Franchini ad Affaritaliani.it: "Il nuovo libro di Paolo Giordano? Potrebbe arrivare nel 2011..."

IL PERSONAGGIO/ Ha 'scoperto' gli esordienti più venduti degli ultimi anni, Paolo Giordano, Roberto Saviano e Alessandro Piperno. Antonio Franchini, editor degli italiani della Mondadori, nell'ambiente è una star. Con Affaritaliani.it ha parlato del suo nuovo libro da scrittore, "Signore delle lacrime" (Marsilio), della sua attività di editor e della passione per le arti marziali... "Non scrivo romanzi perché non sono in grado. I miei sono 'oggetti narrativi ibridi'...". E rivela: "Forse il 2011 sarà l'anno d'uscita del seguito de 'La solitudine dei numeri primi' di Giordano...". E sulla moda degli esordienti: "Il clamore è più che altro mediatico. Prima o poi si placherà". L'INTERVISTA

Giovedì, 13 maggio 2010 - 13:00:00

AFFARITALIANI.IT INCONTRA GLI EDITOR DI NARRATIVA ITALIANA...

Antonio Franchini (editor degli italiani di Mondadori) si racconta a tutto campo con Affaritaliani.it e rivela: "Il nuovo libro di Paolo Giordano? Potrebbe arrivare nel 2011... La moda mediatica degli esordienti? Passerà..."

Lo scrittore & editor Mario Desiati ad Affaritaliani.it: "Vi racconto la collana di italiani ('Galleria', ndr) che curo per Fandango..."

Lo scrittore Nicola Lagioia racconta ad Affaritaliani.it la collana di culto 'Nichel' che cura per Minimum Fax

Jacopo De Michelis, editor della Marsilio, ad Affaritaliani.it: "La moda degli esordienti? Chi se ne lamenta è incoerente..."

Giulio Mozzi ad Affaritaliani.it: "Silvia Avallone? E' una scrittrice 'solida'... Il libro di D'Avenia? E' brutto..."

Con Alet gli "Iconoclasti" della nuova letteratura italiana. L'intervista di Affaritaliani.it a Giulia Belloni, la curatrice della nuova collana

Mario Bonaldi, editor degli italiani di Isbn, ad Affaritaliani.it: "Trovare scrittori italiani esordienti di qualità? Difficilissmo..."

Giulio Milani, (ri)fondatore, direttore ed editor di Transeuropa, ad Affaritaliani.it: "Cerchiamo di 'tradire creativamente' l'eredità di Pier Vittorio Tondelli. E sugli esordienti..."

Simone Caltabellota (ex direttore editoriale della Fazi, oggi a Elliot) ad Affaritaliani.it: "A lungo essere un editor ha bloccato il romanziere che è in me..."

Giacomo Papi (ex direttore editoriale Isbn, attuale consulente di Einaudi Stile Libero) ad Affaritaliani.it: "La letteratura italiana di oggi? Ambiziosa e autobiografica, dopo anni di minimalismo"

L'EX DIRETTORE DELLA DIVISIONE LIBRI MONDADORI

Stefano Mauri gian arturo ferrari
Ferrari & Mauri

Il presidente del Centro per il Libro Gian Arturo Ferrari ad Affaritaliani.it: "Il mio erede? Per ora non ho intenzione di 'abdicare', ma Stefano Mauri (Gems) è molto bravo..."

 

FRANCESCO PACIFICO E FRANCHINI...

Francesco Pacifico racconta ad Affaritaliani.it i suoi tormenti religiosi di ex ultracattolico. E parla del suo editor Antonio Franchini... LEGGI L'INTERVISTA

 

LO SPECIALE

Libri

Speciale libri/ Scrittori, editori, editor, classifiche, interviste, poltrone, recensioni, brani in anteprima, blog, riviste online, notizie, curiosità, anticipazioni. Su Affaritaliani.it tutto sull'editoria

di Antonio Prudenzano

antonio franchini editor mondadori
Antonio Franchini

E' stato lui a 'scoprire' Paolo Giordano e a cambiare il titolo originale del suo romanzo d'esordio, che poi avrebbe vinto il penultimo premio Strega: da "Dentro e fuori dall'acqua" a  "La solitudine dei numeri primi". Giordano ci ha pensato un po' su prima di accettare quella modifica, che si è poi rivelata determinante per lo straordinario successo del libro. 'Lui' è l'editor di narrativa italiana più influente d'Italia, non solo perché lavora per l'editore più importante, la Mondadori. Antonio Franchini, napoletano classe '58, non ha scoperto solo Giordano. Nell'ambiente dell'editoria libraria è una star. Alla lista vanno infatti aggiunti, tanto per fare qualche nome, Roberto Saviano, Alessandro Piperno e l'ultimo della serie, Alessandro D'Avenia. Con Antonio Franchini Affaritaliani.it non ha parlato solo della sua attività di editor, ma anche delle sue passioni extra-professionali. Lo spunto di partenza, però, è l'uscita per Marsilio del suo ultimo libro, "Signore delle lacrime". Ambientato in India, il libro non è (solo) un resoconto di viaggio romanzato, né (solo) una meditazione sulla vita e la sua fine.

