D'Orrico: "Nel mio primo romanzo racconterò l'Italia di oggi, dalla politica all'editoria, passando per il sesso..."

IL PERSONAGGIO/ E' uno dei critici letterari più noti e discussi. Antonio D'Orrico, famoso per le sue recensioni (fin troppo) iperboliche, svela ad Affaritaliani.it: "Su 'Libero' hanno scritto che pubblicherò un romanzo. Ma quello che rivelano sulla trama è falso. La verità è che racconterò l'Italia di oggi, dalla politica all'editoria, passando per il sesso... Non faccio i nomi, ma molti personaggi saranno riconoscibili...". E ancora: "Se i miei colleghi vorranno giocare sporco nei miei confronti lo facciano pure. Non mi faccio certo spaventare... Sarò il primo ad autostroncarmi e ad autoincensarmi...". E qualcuno forse lo accuserà di plagio, perché...

Sabato, 19 giugno 2010 - 11:00:00
Antonio D
D'Orrico

LA REPLICA DI LIBERO A D'ORRICO

Pubblichiamo qui sotto la replica di Francesco Borgonovo, responsabile delle pagine culturali di Libero, a seguito dell'intervista rilasciata stamattina da D'Orrico ad Affaritaliani.it

"Antonio D’Orrico, intervistato da Affari, dice che Libero scrive cose non vere a proposito del suo romanzo. Intanto, il fatto che uno dei recensori più celebri d’Italia sforni un libro è una notizia. Può darsi che la trama e il titolo che abbiamo riportato (precisando, per altro, che si trattava di indiscrezioni) non siano quelli definitivi.  Però Mondadori, nella presentazione del romanzo facilmente rintracciabile su internet, scrive quanto segue: “Liberamente ispirato” di Antonio D’Orrico; collana Scrittori italiani; data di uscita: 10/ 2010; prezzo: 18,50 euro. Trama: <Giovanni Ussorio, ultrasessantenne e benestante vitellone pescarese, perde la testa per una giovane cantante lirica-rock di origini greche. Nel bel mezzo della loro appassionata relazione Violetta, la cantante, sparisce senza lasciare tracce. Giovanni è disperato, irriconoscibile. Costretto dagli amici fedeli, chiede aiuto a uno psicoanalista, temendo con terrore che il ramo di pazzia già presente nella sua storia familiare possa arrivare fino a lui. Nelle notti insonni che seguono, Ussorio medita di dare mandato a un investigatore privato che dia la caccia al fantasma di Violetta. Ma, mentre l’investigatore segue le sue piste, le condizioni di Ussorio si aggravano. Lo psicanalista, un onesto mestierante – il ritratto di Ennio Flaiano! –, gli consiglia scolasticamente di trascrivere i propri sogni per trovare la chiave del suo malessere. Così Ussorio, che non riesce a dormire, figuriamoci a sognare, accontenta il dottore inventando una serie di incubi di cui è protagonista, anzi vittima, ispirandosi a una raccolta di racconti che trova in casa>.
Se D’Orrico intende cambiare, buon per lui. Se riuscirà a raccontare per bene <questo strano Paese>, ancora meglio. Di certo noi non giocheremo sporco. Lo aspettiamo con curiosità, tutto qui. E gli auguriamo che il suo libro non capiti nelle mani di un recensore simile a lui". 
 

LO SPECIALE

Libri

Speciale libri/ Scrittori, editori, editor, classifiche, interviste, poltrone, recensioni, brani in anteprima, blog, e-book, riviste online, notizie, curiosità, anticipazioni. Su Affaritaliani.it tutto sull'editoria

di Antonio Prudenzano

"Nel breve articolo che stamattina Libero mi ha dedicato, quasi nulla corrisponde alla verità". Antonio D'Orrico, 54enne di origini calabre, amatodiato (dai suoi colleghi in particolare...) critico letterario, famoso per le sue fin troppo iperboliche recensioni (è vicedirettore di Sette), contattato telefonicamente da Affaritaliani.it commenta così l'indiscrezione apparsa oggi senza firma sul quotidiano diretto da Belpietro, nella quale si legge che "tra poco" Mondadori pubblicherà un suo romanzo, che si intitolerebbe: "Liberamente ispirato (ma forse no)".

Sempre per Libero, il primo libro di D'Orrico racconterebbe la seguente storia: "un ultrasessantenne e benestante vitellone pescarese perde la testa per una giovane cantante lirica-rock di origini greche. La cantante sparisce. Lui chiede aiuto a uno psicanalista e a un investigatore privato. Lo psicanalista gli chiede di trascrivere i sogni. L'uomo, che non riesca a dormire né a sognare, inventa una serie di incubi...". Ma D'Orrico smentisce (in parte): "E' vero, ho scritto un romanzo e Mondadori, se accetterà, dovrebbe pubblicarlo dopo l'estate (la firma sul contratto non c'è ancora, ma è solo una formalità... ndr), ma la trama è completamente diversa. E il titolo ancora non c'è. Ne avevo in mente uno, ma credo che lo cambierò perché probabilmente non rispecchia più lo spirito del romanzo". Viene spontaneo chiedergli: ma ha intenzione di autodedicarsi una delle sue recensioni entusiastiche? E D'Orrico ci risponde divertito: "Al massimo ne pubblicherei due, una in cui mi esalto e mi incenso come non ho mai fatto prima e l'altra in cui mi stronco senza pietà!".

Naturalmente il "rischio" è che alcuni colleghi un po' invidiosi della notorietà di D'Orrico si "vendichino" stroncando a loro volta il suo libro. A questo proposito giustamente Libero scrive che il critico "si gioca la faccia". Ma il diretto interessato non la pensa così: "Ho sempre giocato pulito. Il proverbio dice 'male non fare paura non avere'. Sono convinto che anche gli altri recensori nei miei confronti useranno il fair play. Se poi vorranno giocare sporco che lo facciano pure. Peggio per loro, io non mi faccio certo spaventare, anche perché non conosco quasi nessuno e non penso di avere nemici nell'ambiente".  Sarà...  D'Orrico, allora ci anticipi qualcosa sulla vera trama del suo primo romanzo: "Tutto è nato dal mio desiderio di riproporre in una versione 'spolverata' alcuni racconti dimenticati di autori italiani di fine '800 inizio '900...". Un momento, non vorrà mica che c'è il rischio che l'accusino di plagio? "No, assolutamente, anche perché gioco a carte scoperte... le faccio un esempio: se in un racconto c'è una donna che si chiama Nita e io la 'trasformo' in un travestito con lo stesso nome non si può parlare di plagio... comunque, dicevo, a un certo punto questi racconti 'riscritti' si sono mescolati tra loro...". E poi cos'è successo? "Ne è venuto fuori un libro in cui racconto l'Italia di oggi, dalla politica all'editoria, passando per il sesso... Non faccio i nomi, ma molti personaggi sono riconoscibili... Ma non sarà un romanzo a chiave, e non sarà il romanzo di un recensore, ma di una persona che vive in questo strano Paese". In bocca al lupo...

 

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA