A- A+
Cronache
Yara, scontro Alfano-procura. Il ministro attacca i pm

Yara: Alfano, Procura si chieda chi ha divulgato dettagli  - "Credo che il procuratore di Bergamo non ce l'avesse con me anche perche' non ho divulgato dettagli, si dovrebbe chiedere invece chi ha inondato i mass media di una quantita' infinita di dettagli e informazioni. Certamente non e' stato il governo". Cosi' il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, a margine della 31esima conferenza internazionale antidroga, a chi chiedeva un commento sulle parole del procuratore capo di Bergamo, Francesco Dettori, che ha precisato che sul caso andava mantenuto "il massimo riserbo". "L'opinione pubblica - ha aggiunto il ministro Alfano - aveva il diritto di sapere ed ha saputo anche per essere assicurata".

La procura - "Era intenzione della Procura mantenere il massimo riserbo. Questo anche a tutela dell'indagato in relazione al quale, secondo la Costituzione, esiste la presunzione di innocenza". E' quanto ha sottolineato il procuratore capo di Bergamo, Francesco Dettori, all'indomani del fermo di Massimo Giuseppe Bossetti per l'omicidio di Yara Gambirasio.

La notizia del fermo di Bossetti - muratore originario di Clusone, sposato con tre figli - era stata comunicata in una nota dal Viminale. Il sospettato, che prima ha negato ogni responsabilita' e poi si e' avvalso della facolta' di non rispondere, ieri sera e' stato fatto oggetto di insulti e di grida di 'assassino' da parte della gente che si trovava davanti alla caserma durante il primo interrogatorio. Dopodiche' e' stato portato in carcere dove ha trascorso la notte.

Quarantaquattro anni e una sorella gemella, Bossetti e' stato individuato grazie all'esame del Dna (e' il figlio naturale di Giuseppe Guerinoni, il camionista morto nel 1999 il cui Dna era risultato sovrapponibile con quello ritrovato sul corpo di Yara). Il suo cellulare, inoltre, sarebbe risultato tra quelli che avevano impegnato la cella della zona dove e' stato ritrovato il cadavere dell'adolescente nell'ora in cui sarebbe avvenuto l'omicidio. Secondo alcune ricostruzioni, non confermate, Bossetti sarebbe il nipote della donna di servizio dei Gambirasio.

Alfano, fatto un grande lavoro dalle forze dell'ordine - "Sul caso di Yara Gambirasio e' stato fatto un grande lavoro e ringrazio le forze dell'ordine per il loro impegno". Lo ha ribadito questa mattina il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, a margine della conferenza sulle politiche antidroga al quale partecipano delegati di 123 Paesi.

"E' stato ottenuto un grande risultato - ha detto il ministro Alfano - che si unisce all'arresto del triplice omicida di ieri. Le nostre forze dell'ordine hanno centrato due grandi risultati e cio' significa che nel nostro Paese il destino di chi uccide e' la galera". Ai giornalisti che chiedevano se nei confronti dell'operaio Giuseppe Massimo Bossetti fossero emerse altre prove oltre quella del Dna, il ministro dell'Interno ha sottolineato che "saranno le forze di polizia e la magistratura a fornire tutti gli elementi" e che comunque "la presunzione di innocenza vale anche in questo caso". 

Yara: Grillo su facebook, Alfano l'ha fatta grossa. Senza parole
"Il ministro Alfano l'ha fatta grossa, siamo letteralmente senza parole". E' quanto scrive Beppe Grillo sul suo profilo Facebook, rimandando al link di un articolo del sito 'Tze Tze' in cui viene espressa una posizione critica nei confronti del comportamento del ministro dell'Interno, in merito agli ultimi sviluppi del caso Yara.

Tags:
lavorigratistassecomune
in vetrina
Crisi, le reazioni social: da De Falco a Salvini, ecco le più virali. FOTO

Crisi, le reazioni social: da De Falco a Salvini, ecco le più virali. FOTO

i più visti
in evidenza
Stati Uniti e Cina litigano sul 5G Ma Huawei lavora già al 6G

Guerra fredda tech

Stati Uniti e Cina litigano sul 5G
Ma Huawei lavora già al 6G


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nissan Juke, svelate le foto della seconda generazione in arrivo a settembre

Nissan Juke, svelate le foto della seconda generazione in arrivo a settembre


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.