Franchini, è giusto definire "Signore delle lacrime" un "reportage narrativo"? 
"Preferisco non proporre definizioni, ma se proprio devo allora parlerei di 'oggetto narrativo', una forma ibrida. Ho sempre scritto testi analoghi. L'unico mio libro più narrativo è la raccolta di racconti 'Acqua, sudore, ghiaccio' (Marsilio, 1998, ndr)".

antonio franchini signore delle lacrime marsilio
La copertina

E' vero che non scrive romanzi per evitare un possibile conflitto d'interessi con la sua attività principale, quella di editor?
"Se non scrivo romanzi è solo perché non sono in grado...".

Cosa rappresenta per lei l'India?
"Dico una cosa banale: l'India è una culla di tante cose. L'Asia Centrale più in generale è una culla di culture che si espandono. Tutte le grandi religioni, ad esempio, nascono da questo territorio comune. E in India fisicamente sono stato due volte".

La narrazione è interrotta da numerose citazioni tratte dalla tradizione induista...
"Dalla mattina alla sera leggo narrativa italiana, che ovviamente mi piace molto, ma di tanto in tanto ho bisogno di 'staccare', di 'antagonizzare' queste letture con altre di tipo diverso. Dal momento che il principale rischio della narrativa è la volatilità della parola, perché l'incedere dell'azione fa sì che la parola sia vassalla dell'azione stessa, leggere testi sacri mi permette di avere di fronte pagine in cui al contrario la parola è centrale. Da qualche anno ho sviluppato questa forte passione per la letteratura della tradizione religiosa indiana, e 'Signore delle lacrime' ne è una conseguenza".

Scrivere "Signore delle lacrime" l'ha aiutata a fare un bilancio della sua esistenza?
"Sì, naturalmente".

Quando scrive riesce a essere lo spietato editor di se stesso?
"Si ha sempre bisogno di sguardi esterni".

Ma non dev'essere facile essere l'editor di Franchini...
"Ho lavorato con Marco Di Marco (editor della Marsilio, ndr) e penso che non ci siano state inibizioni da parte sua".

Di recente ha pubblicato un libro per bambini, "La principessa, la scimmia e l'elefante" (Gallucci edizioni). Com'è nato?
"Me l'ha chiesto Gallucci. Ho sempre raccontato storie ai miei bambini, quindi non è stato difficile".

franchini giordano saviano

E veniamo alla sua attività di editor. Se gli esordienti oggi sono di moda, la vita di chi già ha esordito è più complicata. Come aiuta i suoi autori a durare nel tempo e i suoi esordienti a sopravvivere dopo il boom dell'esordio?
"Il lavoro che si fa è lo stesso. E' sempre un discorso estremamente soggettivo, calibrato sull'autore, che dipende dalle caratteristiche psicologiche dello scrittore di turno. Venendo alla prima parte della domanda, il problema c'è, ma è la nostra contemporaneità ad avere una memoria più corta, non solo il mondo della letteratura. Quest'ultima è solo un riflesso marginale di tendenze ben più radicate. L'evoluzione della società da questo punto di vista va verso una direzione sempre peggiore, nel senso che siamo sempre più accelerati e probabilmente lo saremo sempre di più. Ognuno poi ha le sue strategie difensive: nella mia quotidianità faccio di tutto per riconquistare spazi di lentezza, di sopravvivenza individuale. E tornando agli esordienti di moda, il clamore è più che altro mediatico. Anche perché la situazione è la stessa del Dopoguerra. Anche allora si esordiva da giovanissimi. Prima, però, l'esordio non era identificato come tale. Penso che questa estrapolazione mediatica prima o poi si placherà".

Anche in Italia gli agenti letterari cominciano a contare...
"Da noi gli agenti sono ancora poco attivi con gli esordienti, lavorano soprattutto con gli scrittori già affermati. In futuro credo che saranno sempre più attenti agli esordi. Il mondo, soprattutto quello anglosassone, va in questa direzione".

In una recente intervista ad Affaritaliani.it, Baricco ha pronosticato che tra dieci anni lo scrittore italiano (attualmente) emergente di cui più si parlerà sarà Davide Longo. E il suo pronostico qual è?
"Ma pensa davvero che col mestiere che faccio possa rispondere a una domanda del genere?".

Sarà il 2011 l'anno d'uscita dell'attesissimo secondo libro di Paolo Giordano?
"Potrebbe...".

Un'ultima curiosità: quanto la sua passione per le arti marziali l'aiuta nel suo lavoro?
"E' determinante. Non potrei esistere senza una dimensione fisica. Quella intellettuale non mi basta".



 

 

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA