercati: fanno da pilastro alla nostra economia. Non occorre andare nelle baraccopoli del sud per vederli, basta frequentare i mercati di Milano, Torino, Bologna, Firenze e le reti della Gdo. Un mondo di schiavi che difficilmente emerge nelle storie patinate della tv italiana e che se si raccontano si mostrano come eccezione. Su di loro in nulla incidono le ricette dei salotti radical chic del salario minimo o i sofismi sulla ridistribuzione della ricchezza. Andrebbe ripensato il mercato del lavoro. Ma chi dovrebbe farlo?

Uno di questi spaccati è emerso qualche giorno fa e non per merito dei nostri sistemi di controllo. Uno dei caporali indiani, Tanwer Tara Chand, che per anni ha portato i suoi connazionali nel nordest veneto, a Padova come a Verona, arrivando fino ad Alessandria e Sansepolcro (Ar), è stato arrestato nello Stato del Rajasthan per minacce, dentro una controversa vicenda di omicidio.

La Adl Cobas di Padova ha tenuto una manifestazione contro il caporalato negli stessi giorni a Padova. “E' un ambiente caratterizzato dal terrore ma da poco a Verona Tanwer Tara Chand è stato denunciato per caporalato da un lavoratore. Stessa cosa sta accadendo ad Alessandria”, ha spiegato Boetto. All’inizio della settimana Tanwer è tornato in libertà in India e dovrebbe presto tornare in Italia.

Secondo il sindacato Adl, Tanwer Tara Chand avrebbe portato nel nostro Paese centinaia di indiani per lavorare nella logistica e nelle fabbriche nordestine. Durante il corteo i lavoratori raccontavano come fossero vittime di metodi mafiosi e venduti quali schiavi alle coop costituite per procacciarsi il lavoro. “Spesso siamo noi dei sindacati di base a denunciare. Ma anche se troviamo degli ispettori bravi i tempi della giustizia sono così lunghi che tutto si inceppa e nulla cambia”, racconta Boetto, mettendo in luce un quadro devastante che ha modificato per sempre il mercato del lavoro italiano.

Tags:
schiavigdolavoroindianicoop
in evidenza
Heidi Klum, Taylor Mega e poi... Tutti i topless da urlo (e non solo)

Belen, Diletta Leotta e... GALLERY

Heidi Klum, Taylor Mega e poi...
Tutti i topless da urlo (e non solo)

i più visti
in vetrina
LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS

LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova Astra debutta in anteprima mondiale a Francoforte 2019

Nuova Astra debutta in anteprima mondiale a Francoforte 2019


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.