A- A+
Cronache
Veterinari: quanto costa la medicina e cosa potranno permettersi i cittadini
Stampante 3D, orecchio ricostruito a 5 bambini

Il nostro Sistema Sanitario Nazionale è tra quelli che garantiscono le maggiori coperture del pianeta.
Siamo in posizione nettamente opposta alla gestione di cui ci giungono notizie dagli Stati Uniti, dove tra i primi interventi del neo-eletto Presidente si parla proprio di ridurre nuovamente i costi della sanità.
La crisi economica dell’ultimo decennio ha spesso sollevato il problema, ma non sono evidenti delle risposte concrete sull’intero sistema. Meritevole il tentativo di creare appalti nazionali per i prodotti sanitari, in modo da razionalizzarne le spese di mercato di una parte del contesto. Assai meno percepito dall’opinione pubblica è il progressivo aumento dei ticket che in molte regioni giunto persino all’ 80% dei costi sanitari riportati dalle aziende sanitarie (persino per i bambini!).

Un capitolo della sanità  è anche quello della medicina veterinaria.
Dobbiamo sempre ricordare che la veterinaria pubblica riguardava soprattutto la gestione degli animali indispensabili per nutrire e mantenere la popolazione umana. Quella veterinaria sarebbe necessariamente ridotta da un sistema produttivo nazionale fortemente contratto negli ultimi 25 anni (fino all’80%). In parte si è ampliata per una maggiore sensibilità nei confronti degli animali da compagnia. La pietra miliare può essere attribuita al fenomeno “randagismo” nel quale l’Italia è sicuramente un Paese eccellente (quanto a numeri): l’ultimo rapporto Eurispes ci dice che l’animale da compagnia “il 22,1% lo ha preso in un canile (e simili), il 30,4% ha adottato un animale abbandonato”.

Buona notizia? Dipende da che lato la vogliamo guardare. Forte sensibilità di chi adotta, ma per il 52,5% non esiste alcuna fattura di acquisto (fatti salvo le più o meno “libere” donazioni richieste o pretese). Inoltre si cerca spesso di aiutare l’adozione con contributi pubblici a chi svuota i canili.
Tanto di cappello ai cittadini pieni di buona volontà, tuttavia il problema non si è affatto ridotto, anzi è cresciuto, con ulteriore incremento di spesa pubblica, in particolare a carico di municipi e sanità. Fenomeno squisitamente sud-europeo.

Senza arrivare agli “estremismi” USA, sarebbe corretto spiegare ai cittadini che la sanità degli animali da compagnia richiede una certa consapevolezza.
Fondi pubblici significa in sostanza tasse a 360°, versate anche da chi non possiede alcun pet!

Parrebbe non difficile da comprendere che in tale contesto la remunerazione (stipendio mensile) è scollegata dal costo delle prestazioni erogate; vale a dire che un reddito sostenibile non dipende da quanto si incassa a fine mese, dal prezzo applicato o dalle spese emesse per operare, ma principalmente dal contratto stipulato con il Sistema Sanitario. Non è dunque un servizio pagato “da nessuno” e non è corretto un confronto con la libera professione, i cui costi sono diretti. Non è nemmeno paragonabile con lo sfruttamento di false partite IVA.
Colpisce anche il confronto dei numeri.

Abbiamo circa 5.300 veterinari del SSN e altri 1.500 Veterinari Specialisti, assunti a livello regionale. Sommiamo a questi i veterinari regionali in senso stretto delle nostre 20 Regioni, altri nei Ministeri e in tutti gli organismi pubblici periferici.

Questo è il dato ufficiale della Francia, nazione con un territorio quasi doppio del nostro (547.000 km/quadrati contro 301.000), un numero di animali allevati decisamente superiore con -per entrambe– circa 60 milioni di abitanti.

Per il Sindacato Veterinari Liberi Professionisti il problema dei costi della sanità e dei redditi di categoria può essere affrontato anche cercando progressivamente di trasformare la Veterinaria, separando il pubblico (controllore) dal privato (controllato) e arrivando a chiarire la posizione dei Comuni, nei quali i Sindaci, “responsabili” del randagismo, finiscono per avere scarsa possibilità decisionale.

 Angelo Troi – Segretario SIVeLP  - sivelp.it

Medico veterinario e dr. in scienze e tecnologie per l'ambiente e la natura

Fonte

Tags:
veterinarimedicina

in vetrina
Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

i più visti
in evidenza
La moglie rompe il silenzio "Michael è un combattente e..."

Schumi, parla Corinna

La moglie rompe il silenzio
"Michael è un combattente e..."

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Moto Guzzi. L’Aquila torna… in pista con il Trofeo “Fast endurance”

Moto Guzzi. L’Aquila torna… in pista con il Trofeo “Fast endurance”

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.