L'agente letteraria e la finta scrittrice 17enne cieca... La (brutta) storia (sempre che sia vera...) in un blog anonimo

Sarà successo davvero? E' mistero...

Mercoledì, 29 settembre 2010 - 14:43:00

LO SPECIALE

Libri

Speciale libri/ Scrittori, editori, editor, classifiche, interviste, poltrone, recensioni, brani in anteprima, blog, e-book, riviste online, notizie, curiosità, anticipazioni. Su Affaritaliani.it tutto sull'editoria

di Antonio Prudenzano

Non ci sono prove che la (brutta) storia in questione sia vera, e non ci sono neppure nomi reali, è bene chiarirlo subito. Si parla del lato peggiore dell'editoria libraria...  A raccontare la vicenda, dopo averla vissuta di persona (o almeno così l'autore scrive sul poco noto ma assai commentato blog angraplanet), è un misterioso blogger letterario anonimo, che usa lo pseudonimo "Angra". Veniamo ai fatti: qualche giorno fa Angra pubblica un post in cui spiega di aver scritto una mail a "un'importante agenzia letteraria che annovera nella sua scuderia anche notissimi autori di bestseller". Naturalmente Angra si guarda bene dal fare i nomi...

Nella mail, a cui allega (o avrebbe allegato) il manoscritto del suo romanzo fantasy, si finge Amanda Curcio (nome di fantasia, ndr), 17enne cieca da quando ha dieci anni ("Questo per fortuna non mi impedisce di immaginare altri mondi, e così negli ultimi due anni ho speso molto del mio tempo libero nello scrivere il romanzo fantasy che può trovare in allegato. (...) In tutto questo lavoro mi è stata vicina mia nonna Giulia, lettrice forte e grande appassionata di tutte le sfumature del fantastico, dandomi buoni consigli e ripulendo il mio manoscritto da un milione di errori di battitura. Sperando che il romanzo possa essere di suo gradimento, la saluto cordialmente").

Nel seguito del post, Angra racconta quello che è successo dopo l'invio della mail. Il giorno dopo la misteriosa nota agente letteraria risponde (davvero "fortunata", la nostra Amanda... di solito chi manda un manoscritto sa di dover aspettare - se gli va bene - dei mesi...), mostrandosi interessata. Passano altri dodici giorni, riceve una telefonata. E' sempre l'agente. Angra, che nella realtà si dichiara "un ingegnere di 40 anni", si finge il padre della ragazza cieca. Ecco il testo della telefonata (non si sa se vera o inventata, lo ripetiamo a costo di risultare noiosi):

"Pronto?"
"Buongiorno, vorrei parlare con Amanda..."
"Buongiorno a lei... Amanda non è qui adesso, io sono il padre. Siamo in vacanza."
"Quand'è che posso trovarla?"
"Noi adesso siamo in Irlanda, ma torniamo a casa domani."
"Io mi chiamo Xyzxy Xyzxyz e sono un'agente letteraria. Amanda mi ha mandato un romanzo..."
"Sì sì, so tutto."
"Ah bene! Io e i miei collaboratori stiamo leggendo il romanzo e pensiamo che Amanda abbia molto molto talento. Può dire ad Amanda di chiamarmi appena può?"
"Sì senz'altro."
"Dove abitate voi?"
"Genova."
"Molte grazie, arrivederci."
"Arrivederci, grazie a lei."

A questo punto Angra decide di dire basta alla "sceneggiata", e la mattina del 9 settembre scrive una mail all'agente:

(...) dato che la mia intenzione non era certo quella di prendermi gioco di persone perbene, dopo la telefonata di due giorni fa mi sento in dovere di dirle che Amanda non esiste. Il romanzo che lei ha sottomano è stato scritto da un ingegnere di quarant'anni un po' esasperato da editori e agenti letterari che non hanno mai voluto leggerne nemmeno una riga, e che nella maggior parte dei casi non si sono mai nemmeno degnati di rispondere alla domanda "posso inviarvelo?". Un mondo che sembra aperto solo ai raccomandati, e nel caso della letteratura fantasy preferibilmente minorenni. Con il nome di Amanda ho quindi mandato il mio romanzo a un po' di editori e agenti, come esperimento per capire se un romanzo può essere valido di per sé o se ciò che conta per un editore è solo il poter sfruttare la figura dell'autore a scopo pubblicitario, e in questo caso lasciar perdere del tutto l'editoria italiana. Non voglio però correre il rischio di ingannare persone che non lo meritano affatto insieme a editori che invece lo meritano di certo, per cui mi scuso se ho approfittato della sua buona fede. Nel caso che il romanzo non risulti più interessante se non è stata Amanda a scriverlo, spero di non aver fatto perdere troppo tempo a lei e ai suoi collaboratori, e che la lettura non sia stata troppo sgradevole. Cordiali saluti, Alessandro

L'agente aspetta sei giorni per rispondere:

Gentile Alessandro, dopo lo shock iniziale ho capito e apprezzato il suo ragionamento. Purtroppo devo dirle che il libro che parte in maniera eccellente, pur mantenendo sempre un'ottima scrittura, mi ha deluso. Ci sono troppi personaggi e la linea narrativa è confusa. Mi piacerebbe però leggere qualcos'altro scritto da Lei che NON sia fantasy. Lei- come Amanda - ha molto talento ma il mercato oggi è difficile. Sono aperta a nuove proposte da lei. Saluti

Angra conclude con amarezza il suo post: "La colpa non è nemmeno della Signora X: il fatto è che, a parità di romanzo, la ragazzina cieca sarebbe andata via come il pane e gli editori avrebbero fatto a coltellate per contendersela, mentre io le sarei rimasto di sicuro sul groppone. Resta la soddisfazione di essersi sentiti dire che si ha molto molto talento da una famosa agente letteraria? E chi lo sa. La famosa agente letteraria rappresenta ottimi scrittori quanto emeriti 'c... 'che non saprebbero disegnare una O aiutandosi col bicchiere, e avrà detto a tutti che avevano molto molto talento. Probabilmente ai secondi più che ai primi."

Seguono parecchi commenti (qui). Morale della favola: anche se la storia non fosse vera, resta decisamente plausibile. Il nostro Angra ha ragione nella sua concluione: "la colpa non è nemmeno della Signora X" (che, dal canto suo, non fa certo una bella figura...). Agli editori, e prima ancora agli agenti letterari, a parità di qualità letteraria del manoscritto di turno interessa senz'altro più un'adolescente cieca dell'ennesimo ingegnere 40enne che sogna di esordire...

A questo punto sarebbe interessante che, nel caso non si trattasse solo di un post verosimile e ben sceneggiato, l'aspirante scrittore e l'agente uscissero allo scoperto. E chissà se Angra accoglierà l'invito della Signora X e le manderà un altro suo manoscritto, non del genere fantasy... 

 

 

 

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA